Il pessimista Putin sbatte contro l’Occidente alla parata di basso profilo del Giorno della Vittoria in Russia – POLITICO

Premi play per ascoltare questo articolo

Doppiato dall’intelligenza artificiale.

Martedì il presidente russo Vladimir Putin ha pronunciato un aspro discorso nella Piazza Rossa di Mosca che è durato solo 10 minuti, durante i quali ha raddoppiato la giustificazione del Cremlino per un’invasione su vasta scala dell’Ucraina.

“Una vera guerra è stata ancora una volta scatenata nella nostra patria”, ha detto durante le celebrazioni annuali che segnano la vittoria della Russia nella seconda guerra mondiale. “Le élite occidentali parlano del loro eccezionalismo, dividendo le persone e incitando conflitti sanguinosi, seminando odio, russofobia e nazionalismo aggressivo, distruggendo i valori tradizionali della famiglia”.

Per quasi otto decenni, la parata annuale del Giorno della Vittoria di Mosca non è stata solo un memoriale per i 27 milioni di cittadini sovietici che morirono combattendo la Germania nazista nella seconda guerra mondiale, ma anche un’attenta dimostrazione della forza della Russia.

Quest’anno, tuttavia, le celebrazioni del 9 maggio in tutto il paese sono state annullate o ridimensionate e la consueta sfilata di truppe in uniforme e armi pesanti nella capitale è apparsa l’ombra di ciò che era prima dell’invasione russa dell’Ucraina.

Negli anni precedenti, molti dignitari stranieri hanno visitato Mosca per i festeggiamenti. Ma questa volta, solo i leader delle sette ex repubbliche sovietiche – rappresentanti di Kazakistan, Uzbekistan, Kirghizistan, Turkmenistan, Tagikistan, Bielorussia e Armenia – hanno fatto il viaggio.

Mentre un Putin sempre più isolato ha promesso che le sue truppe alla fine avrebbero prevalso in Ucraina, lo spettacolo di hardware militare ha suggerito che le sue forze armate stavano setacciando il barile per l’equipaggiamento.

READ  Momenti salienti del Westminster Dog Show: Patti Holley ha ottenuto il massimo dei voti allo spettacolo

Invece di una lunga fila di carri armati avanzati che rombavano per le strade verso il Cremlino come negli anni precedenti, la processione era guidata da un unico carro armato T-34 di epoca sovietica, lo stesso usato in azione contro i nazisti sul fronte orientale .

A parte qualche dozzina di portaerei corazzati, veicoli tattici pesanti usati dalle forze cecene e sistemi antiaerei a lungo raggio, la maggior parte dell’arsenale russo – probabilmente in funzione nell’Ucraina orientale – non si vede da nessuna parte. O per essere distrutto sul campo di battaglia.

“C’era un sacco di hardware attaccato al carro armato, ma ufficialmente nessun carro armato”, ha detto a POLITICO un residente di Mosca che ha assistito alla parata in condizione di anonimato.

Dall’altra parte del confine, una raffica di razzi russi è piovuta su Kiev durante la notte, con le difese aeree che hanno intercettato 15 missili. L’Ucraina commemora per la prima volta la sua unione con l’Europa occidentale l’8 maggio, il giorno prima della fine della seconda guerra mondiale.

Nel frattempo, una parte degli organizzatori della celebrazione della Russia afferma che onoreranno coloro che caddero nella lotta contro il fascismo quasi 80 anni fa: una parata nota come Reggimento immortale, dove i russi tengono le foto dei loro cari morti, è stata cancellata.

In un paese in cui centinaia di migliaia di giovani stanno combattendo la sanguinosa guerra di Putin, parlare di vittime diventa ogni giorno più emozionante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *