Apnea / Pesca-sub

Sincope anossica, impariamo a prevenirla durante l’apnea subacquea


Durante l'immersione in apnea il sub sfrutta l'ossigeno presente nei polmoni e nel sangue, durante la permanenza subacquea l'ossigeno diminuisce ed aumenta l'anidride carbonica prodotta dal corpo.

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (Non ci sono Voti)
Loading...

Durante l’immersione in apnea il sub sfrutta l’ossigeno presente nei polmoni e nel sangue, durante la permanenza subacquea l’ossigeno diminuisce ed aumenta l’anidride carbonica prodotta dal corpo.

Sarà proprio il graduale accumularsi di Anidride carbonica nel sangue a stimolare le contrazioni diaframmatiche che vanno considerate dal sub come utilissimo campanello d’allarme.
Infatti il corpo umano non tollera tassi troppo elevati di anidride carbonica e viceversa troppo bassi di ossigeno. Si genera così la sincope anossica con conseguente perdita di coscienza. Questa condizione in acqua può essere fatale.

Il prolungarsi dell’apnea inoltre provoca una sensazione di “piacere” ed induce il sub a spingersi più a lungo nell’apnea e più in profondità; questo sottopone il sub ad un riscio elevatissimo.


In sintesi per mantenere alti i parametri di sicurezza, non effettuate iperventilazione prima di immergervi in apnea perchè questa pratica ritarda gli stimoli diaframmatici che avvisano il sub della necessità di riprendere la respirazione ed in pratica riducono il tempo che intercorre tra gli stimoli diaframmatici e la sincope.
Ai primi stimoli diaframmatici riemergete immediatamente.

Non si deve mai attendere di avere gli stimoli quando si è troppo in profondità, infatti l’ssigeno presente nel sangue e nei polmoni viene consumato anche durante la fase di risalita, spesso infatti le sincopi anossiche colpiscono negli ultimi metri prima della superficie, quando l’ossigeno presente nel sangue e la pressione polmonare non sono più in grado di consentire l’ossigenazione polmonare.

Ricordiamo che il punto più importante per raggiungere obbiettivi in apnea è sicuramente (oltre alla preparazione tecnica ed atletica) la tranquillità psicologica.