Natura

Ricerche petrolifere canale di Sicilia : biodiversità a rischio…


1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (Non ci sono Voti)
Loading...

Greenpeace denuncia una nuova richiesta da parte della società Audax Energy per l’esplorazione dei fondali del canale di
Sicilia alla ricerca di Petrolio.

Greenpeace fà notare come la società sia di proprietà del gruppo Audax ma con sede in Italia e capitale sociale di soli 120.000 euro, questo fatore la rende immune dalle responsabilità in caso di disastro ambientale. Inoltre le zone interessate sono ricche di bio diversità come dimostrano le fotografie scattate dalla Rainbow Warrior che ha effettuato una ricognizione nel canale; possiamocitare ad esempio zone di riproduzione per naselli e triglie, praterie di posidonia e ampie zone rocciose ricche di coralli arancioni.




Greenpeace ha raccolto tutta la documentazione in un post dal titolo “Le mani sul tesoro” dove viene dettagliata la situazione ambientale che andrebbe protetta con una riserva marina e non deturpata con trivellazioni.
Infine l’associazione ambientalista chiede al Ministro Prestigiacomo di bloccare la richiesta di autorizzazione all’esplorazione petrolifera di questi fondali marini.