Con applausi e lacrime, “Phantom of the Opera” completa il record di Broadway

“The Phantom of the Opera” ha concluso la corsa più lunga nella storia di Broadway domenica sera con un finale sfarzoso che ha persino ottenuto il suo schermo, con il lampadario caratteristico della produzione che ha colpito il palco del Majestic Theatre per la 13.981esima volta. chiamata

Broadway era piena di fan, tra cui il cast dello spettacolo di 35 anni e numerosi artisti teatrali (tra cui Lin-Manuel Miranda e Glenn Close) e fan che hanno vinto una speciale lotteria dei biglietti. Alcuni sono vestiti con insegne fantasma; Un uomo arriva con l’elegante costume della Morte Rossa del personaggio.

Il finale, che si è svolto dalle 17:22 alle 19:56, è stato ripetutamente punteggiato da applausi non solo per il cast principale, ma anche per gli amati oggetti di scena tra cui un carillon di scimmie e uno scenario simile a una gondola che veniva remato. Attraverso un lago sotterraneo decorato con candele. Dopo il sipario finale, gli artisti che hanno realizzato la scena elaborata dello spettacolo ieri sera sono stati chiamati sul palco per una standing ovation.

“È così incredibile, quello che è successo davvero”, ha detto il compositore Andrew Lloyd Webber, che ha scritto l’imponente colonna sonora dello spettacolo, dopo il sipario finale mentre dedicava la performance a suo figlio Nicholas. Morto tre settimane fa.

Lloyd Webber ha parlato con il suo collaboratore di lunga data e produttore esecutivo dello spettacolo, Cameron Mackintosh. Hanno invitato gli alunni della produzione originale di Broadway a unirsi a loro sul palco e hanno mostrato sulla parete di fondo del teatro le immagini dei membri defunti del team creativo originale, incluso il regista Hal Prince e tutti gli attori che hanno interpretato i due ruoli principali. Phantom e Christine, il suo giovane e appassionato soprano).

READ  L'attore della "Gen V" Sanz Pertomo è morto all'età di 27 anni

Alla fine della serata, Mackintosh ha riconosciuto una tonnellata di lampadari, che sono stati abbassati dal soffitto in un applauso, e la folla è stata inondata di coriandoli metallici d’oro e d’argento, alcuni dei quali erano appesi a nastri dal lampadario.

Ore prima del sipario, i fan si sono radunati dall’altra parte della strada, salutando, scattando foto e sperando di ottenere in qualche modo un biglietto di riserva. Tra loro c’era Lexi Luhrs, 25 anni, di Washington, in un abito fantasma: un mantello nero, una maschera fatta in casa, più un fedora, gilet e papillon, oltre a orecchini maschera e una collana maschera. “Sono qui per celebrare un programma che significa così tanto per noi”, ha detto Luhrs.

“Phantom” è stato, a quanto pare, un enorme successo a Broadway, suonato davanti a 20 milioni di persone e incassando 1,36 miliardi di dollari dalla sua apertura nel gennaio 1988. E lo spettacolo è diventato un fenomeno internazionale, suonando in 17 lingue in 45 paesi e incassando più di 6 miliardi di dollari. In tutto il mondo. Ma la corsa di Broadway alla fine ha ceduto agli effetti gemelli dell’inflazione e del calo del turismo a seguito della chiusura della pandemia di coronavirus.

Si chiude su una nota alta inaspettata, non solo il Mi acuto che Christine canta nella title track. Quando la chiusura è stata annunciata lo scorso settembre, le vendite sono aumentate vertiginosamente, i fan che già amavano la musica sono accorsi per vederla e i procrastinatori hanno capito che poteva essere la loro ultima possibilità; La data del finale originale di febbraio è stata ritardata di due mesi a causa della domanda, e lo spettacolo è stato di nuovo un campione di incassi a Broadway, suonando davanti a un pubblico estasiato e incassando più di $ 3 milioni a settimana.

READ  Lo scioglimento dei ghiacci polari rallenta la rotazione terrestre e può influenzare il tempo

“È quasi inaudito che uno spettacolo abbia successo”, ha detto McIntosh.

Dopo la performance finale, la compagnia dello spettacolo e i suoi ex studenti si sono riuniti per una celebrazione solo su invito al Metropolitan Club, con l’iconica maschera dello spettacolo proiettata sul muro accanto alla scalinata in marmo.

Lo spettacolo, con musiche di Lloyd Webber e canzoni di Charles Hart, è ancora in corso a Londra, dove l’orchestra è stata ridimensionata e il set è stato modificato durante la chiusura della pandemia per ridurre i costi di gestione, e attualmente è in scena nella Repubblica Ceca. , Giappone, Corea del Sud e Svezia. Nuovi prodotti verranno lanciati in Cina il prossimo mese, in Italia a luglio e in Spagna a ottobre.

Tornerà mai a New York? “Assolutamente, a un certo punto”, ha detto McIntosh in un’intervista. “Ma è ora che lo spettacolo si riposi.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *