Outdoor

Garmin e Soccorso Alpino collaborano per la sicurezza in montagna.


Garmin Italia supporterà la Scuola Nazionale Direttori Operazioni di Soccorso Alpino fornendo know-how tecnologico per i propri navigatori satellitari, fornendo formazione tecnica e strumentazione GPS.

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (Non ci sono Voti)
Loading...

Siglata la partnership tra l’azienda leader mondiale nell’offerta satellitare e il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico per la fornitura di prodotti e formazione per la navigazione e la localizzazione con GPS in alta quota. Una iniziativa volta a sottolineare l’utilità della tecnologia satellitare in montagna.

L’alpinismo è una attività in forte incremento nel panorama dell’outdoor, perché un crescente numero di appassionati si avvicina al mondo della montagna, attratti dalla sfida che solo il “verticale” è in grado di offrire. Se da una parte tutto ciò rappresenta un aspetto positivo delle attività in quota, dall’altra richiede da parte degli Enti preposti un pres idio costante della montagna, anche e soprattutto a fronte della crescita proporzionale degli incidenti. E a monitorare e intervenire in caso di necessità sono loro, gli angeli della montagna,  gli operatori del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico, sinteticamente racchiusi nella sigla CNSAS.

Da sempre istituzione riconosciuta, il Soccorso Alpino è tra i primi “utenti” a impiegare le nuove tecnologie in grado di contribuire al salvataggio di vite umane, ed è per questo che dopo anni di collaborazioni è stata ufficialmente formalizzata la partnership tra il CNSAS e Garmin, l’azienda leader nella navigazione satellitare. L’obiettivo reciproco del protocollo d’intesa è divulgare e diffondere la cultura della montagna e di tutte le attività ad essa correlate incrementando, tramite l’utilizzo degli strumenti GPS di Garmin, le indispensabili condizioni di sicurezza che sono richieste durante gli spostamenti su terreni naturali in alta quota.

«Stiamo lavorando al fianco del Soccorso Alpino da lungo tempo ed è giunto il momento di comunicare al pubblico degli appassionarti della montagna l’elevata professionalità dei tecnici del CNSAS – ha commentato Stefano Viganò, Marcom Manager Recreation di Garmin Italia – e del loro impegno nel voler essere aggiornati sulle opportunità tecnologiche offerte dagli strumenti Garmin, in particolare per una attività delicata e vitale come il soccorso in alta montagna».

Sotto il profilo pratico, Garmin Italia supporterà la Scuola Nazionale Direttori Operazioni di Soccorso fornendo know-how tecnologico per i propri navigatori satellitari, fornendo formazione tecnica e strumentazione GPS per la gestione dei Corsi operati dalla Scuola. Inoltre Garmin realizzerà con cadenza annuale un Corso di Alta Specializzazione per i Tecnici di Ricerca (TeR) ed i Coordinatori Operazioni di Ricerca (COR), in cui verranno illustrate le innovazioni tecnologiche degli strumenti della gamma dei prodotti Garmin.

«Grazie a questo accordo saremo in grado di attivare un canale diretto tra i responsabili del CNSAS e la nostra struttura – ha aggiunto Massimo D’Eramo, Special Project Manager di Garmin Italia – così da rispondere in tempi rapidi alle problematiche tecniche che dovessero emergere nelle situazioni di utilizzo estreme in cui i tecnici del Soccorso Alpino impiegheranno gli strumenti Garmin».

«La tecnologia come opportunità per elevare gli standard operativi dell’intera nostra struttura così da migliorare ulteriormente tempi e procedure rispondendo sempre più celermente alle mutate esigenze del sistema soccorso – spiega Pier Giorgio Baldracco, Presidente Nazionale del CNSAS –  nell’ottica del miglioramento continuo già a partire dal settore formativo, ovvero dalle Scuole Nazionali, fondamento della nostra articolata organizzazione».

Una partnership che va oltre la semplice collaborazione, poiché Garmin Italia fornirà al personale della Commissione Ricerca del CNSAS i nuovi prodotti che la casa madre immetterà sul mercato, al fine di consentire da parte dei tecnici del CNSAS l’effettuazione di test e prove sul campo, volti a stabilire il campo d’azione dei nuovi prodotti in base agli scopi istituzionali del CNSAS.


Ora anche la montagna è un po’ più sicura.