Elezioni europee: l’estrema destra vince sull’accordo europeo, sconfitte scioccanti per Macron in Francia e Scholes in Germania

BRUXELLES (AP) – La votazione per scegliere i legislatori regionali dell’Unione europea per il prossimo mandato quinquennale si è conclusa dopo l’ultimo referendum rimasto in Italia, mentre i partiti di estrema destra in ripresa hanno inferto colpi fisici a due dei leader più importanti del blocco: il presidente francese Emmanuel Macron e il cancelliere tedesco Olaf Scholz.

I risultati ufficiali sono attesi in qualsiasi momento dopo la chiusura dei seggi elettorali italiani alle 23:00 ora locale (21:00 GMT), ponendo ufficialmente fine ad una maratona elettorale durata quattro giorni nei 27 Stati membri costituenti.

Più di 50 paesi andranno alle urne nel 2024

Una previsione preliminare dell’Unione Europea mostra che i partiti di estrema destra stanno ottenendo grandi guadagni al Parlamento Europeo.

In Francia, il partito del Raggruppamento Nazionale di Marine Le Pen ha dominato i sondaggi Un rischio politico enorme che potrebbe ritardare il resto del suo mandato presidenziale, che terminerà nel 2027, poiché Macron scioglierà immediatamente il parlamento nazionale e indirà nuove elezioni, mentre il suo partito subisce pesanti perdite.

I leader federali dell’AfD Alice Weidel, al centro, e Tino Chrupalla esultano presso la sede del partito AfD durante un’anteprima delle elezioni europee a Berlino domenica 9 giugno 2024. (AP tramite Joerg Carstensen/dpa)

Le Pen fu felice di accettare la sfida. “Siamo pronti a cambiare il paese, pronti a difendere gli interessi dei francesi, pronti a porre fine all’immigrazione di massa”, ha detto, facendo eco alle grida di molti leader celebranti di estrema destra in altri paesi. Successi sostanziali.

Macron ha ammesso la sconfitta. “Ho ascoltato il vostro messaggio, le vostre preoccupazioni, e non le lascerò senza risposta”, ha detto, aggiungendo che chiedere elezioni anticipate non ha fatto altro che sottolineare le sue credenziali democratiche.

READ  Il pessimista Putin sbatte contro l'Occidente alla parata di basso profilo del Giorno della Vittoria in Russia - POLITICO

La Germania, il paese più popoloso del blocco dei 27 membri, Sono indicate le previsioni Salendo al 16,5% dall’11% del 2019, l’AfD è riuscita a superare una serie di scandali che hanno coinvolto il suo candidato principale. In confronto, il risultato complessivo dei tre partiti della coalizione di governo tedesca ha raggiunto appena il 30%.

Scholz ha subito un destino così ignominioso che il suo partito socialdemocratico è rimasto indietro rispetto all’estrema destra dell’Alternativa per la Germania, che è salita al secondo posto. “Dopo tutte le profezie di sventura, dopo la raffica di attacchi delle ultime settimane, siamo la seconda forza più forte”, ha detto la leader dell’AfD Alice Weidel.

Il referendum di quattro giorni in 27 paesi dell’UE è il secondo più grande esercizio di democrazia a livello mondiale, dopo le recenti elezioni in India. Alla fine, l’ascesa dell’estrema destra è stata più drammatica di quanto previsto da molti analisti.

Il Raggruppamento Nazionale francese è previsto al 15%, con il 30%, ovvero il doppio del partito centrista filo-europeo del Rinnovamento di Macron.

Il leader francese del Raduno Nazionale di estrema destra Jordan Bartella tiene un discorso presso la sede della notte delle elezioni del partito a Parigi, domenica 9 giugno 2024.  Secondo le società di sondaggi francesi, i primi risultati previsti per la Francia mettono il partito di estrema destra Rassemblement National in testa alle elezioni europee.  (AP Photo/Louis Jolly)

Il leader francese del Raduno Nazionale di estrema destra Jordan Bartella tiene un discorso presso la sede della notte delle elezioni del partito a Parigi, domenica 9 giugno 2024. Secondo le società di sondaggi francesi, i primi risultati previsti per la Francia mettono il partito di estrema destra Rassemblement National in testa alle elezioni europee. (AP Photo/Louis Jolly)

In tutta l’UE, due gruppi tradizionalisti e filo-europei, i cristiano-democratici e i socialisti, erano le forze dominanti. I guadagni dell’estrema destra sono andati a scapito dei Verdi, che avrebbero dovuto perdere circa 20 seggi e ricadere al sesto posto nella legislatura. Anche il gruppo pro-business Renewal di Macron ha perso molto.

READ  Guerra Israele-Hamas: ai palestinesi è stato ordinato di evacuare parti di Rafah

Per decenni, l’Unione Europea, affondando le sue radici nella sconfitta della Germania nazista e dell’Italia fascista, ha confinato l’estrema destra alle frange politiche. Grazie ai suoi ottimi risultati in queste elezioni, l’estrema destra può ora svolgere un ruolo chiave in politiche che vanno dalla migrazione alla sicurezza e al clima.

La tendenza è stata alimentata dall’ex presidente dell’UE e attuale primo ministro polacco Donald Tusk, che ha rovesciato il partito conservatore nazionale Diritto e Giustizia che ha governato la Polonia dal 2015 al 23, spostandolo ulteriormente a destra. In un sondaggio, il partito di Tusk ha ottenuto il 38%, rispetto al 34% del suo acerrimo rivale.

“Tra questi paesi grandi e ambiziosi, leader dell’UE, la Polonia dimostra che qui la democrazia, l’equità e l’Europa stanno vincendo”, ha detto Tusk ai suoi sostenitori. “Sono così commosso.”

Ha dichiarato: “Abbiamo dimostrato che siamo il faro della speranza per l’Europa”.

La Germania, tradizionalmente baluardo degli ambientalisti, ha sottolineato il calo dei Verdi, che secondo le previsioni scenderebbero dal 20% al 12%. Con ulteriori perdite previste in Francia e altrove, una sconfitta dei Verdi potrebbe avere conseguenze per l’UE nel suo complesso. Politiche sul cambiamento climaticoEppure il resto del mondo è molto progressista.

Già la presidente della Commissione europea Ursula van der Leyen dei cristiano-democratici di centrodestra indebolito le sue credenziali verdi Prima del referendum, dominava la Germania con quasi il 30%, sconfiggendo facilmente i socialdemocratici di Scholz, che restavano dietro all’AfD al 14%.

“Avete già stabilito una tendenza: una forza forte, stabile, in tempi difficili e lontana”, ha detto van der Leyen ai suoi sostenitori tedeschi tramite collegamento video da Bruxelles.

Come in Francia, ci si aspettava che l’estrema destra, che ha concentrato la sua campagna su migrazione e criminalità, avrebbe ottenuto guadagni significativi in ​​Italia, dove il Premier Giorgia Meloni ha cercato di consolidare il suo potere.

In Italia le votazioni sono proseguite fino a sera e molti dei 27 Stati membri non avevano ancora diffuso le previsioni. Tuttavia, i dati già diffusi confermano le previsioni precedenti: le elezioni sposterebbero il blocco a destra e ne invertirebbero il futuro. Ciò può rendere difficile per l’UE approvare le leggi e talvolta paralizzare il processo decisionale nel più grande blocco commerciale del mondo.

I legislatori dell’UE, che restano in carica cinque anni nel parlamento da 720 seggi, hanno voce in capitolo su questioni che vanno dalle regole finanziarie alla politica climatica e agricola. Approvano il bilancio dell’UE, che comprende progetti infrastrutturali, sussidi agricoli e Gli aiuti sono stati concessi all’Ucraina. Hanno il veto sulle nomine nella potente Commissione europea.

Le elezioni arrivano in un momento in cui la fiducia degli elettori sarà messa alla prova in un collegio elettorale composto da circa 450 milioni di persone. Negli ultimi cinque anni, l’Unione Europea Scosso dall’infezione da virus coronaUN Collasso economico E un Crisi energetica È stato alimentato dal più grande conflitto terrestre in Europa dalla seconda guerra mondiale. Ma le campagne politiche spesso si concentrano su questioni che preoccupano i singoli paesi piuttosto che su interessi europei più ampi.

Dopo le ultime elezioni europee del 2019, i partiti populisti o di estrema destra ora guidano i governi in tre paesi – Ungheria, Slovacchia e Italia – e fanno parte di coalizioni di governo in altri paesi, tra cui Svezia, Finlandia e, presto, Paesi Bassi. I sondaggi favoriscono i populisti Francia, Belgio, Austria e Italia.

“La destra è buona”, ha detto ai giornalisti dopo il suo voto il primo ministro ungherese Viktor Orbán, che guida un governo nazionalista e anti-immigrazione. “È sempre meglio andare bene. Vai a destra!”

———

Hanno contribuito a questo rapporto i giornalisti dell’Associated Press Sylvain Blassy a Bruxelles e Kier Molson a Berlino.

———

Scopri la copertura di AP sulle elezioni globali del 2024 Qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *