Elezioni locali turche: l'opposizione stupisce Erdogan con una vittoria storica

  • Di Paul Kirby e Kagil Kasaboglu
  • a Londra e Istanbul

fonte dell'immagine, REUTERS/Umit Bektas

didascalia dell'immagine,

Quando la portata della vittoria è diventata chiara, i sostenitori dell'opposizione hanno festeggiato a Istanbul e in altre città

Il principale partito di opposizione della Turchia ha vinto le elezioni nelle principali città come Istanbul e Ankara.

I risultati sono stati un duro colpo per Recep Tayyip Erdogan, che sperava di riprendere il controllo delle città entro un anno dal suo terzo mandato presidenziale.

Ha condotto una campagna per vincere Istanbul, dove è cresciuto fino a diventare sindaco.

Ma Ekrem Imamoglu, che ha vinto per la prima volta la città nel 2019, ha assicurato una seconda vittoria all’opposizione laica CHP.

Erdogan ha promesso una nuova era nella megalopoli turca di circa 16 milioni di abitanti, ma il sindaco in carica di Istanbul ha vinto il 50% dei voti, 10 punti di vantaggio sul candidato del partito AK del presidente.

Era la prima volta da quando Erdogan salì al potere 21 anni fa che il suo partito veniva sconfitto alle urne a livello nazionale.

Nella capitale Ankara, il sindaco dell'opposizione Mansour Yavas aveva il 59% di vantaggio sul suo rivale. Ha dichiarato la vittoria quando è stata espressa meno della metà dei voti. I sostenitori hanno bloccato tutte le strade principali della città, sventolando bandiere e suonando i clacson.

In particolare, il CHP era anche sulla buona strada per conquistare diverse grandi città della Turchia, tra cui Izmir e le località di Bursa, Adana e Antalya.

Il presidente Erdogan, 70 anni, ha ammesso che le elezioni non sono andate come aveva sperato, ma ha detto ai sostenitori ad Ankara che “per noi non sarà la fine, ma un punto di svolta”.

fonte dell'immagine, Emin Sansar/Anatolu tramite Getty Images

didascalia dell'immagine,

Il presidente Erdogan ha assicurato ai sostenitori che il suo partito avrebbe imparato dalla sconfitta

Ha sempre fatto affidamento sulla “volontà del popolo” per il suo potere, e ha detto ai sostenitori che ora rispetta gli elettori.

Durante la campagna elettorale, Erdogan ha affermato che questa sarebbe stata la sua ultima corsa poiché il suo ultimo mandato presidenziale scade nel 2028.

Ma i critici speravano che la vittoria lo avrebbe incoraggiato a rivedere la costituzione in modo da poter ripresentarsi. Dopo un fallimento così drammatico, era altamente improbabile.

fonte dell'immagine, Dolka Bosoglu/EPA-EFE

didascalia dell'immagine,

Ekrem Imamoglu ha vinto come avversario a Istanbul

Al contrario, la decisione è stata una grande vittoria per il leader del CHP Ozgur Ozel, che ha elogiato gli elettori per aver deciso di cambiare il volto della Turchia in uno storico referendum: “Vogliono aprire la porta a un nuovo ambiente politico nel nostro Paese…”.

Folle di persone si sono radunate davanti al municipio di Saracen, uno dei quartieri più antichi di Istanbul.

Hanno sventolato bandiere e striscioni turchi che mostravano una foto di Ekrem Imamoglu con il padre fondatore della Turchia Kemal Atatürk.

“Posso dire che la fiducia che i nostri cittadini hanno riposto in noi è stata premiata”, ha affermato Imamoglu.

Lui e Mansoor Yawas sono visti come potenziali candidati per la corsa presidenziale del 2028.

“Andrà tutto bene”, hanno cantato i sostenitori di Imamoglu mentre ballavano al ritmo di tamburi e clarinetti nel Saracen, uno dei quartieri più antichi di Istanbul.

L'attuale sindaco di Istanbul usò per la prima volta questo slogan cinque anni fa, quando strappò la città al partito di Erdogan. Alcuni degli striscioni del Saracen utilizzavano il suo attuale slogan “Full Speed ​​​​Forward”.

“Sono solo elezioni locali, ma la vittoria dell'opposizione nelle grandi città mostra una forza significativa contro il partito al potere”, ha detto alla BBC Yeşim Albayrak, 25 anni, sostenitore di Imamoglu.

Mehmet Bangazi, 27 anni, ha detto alla BBC che la Turchia aveva bisogno di un cambiamento: “Se Imamoglu o Mansur Yavas fossero stati i candidati del CHP alle elezioni presidenziali dello scorso anno, avrebbero sicuramente vinto”.

Istanbul copre un quinto della Turchia con una popolazione di quasi 85 milioni di abitanti. Controllo della città Controlli una parte significativa dell'economia turca, compresi il commercio, il turismo e la finanza.

Cinque anni fa, Imamoglu rovesciò anni di governo del partito AK a Istanbul con il sostegno di altri partiti di opposizione. Ma quella coalizione di opposizione si è rotta dopo la debacle delle elezioni presidenziali dello scorso anno e il partito AK aveva grandi speranze di ribaltare la vittoria del 2019.

In vista delle elezioni di domenica, il referendum sembrava molto vicino alla convocazione, con una forte sfida da parte del candidato del partito AK Murat Kurum.

Ma il partito al governo non è riuscito a scrollarsi di dosso la crisi economica in cui il tasso di inflazione era del 67% e il tasso di interesse era del 50%.

Mentre vaste zone dell’ovest, del sud e del nord della Turchia sono ora sotto il controllo dell’opposizione CHP, il partito democratico filo-curdo ha conquistato gran parte del sud-est.

Il partito AK di Erdogan continua a dominare la Turchia centrale e ha vinto pesantemente nelle regioni sudorientali devastate dai terremoti gemelli del febbraio 2023, comprese le città di Kahramanmaras e Gaziantep.

Parlando dal balcone della sede del suo partito ad Ankara, ha promesso di sfruttare i quattro anni che mancano alle prossime elezioni presidenziali per “rinnovarci e rimediare ai nostri errori”.

I suoi sostenitori hanno gridato ancora: “Stai fermo, questa nazione è con te”.

Circa 61 milioni di turchi hanno potuto partecipare alle elezioni di domenica e più di un milione di giovani elettori hanno votato per la prima volta. Si stima che l'affluenza alle urne sia superiore al 77% nelle 81 province del Paese.

READ  McCarthy dice che gli americani non dovrebbero protestare se Trump viene messo sotto accusa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *