News

Sentieri Cinque terre : nuovi prezzi e politica di accesso.


Il Parco nazionale delle Cinque Terre ha ripristinato la carta di accesso ai sentieri “Cinque Terre Card", riducendo i costi e migliorando l'accessibilità ai percorsi trekking del territorio

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (Non ci sono Voti)
Loading...

– Il Parco Nazionale delle Cinque Terre ha ripristinato la carta di accesso ai sentieri “Cinque Terre Card“, precedentemente eliminata e sostituita con la più costosa formula di accesso abbinata all’utilizzo del treno, detta “Cinque Terre Card Treno”. Valutando, infatti, eccessivamente oneroso per gli utenti l’accesso ai percorsi vincolato all’acquisto di una Carta Treno, pur senza l’uso del servizio ferroviario, l’Ente ha ritenuto opportuno ripristinare entrambe le modalità di accesso ai percorsi sentieristici.

– Ferma la gratuità di accesso ai sentieri per i residenti, la recente deliberazione dell’Ente Parco ha riconosciuto ai loro familiari – oggi senza diritto a riduzioni, a norma di precedenti delibere – una tariffa scontata.

– La tariffa ridotta viene oggi riconosciuta anche ai proprietari di seconde case e ai titolari di domicilio nelle Cinque Terre con contratto di locazione da almeno 4 anni, fin qui non compresi fra le categorie agevolate.

In tal modo l’Ente Parco, in una logica di piena trasparenza, intende sfuggire a un sistema di rilascio “sul campo” di deroghe caso per caso, ed evidenziare, soprattutto, la differenza fra residenti stabili e fruitori di vacanze (sia pure con possesso di casa), esaltando il legame fra
residenti stabili e territorio.

L’impegno del Parco è altresì quello di garantire e favorire l’accesso e la fruizione del territorio a quanti, pur non essendo effettivamente residenti, appartengono alla comunità delle Cinque Terre. Per questo il Parco insieme alle amministrazioni delle Cinque Terre ha ritenuto opportuno che fossero i Comuni stessi a rilasciare la “Cinque Terre Card Amico”, una tipologia di carta che equipara a tutti gli effetti il possessore al residente.

Con riguardo alle ipotesi, pervenute da più parti, di ingresso gratuito ai sentieri a favore di singole categorie o provenienze civiche, l’Ente Parco resta aperto al confronto con Amministrazioni ed Associazioni, fuori da ognilogica di campanile e per la massima apertura alla fruizione dei sentieri a favore delle categorie più meritevoli di protezione e dei progetti di carattere educativo.