I Kings hanno sconfitto i Clippers 176-175 nella seconda partita NBA con il punteggio più alto

Commento

LOS ANGELES – Il primo segno che venerdì era insolito è arrivato quando un tornado ha scaricato la neve vicino all’insegna di Hollywood.

Il secondo è arrivato quando i Sacramento Kings e i Los Angeles Clippers hanno messo in scena uno spettacolo offensivo per secoli, segnando 351 punti nel classico dei doppi tempi supplementari per segnare la seconda partita con il punteggio più alto nella storia della NBA.

Grazie a diverse rimonte, i Kings hanno vinto, 176-175, rovinando il debutto di Russell Westbrook con i Clippers e spingendo migliaia di fan di Sacramento a cantare “Light the Beam!” Questo lo ha spinto a cantare. Quando suonò il cicalino finale.

In Russell Westbrook, i Clippers hanno trovato la strada per il titolo NBA 2017

È stata una sparatoria dall’inizio alla fine: le due squadre erano in parità a 40 dopo un quarto, poi i Clippers erano in vantaggio per 80-76 all’intervallo e 117-110 dopo tre quarti. Le due squadre erano in parità a 153 e sono rimaste bloccate a 164 dopo il primo tempo supplementare. Alla fine, i Kings hanno superato i Clippers 12-11, fornendo un margine finale strabiliante nel secondo tempo supplementare.

Solo una volta una partita NBA ha visto fuochi d’artificio più offensivi: i Detroit Pistons hanno battuto i Denver Nuggets 186-184 il 13 dicembre 1983, segnando 370 punti in tre tempi supplementari. Nella vittoria per tre straordinari dei San Antonio Spurs per 171-166 sui Milwaukee Bucks il 6 marzo 1982, Kings e Clippers pareggiarono il record precedente per il secondo punteggio combinato più alto, 337 punti.

IL Punteggio finale Deve essere visto per essere creduto. I Kings stabilirono un nuovo record di punteggio in franchigia nel 1970, superando i 165 punti segnati dagli allora Cincinnati Royals contro i San Diego Rockets. Da quando si sono trasferiti a Sacramento nel 1985, il precedente miglior punteggio dei Kings era di 154 punti in una vittoria del 1993. Filadelfia 76ers.

READ  Le azioni bancarie crollano mentre Wall Street crolla, i posti di lavoro vacillano

I Clippers hanno anche stabilito un record di punteggio in franchigia il 1 aprile 2022, quando hanno segnato 153 punti contro i Milwaukee Bucks. Nel frattempo, Los Angeles ha stabilito un altro record di franchigia collegandosi con 26 da tre punti.

Inserito venerdì, squadre NBA 114,4 punti a partita, la media più alta dal 1969-70. Ma anche per gli standard dell’attuale boom di gol, questa partita è stata tutta sua.

L’allenatore dei Kings Mike Brown ha detto che non vuole che le partite negli anni ’70 siano la norma.

“Prendo già un’aspirina per bambini ogni giorno”, ha scherzato Brown. “Spero di no. Perché devo prendere due aspirine al giorno. Teniamola un po’ più bassa e vinciamo con un po’ più di margine.

Non sorprende che venerdì quasi tutti in campo abbiano ottenuto la loro parte di secchi quando 14 giocatori – sette per squadra – hanno chiuso in doppia cifra. La guardia dei Kings Malik Monk ha guidato tutti i marcatori con 45 punti, mentre De’Aaron Fox ha aggiunto 42 punti nella vittoria.

Non voglio dimenticare la peggior squadra nella storia della NBA

“Ad essere onesti, la difesa ha giocato, ma i tiri duri sono stati fatti”, ha detto Fox. “Fuori [219 total] Guarda quanto sono dure le scene. Guarda tutti i prodotti. Ci sono stati molti tiri difficili e questo è una testimonianza del talento in campionato e della velocità con cui giochiamo. La realizzazione del tiro è stata di prim’ordine. Molti ragazzi in questo campionato, a meno che tu non blocchi il loro tiro, specialmente quando lo vedono andare due o tre volte, non c’è molto che tu possa fare al riguardo.

READ  Boris Johnson si dimette dal Parlamento: NPR

L’attaccante dei Clippers Kawhi Leonard ha chiuso con un record di 44 punti, uno in meno rispetto al record della sua carriera, e Paul George ha aggiunto 34 punti in uno sforzo perdente.

“Pazzesco,” disse Leonard. “Tutti erano là fuori a fare riprese. Tre, layup, arrivare alla linea di tiro libero. Questo è ridicolo.

Tra gli altri numeri degni di nota: i Kings hanno tentato 111 tiri, segnato 88 punti in campo e realizzato 42 delle 25 palle perse dei Clippers. Le due squadre si sono unite per tentare 86 tiri da tre punti e 71 tiri liberi.

In particolare, i Kings hanno cancellato uno svantaggio di 14 punti negli ultimi quattro minuti del regolamento, uno svantaggio di sei punti negli ultimi tre minuti del primo tempo supplementare e uno svantaggio di sei punti nell’1:50 finale del secondo tempo supplementare. Per sigillare la vittoria, Monk ha segnato una tripla da pareggio a 1,1 secondi dalla fine del regolamento e un paio di tiri liberi da pareggio a 20,4 secondi dalla fine del primo tempo supplementare.

Poi, con i Clippers in vantaggio, 175-169, a meno di due minuti dalla fine del secondo tempo supplementare, i Kings hanno completato un parziale di 7-0. Fox ha chiuso la vittoria con un via libera a 36 secondi dalla fine.

“Abbiamo alzato la testa”, disse il monaco. “Sappiamo che ci lasceranno rientrare. Resta fedele.”

L’attaccante dei Clippers Nicolas Badum ha mancato una tripla vincente prima che suonasse il cicalino. Giovedì, quando i Kings hanno sconfitto i Portland Trail Blazers, Monk ha lanciato la palla in aria per celebrare la vittoria della maratona.

READ  Quasi ogni oggetto può raccogliere energia dal nulla, hanno scoperto gli scienziati

Con la vittoria, Sacramento è migliorato fino a 34-25, ottimo per il numero 3 della Western Conference. I Kings sono sulla buona strada per porre fine a una serie di 16 anni senza raggiungere la postseason, la più lunga siccità dei playoff in corso della NBA.

“Non me ne frega niente di chi c’è là fuori”, ha detto Fox quando gli è stato chiesto del debutto dei Clippers di Westbrook. “Stiamo arrivando. Ci preoccupiamo per noi stessi”.

Iscriviti alla nostra newsletter settimanale NBA per ricevere la migliore copertura di basket nella tua casella di posta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *