Sport

Slalom gigante di Beaver Creek aggiudicato da Marcel Hirscher.


1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (Non ci sono Voti)
Loading...

Marcel Hirscher rovina la festa a Ted Ligety strappando la vittoria al paladino di casa sulla pista amica di Beaver Creek.

Il ventiduenne salisburghese, secondo a metà gara, infila una seconda parte impeccabile in cui rovescia l’esito della gara e conquista il quarto alloro della carriera in Coppa del mondo grazie a dodici preziosi centesimi che gli permettono di battere il re delle porte larghe. Chiude il podio il tedesco Fritz Dopfer, sorpresa della giornata, al primo piazzamento fra i primi tre.

L’Italia accoglie con soddisfazione la buona seconda manche di Davide Simoncelli e Giovanni Borsotti. Il trentino, diciottesimo al mattino, realizza l’ottavo tempo nella seconda parte e risale fino al tredicesimo posto. La sua sciata procede ancora a strappi, ma la condizione dopo l’operazione ai legamenti del ginocchio sta salendo e alle porte c’è il gigante di Val Badia, la sua gara preferita. Anche Borsotti rompe gli indugi nella seconda manche, piazza il settimo tempo e recupera dalla venticinquesima alla diciassettesima posizione, vicino alla sua migliore prestazione in coppa.

Qualche punto pure per Manfred Moelgg (venticinquesimo) e Max Blardone (ventiseiesimo), anche se la migliore condizione fra le porte larghe è ancora lontana. Niente da fare invece per Florian Eisath, Alexander Ploner, Christof Innerhofer, Peter Fill, Mattia Casse e Hagen Patscheider, eliminati nella prima manche. La classifica generale vede al comando Aksel Lund Svindal con 294 punti, seguito da Didier Cche con 260 e Beat Feuz con 246. Il prossimo gigante è previsto per martedì 6 dicembre sempre sulla pista di Beaver Creek, che recupera la gara annullata a Val d’Isère.

Il commento del direttore tecnico Claudio Ravetto: “Simoncelli ha avuto ancora problemi sul piano ma ha voglia di risalire, in Val Badia sarà da prime posizioni. Borsotti piano piano sta crescendo, però fa fatica anche lui in queste condizioni. Il resto non troppo bene, dobbiamo lavorare parecchio per crescere”.

 Foto di repertorio