La Cina pone fine alle esercitazioni di Taiwan dopo aver praticato blocchi, attacchi di precisione

  • La Cina ha concluso un’esercitazione di tre giorni intorno a Taiwan
  • Jet cinesi e navi da guerra si addestrano per bloccare Taiwan
  • Nell’esercitazione è coinvolta anche una portaerei cinese
  • Taiwan segnala diversi aerei cinesi nelle vicinanze

TAIPEI, 10 aprile (Reuters) – La Cina ha concluso lunedì tre giorni di esercitazioni militari intorno a Taiwan, che ha affermato di aver testato capacità militari combinate in condizioni di combattimento reali e praticato attacchi di precisione mentre Pechino assediava la sua isola natale.

Pechino ha annunciato le esercitazioni sabato dopo che il presidente taiwanese Tsai Ing-wen è tornato a Taipei dopo un incontro con il presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti Kevin McCarthy a Los Angeles.

La Cina non ha mai rinunciato a usare la forza per portare l’isola democraticamente governata sotto il controllo di Pechino. Il governo di Taiwan nega con veemenza le affermazioni della Cina e ha condannato le esercitazioni.

L’esercito cinese ha affermato di aver completato “con successo” le esercitazioni e di aver “ampiamente testato” le capacità di diverse unità in condizioni di combattimento reali.

“Le truppe in teatro sono sempre pronte a combattere, possono combattere in qualsiasi momento e possono schiacciare risolutamente qualsiasi forma di separatismo indipendentista di Taiwan e di interferenza straniera”, ha affermato in una nota l’Eastern Theatre Command dell’Esercito popolare di liberazione.

La televisione di stato cinese ha affermato lunedì di essere armata con missili diretti, inclusi bombardieri H-6 con capacità nucleare, e che le navi da guerra avevano condotto esercitazioni per “creare una situazione di blocco multidirezionale in tutta l’isola”.

L’Eastern Theater Command ha affermato che anche la portaerei Shandong ha preso parte alle pattuglie di combattimento e ha mostrato i combattenti che decollavano dalla sua base.

READ  Giornalista del Wall Street Journal arrestato con l'accusa di spionaggio!

Taiwan ha monitorato lo Shandong dalla scorsa settimana nell’Oceano Pacifico.

Il ministero della Difesa di Taiwan ha rilasciato lunedì una mappa delle precedenti 24 ore di operazioni dell’aeronautica cinese, che mostra quattro caccia J-15 cinesi basati su portaerei che operano a est di Taiwan nell’Oceano Pacifico.

A partire dalla mezzanotte di lunedì, il ministero ha dichiarato di aver individuato 59 aerei militari e 11 navi intorno a Taiwan e che il gruppo di portaerei Shandong stava conducendo esercitazioni nel Pacifico occidentale.

Preoccupazione giapponese

Il ministero della Difesa giapponese ha dichiarato lunedì che lo Shandong ha condotto domenica operazioni aeree nelle acque al largo delle isole giapponesi di Okinawa.

Jet da combattimento ed elicotteri sono atterrati sulla portaerei 120 volte da venerdì a domenica, mentre la portaerei, altre tre navi da guerra e una nave di supporto sono arrivate entro 230 chilometri (143 miglia) dall’isola giapponese di Miyako, ha detto il ministero della Difesa.

Il Giappone sta seguendo “con grande interesse” le esercitazioni militari cinesi intorno a Taiwan, ha detto lunedì un alto portavoce del governo.

Giappone Data la vicinanza delle isole giapponesi meridionali a Taiwan, il Giappone è da tempo preoccupato per le attività militari della Cina nell’area.

L’isola giapponese meridionale di Okinawa, sede di un’importante base aerea statunitense, è stata colpita da missili cinesi che sono atterrati all’interno della zona economica esclusiva del Giappone lo scorso agosto, quando la Cina ha tenuto esercitazioni di guerra per protestare contro la visita dell’allora presidente della Camera degli Stati Uniti Nancy Pelosi a Taipei.

L’Unione europea ha espresso lunedì la preoccupazione che lo status di Taiwan non debba essere modificato con la forza, dove qualsiasi escalation, incidente o uso della forza avrebbe enormi implicazioni globali.

READ  Il giudice lascia che Trump faccia appello al caso elettorale della Georgia contro Fannie Willis

Gli Stati Uniti hanno affermato di monitorare da vicino le esercitazioni della Cina.

Grafica Reuters Grafica Reuters

“Blocco del bersaglio”

L’esercito cinese ha simulato attacchi di precisione contro Taiwan in una seconda giornata di esercitazioni intorno all’isola domenica.

Lunedì l’Eastern Theater Command ha pubblicato un breve video sul suo account WeChat che mostra un bombardiere H-6 che vola nei cieli a nord di Taiwan.

“I missili sono in buone condizioni”, dice una voce non identificata, mentre il video mostra le immagini dalla cabina di pilotaggio.

“Lancia il radar di controllo del fuoco, aggancia il bersaglio”, dice un’altra voce, mostrando le immagini del missile sotto l’ala dell’aereo.

Mostra un pilota che si prepara e poi preme il pulsante di controllo del fuoco in quello che descrive come un attacco simulato, sebbene non mostri i missili che vengono lanciati.

L’esercito di Taiwan ha ripetutamente affermato che risponderà pacificamente alle esercitazioni della Cina e non provocherà conflitti.

Lunedì, separatamente, il ministero della Difesa ha rilasciato immagini di lanciatori mobili per i missili anti-nave Hsiung Feng di fabbricazione taiwanese.

I giornalisti di Reuters hanno visto i lanciatori di Cheung Feng parcheggiati vicino a un punto panoramico lunedì a Cape Maobido Park nella contea di Pingtung, all’estremità meridionale di Taiwan, con soldati di guardia e turisti che guardavano e scattavano foto.

La vita normale è continuata a Taiwan senza panico o interruzioni e i voli civili hanno operato normalmente.

“La maggior parte delle persone comuni probabilmente non ha paura, principalmente perché tutti pensano che la Cina sicuramente non inizierà una guerra”, ha detto Dong Bao-xiung, 78 anni, ex soldato in pensione.

Il mercato azionario di Taiwan si è scrollato di dosso la tensione, con l’indice di riferimento (.TWII) che ha chiuso lunedì in rialzo dello 0,3%.

READ  83,3 milioni di dollari e. Trump ha fallito nel suo tentativo di ritardare la sentenza Jean Carroll

Tuttavia, l’indice cinese blue-chip CSI300 (.CSI300) è sceso dello 0,5%, mentre lo Shanghai Composite Index (.SSEC) è sceso dello 0,4%.

Reportage di Ben Blanchard e Yimou Lee; Segnalazioni aggiuntive di Fabian Hamacher, Ann Wang e Ebrahim Harris, Pingtung, Taiwan, Liz Lee a Pechino, Jan Strupczewski a Bruxelles e Tim Kelly e Satoshi Sugiyama a Tokyo; Montaggio: Christopher Cushing, Jamie Freed, Gerry Doyle, Toby Chopra e Gareth Jones

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *