Outdoor

Il Parco dell’Appennino Tosco Emiliano su Geo &Geo.


Il servizio di Geo & Geo è dedicato ai beni culturali del Comune di Bagnone, che entrò a far parte del Parco Nazionale dell'Appennino Tosco Emiliano nell'estate del 2010.

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (Non ci sono Voti)
Loading...

Il Parco e il suo il suo territorio protagonisti della trasmissione “Geo & Geo” in onda su Rai 3.

Il servizio è dedicato ai beni culturali del Comune di Bagnone, che entrò a far parte del Parco Nazionale dell’Appennino Tosco Emiliano nell’estate del 2010, ampliando e rafforzando un sistema di offerta turistica già ricco e importante.

“Nel 2010 il comune ha raggiunto un importante traguardo, in termini di attenzione all’ambiente, entrando a far parte di un’importante area protetta. Oggi il nostro compito principale – sottolinea il sindaco di Bagnone, Lazzerini Gianfranco- è quello di far si che i nostri concittadini acquisiscano la consapevolezza delle potenzialità di quest’area, ricca di eccellenze naturalistiche, storiche e enogastronomiche”.

MODELLO SCI

VALUTAZIONE Neveclub

PREZZO

Sci FISCHER - RC4 The Curv Ti AR - 2017★★★★Prezzo Amazon
Scarpe LA SPORTIVA Uomo - Sneakers★★★★Prezzo Amazon
Scarpe Salomon Speedcross 4 per Trail Running Uomo★★★★

Prezzo Amazon
The North Face Bones, Berretto Uomo, Nero/TNF Nero, Taglia unica ★★★

Prezzo Amazon
Cressi Cernia Giacca in Neoprene - Pesca Sub★★★

Prezzo Amazon

“Il Parco dell’Appennino tosco emiliano ha la capacità di fornire una esperienza dal sapore euro mediterraneo. – sottolinea Fausto Giovanelli, presidente dell’ente Parco – Nel raggio di poche decine di chilometri permette di vivere la montagna e i suoi alpeggi e poi respirare la brezza marina lungo le coste della Liguria.

Un sistema dei parchi che non rappresenta una realtà esclusivamente geografica e cartografica, ma si è saputa aprire ad una politica della contemporaneità che, partendo da un forte radicamento nel locale, si apre alla dimensione sistemica, soprattutto con l’intento comune di tutelare e promuovere le eccellenze territoriali facendo massa critica”.