La casa di Bolsonaro è stata perquisita e un telefono è stato sequestrato mentre il Brasile esaminava i registri delle vaccinazioni

BRASILIA, 3 maggio (Reuters) – Mercoledì la polizia brasiliana ha fatto irruzione nel cellulare dell’ex presidente brasiliano Jair Bolsonaro nell’ambito di un’indagine sui suoi registri di vaccinazione contro il Covid-19.

L’indagine potrebbe rispondere a domande su come Bolsonaro, un convinto scettico del coronavirus che ha promesso di non ottenere un vaccino COVID, sia stato registrato come vaccinato nelle cartelle cliniche rilasciate a febbraio.

Una persona che ha familiarità con le indagini ha affermato che la polizia federale ha trovato prove di manomissione dei registri delle vaccinazioni di Bolsonaro nelle ultime settimane della sua presidenza a fine dicembre.

Bolsonaro ha confermato ai giornalisti il ​​raid nella sua abitazione di Brasilia e ha ribadito di non aver mai preso il vaccino anti-Covid. Ha negato qualsiasi ruolo nella presunta produzione di documenti falsi.

“Da parte mia, non si può mentire, non sono vaccinato. Punto”, ha detto, con il telefono sequestrato.

L’indagine sul vaccino è una delle tante che hanno messo sotto pressione l’ex leader di estrema destra, tra cui la soppressione degli elettori, gli attacchi alla legittimità delle elezioni brasiliane e la manipolazione delle donazioni straniere.

Bolsonaro ha negato qualsiasi illecito in quei casi.

La polizia federale ha dichiarato in una dichiarazione che 16 mandati di perquisizione e sei mandati di arresto preventivo sono stati emessi a Brasilia e Rio de Janeiro come parte dell’operazione, ma non ha nominato le persone prese di mira.

Persone che hanno familiarità con la questione, parlando a condizione di anonimato per discutere dell’indagine aperta, hanno detto che la polizia ha arrestato Mauro Cid, uno dei più fidati aiutanti di Bolsonaro, che è rimasto come aiutante quando si è dimesso a gennaio.

READ  Vedi i totali delle precipitazioni intorno all'area di Chicago dopo gravi inondazioni - NBC Chicago

Una fonte afferma che ci sono prove sul cellulare di Cid che Bolsonaro è stato vaccinato contro il Covid il 21 dicembre. La voce, fatta in un ufficio della sanità pubblica nella periferia di Rio de Janeiro, è stata rimossa una settimana dopo, ha aggiunto la fonte.

Gli ufficiali di sicurezza personale di Bolsonaro, Max Guilherme e Sergio Cordeiro, che facevano parte della sua squadra, sono stati arrestati mercoledì durante l’operazione.

Non è stato possibile raggiungere immediatamente il CID e altri assistenti per un commento.

La polizia ha affermato che stavano indagando su “dati falsi” presumibilmente inseriti nel database nazionale COVID-19 tra novembre 2021 e dicembre 2022, quando Bolsonaro era presidente.

“Di conseguenza, sono stati in grado di rilasciare certificati di vaccinazione e usarli per eludere le restrizioni imposte dalle autorità pubbliche in Brasile e negli Stati Uniti”, ha detto la polizia.

L’indagine indica ragioni “ideologiche” per evitare le regole di vaccinazione, ha detto la polizia, “al fine di continuare il discorso attaccando il vaccino contro COVID-19”.

“Speriamo che tutti i dubbi legali vengano risolti e che sia dimostrato che Bolsonaro non ha commesso atti illegali”, ha scritto sui social media Valdemar Costa Neto, capo del partito politico di Bolsonaro.

Relazione di Lisandra Paraguassu; Montaggio di Steven Gratton

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *