Il Consiglio di Sicurezza dell’ONU approva la proposta di cessate il fuoco a Gaza

approvato dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite Un accordo di cessate il fuoco mediato dagli Stati Uniti mirava a porre fine a otto mesi di sanguinosi combattimenti tra Israele e Hamas a Gaza.

Una bozza della risoluzione, approvata dal presidente Joe Biden, è stata finalizzata domenica dopo quasi una settimana di trattative tra i membri del consiglio composto da 15 membri.

Per passare, la risoluzione ha bisogno di almeno nove voti a favore e nessun veto da parte dei paesi che hanno il potere di inviare qualsiasi piano di armistizio al comitato di redazione: Stati Uniti, Francia, Gran Bretagna, Cina o Russia.

La Cina non ha intrapreso alcuna azione per fermarlo e la Russia l’ha ignorato.

“Oggi abbiamo votato per la pace”, ha detto Linda Thomas-Greenfield, ambasciatrice americana all’ONU.

A marzo, Cina e Russia hanno posto il veto ad una risoluzione di cessate il fuoco a Gaza che avrebbe dato a Israele il via libera per attaccare la città di Rafah. Prima di ciò, gli Stati Uniti avevano posto il veto su tre progetti di risoluzione, due dei quali avrebbero chiesto un cessate il fuoco immediato.

Biden ha annunciato il 31 maggio che Israele ha proposto un piano in tre parti che alla fine porterà a un cessate il fuoco permanente a Gaza, nonché al rilascio di tutti gli ostaggi tenuti lì dal 7 ottobre, quando Hamas ha iniziato il bagno di sangue. Un attacco a sorpresa contro Israele.

Secondo i funzionari sanitari di Gaza, più di 36.000 palestinesi, tra cui migliaia di donne e bambini, sono stati uccisi dalle forze israeliane.

Nate Evans, portavoce dell’ambasciata americana presso l’ONU, ha detto domenica che è importante che il Consiglio di Sicurezza faccia pressione su Hamas affinché accetti una proposta accettata da Israele.

READ  Il giudice si ricusa nel caso Disney World, ma attacca gli avvocati di Ron DeSantis

“Israele ha accettato questa proposta e c’è l’opportunità per il Consiglio di Sicurezza di parlare con una sola voce e invitare Hamas a fare lo stesso”, ha detto.

Ma ci sono già segnali che Israele potrebbe non rientrare in questo piano.

Il drammatico salvataggio di sabato di quattro ostaggi ha rafforzato la determinazione del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu a continuare l’invasione di Gaza piuttosto che accettare un cessate il fuoco, ha detto domenica a NBC News un alto funzionario dell’amministrazione Biden.

Hamas, d’altro canto, ha rilasciato una dichiarazione in cui si legge, in parte, “Accogliamo con favore l’inclusione e la conferma della risoluzione del Consiglio di Sicurezza su un cessate il fuoco permanente a Gaza”.

L’attacco di ritorsione israeliano ha destato preoccupazione poiché molti civili palestinesi sono stati uccisi. Il capo militare di Hamas Yahya Shinwar, che si oppone a qualsiasi accordo con Israele nonostante le forti pressioni del Qatar e dell’Egitto per un accordo, adotterà una linea ancora più dura contro la nuova proposta di cessate il fuoco.

Anche l’Unione Europea ha accolto favorevolmente il voto. “Chiediamo ad entrambe le parti di accettare e attuare la proposta in tre fasi”, ha affermato l’UE in una nota.

La prima fase della decisione, ONUSi chiede “un cessate il fuoco immediato, pieno e completo con il rilascio degli ostaggi, tra cui donne, anziani e feriti, la restituzione dei resti di alcuni degli ostaggi uccisi e lo scambio di prigionieri palestinesi”.

Chiede il ritiro delle forze israeliane dalle “aree popolate” di Gaza, il ritorno dei palestinesi alle loro case e la distribuzione “sicura ed efficace” degli aiuti umanitari.

READ  Gli Oklahoma Sooners hanno vinto il loro quarto titolo consecutivo di softball Women's College World Series

La seconda fase prevede la cessazione permanente delle ostilità “in cambio del rilascio di tutti gli ostaggi ancora a Gaza e del completo ritiro delle forze israeliane da Gaza”.

La terza fase segnerà l’inizio di “un grande piano pluriennale di ricostruzione per Gaza” e gli ultimi resti di ostaggi ancora morti a Gaza. Ritornato in Israele.

“Il cessate il fuoco continuerà finché proseguiranno i negoziati” e il Consiglio di Sicurezza respinge “qualsiasi tentativo di cambiamento demografico o territoriale a Gaza”.

Lunedì, mentre il Consiglio di Sicurezza iniziava a votare, il ministro degli Esteri Anthony Blinken è arrivato in Israele per incontrare il generale in pensione Benny Gantz.

Gantz, membro centrista del gabinetto di guerra israeliano, si è dimesso domenica, incolpando Netanyahu Cattiva gestione della guerra e rifiuto di mettersi d’accordo su ciò che accadrà a Gaza dopo la guerra.

L’amministrazione Biden ha cercato di persuadere Gantz a rimanere al governo perché la sua partenza avrebbe fatto sì che Netanyahu si appoggiasse pesantemente ai membri di estrema destra della sua coalizione che si oppongono a qualsiasi cessate il fuoco con Hamas.

Prima di partire, Blinken ha detto ai giornalisti in una conferenza stampa al Cairo che gli israeliani dovrebbero decidere chi dovrebbe essere nel loro governo. Ma se non ci sarà un cessate il fuoco a Gaza, potrebbero verificarsi tre scenari, tutti negativi.

“Una è che Israele rimanga, cosa che dice di non voler fare, cosa che noi crediamo non dovrebbe, e noi teniamo la situazione a Gaza”, ha detto Blinken.

In secondo luogo, potrebbe portare a “una grande rivolta” che continuerebbe per anni, ha affermato.

Infine, Blinken ha detto: “In assenza di un piano, significa che Hamas ritorna, oppure abbiamo un vuoto totale, e ci sono caos, illegalità, criminalità, gruppi jihadisti, ecc.”

READ  Il College Board sta eliminando il suo curriculum AP per gli studi afroamericani

Israele afferma che più di 1.200 persone sono state uccise e più di 250 prese in ostaggio da Hamas il 7 ottobre. Si ritiene che a Gaza siano tenuti più di 100 ostaggi, tra cui cinque americani: Eden Alexander, Sagui Tekel-Sen, Hersh Goldberg-Bolin, Omar Neutra e Keith Siegel.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *