Gli Stati Uniti soppesano un nuovo fondo per sostenere i depositi poiché sempre più banche falliscono, afferma Bloomberg News

11 marzo (Reuters) – La Federal Reserve e la Federal Deposit Insurance Corp stanno valutando la creazione di un fondo che consentirebbe alle autorità di regolamentazione di trattenere più depositi presso banche in difficoltà a seguito del crollo della Silicon Valley Bank, secondo quanto riportato da Bloomberg News. segnalato di sabato.

I regolatori hanno discusso del nuovo veicolo speciale nei colloqui con i funzionari della banca e sperano che una tale mossa rassicuri i depositanti e aiuti a frenare il panico, afferma il rapporto, citando persone che hanno familiarità con la questione.

Il nuovo veicolo fa parte della pianificazione di emergenza dell’agenzia mentre si diffonde il panico sulla salute delle banche focalizzate sul capitale di rischio e sulle comunità di startup, ha aggiunto il rapporto.

L’edificio della Federal Reserve statunitense è raffigurato a Washington il 18 marzo 2008. REUTERS/Jason Canna

La Federal Reserve americana ha rifiutato di commentare il rapporto, mentre la FDIC non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento di Reuters.

Sabato scorso, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha parlato con il governatore della California Gavin Newsom del fallimento della SVB e degli sforzi per affrontare la situazione.

Ultimi aggiornamenti

Guarda altre 2 storie

La Silicon Valley Bank è esplosa dopo che i depositanti, preoccupati per la salute finanziaria dell’istituto di credito, si sono affrettati a ritirare i loro depositi. Una frenetica corsa di due giorni alle banche ha accecato gli osservatori e sbalordito i mercati, spazzando via oltre $ 100 miliardi nel valore di mercato delle banche statunitensi.

Segnalazione di Jose Joseph a Bangalore; Montaggio di Paul Simao

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

READ  Il reclamo federale afferma che le ammissioni alle opzioni legacy di Harvard violano il Civil Rights Act | notizia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *