La Nuova Zelanda vieterà TikTok sui dispositivi collegati al parlamento, citando problemi di sicurezza

WELLINGTON, 17 marzo (Reuters) – La Nuova Zelanda ha dichiarato venerdì che vieterà TikTok sui dispositivi con accesso alla rete parlamentare del paese a causa di problemi di sicurezza informatica, diventando l’ultimo paese a limitare l’uso dell’app di condivisione video sui dispositivi governativi. .

Le preoccupazioni sono aumentate a livello globale sulla possibilità che il governo cinese acceda alla posizione e ai dati di contatto degli utenti attraverso la società madre cinese di TikTok, ByteDance.

La profondità di queste preoccupazioni è stata sottolineata questa settimana quando l’amministrazione Biden ha chiesto ai proprietari cinesi di TikTok di cedere le loro azioni o l’app potrebbe essere messa al bando dagli Stati Uniti.

In Nuova Zelanda, TikTok sarà bandito da tutti i dispositivi con accesso alla rete parlamentare entro la fine di marzo.

Rafael González-Montero, amministratore delegato del servizio parlamentare, ha dichiarato in una e-mail a Reuters che la decisione è stata presa dopo aver consultato esperti di sicurezza informatica e discussioni con il governo e altri paesi.

“Sulla base di queste informazioni, il servizio ha stabilito che i rischi sono inaccettabili nell’attuale ambiente parlamentare neozelandese”, ha affermato.

Possono essere presi accordi speciali per coloro che hanno bisogno di un’app per svolgere il proprio lavoro, ha affermato.

ByteDance non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento di Reuters.

Parlando in una conferenza stampa, il primo ministro Chris Hipkins ha affermato che la Nuova Zelanda opera in modo diverso dagli altri paesi.

“I dipartimenti e le agenzie seguono i consigli dello (State Communications Security Bureau) sulla base delle politiche IT e di sicurezza informatica… Non abbiamo un approccio generalizzato”, ha affermato Hipkins.

READ  Guerra Russia-Ucraina: aggiornamenti in tempo reale e notizie

La Forza di Difesa della Nuova Zelanda e il Ministero degli Affari Esteri e del Commercio hanno entrambi affermato venerdì di aver già implementato divieti su TikTok sui dispositivi di lavoro.

Un portavoce della New Zealand Defence Force ha dichiarato in una e-mail a Reuters che la mossa era un “approccio precauzionale per proteggere la sicurezza e la protezione” del personale.

Giovedì, la Gran Bretagna ha vietato l’app sui telefoni governativi con effetto immediato. Le agenzie governative negli Stati Uniti hanno tempo fino alla fine di marzo per rimuovere l’app dai dispositivi ufficiali.

TikTok ha affermato di ritenere che gli ultimi divieti siano basati su “idee sbagliate fondamentali” ed è guidato da una geopolitica più ampia, e ha speso più di 1,5 miliardi di dollari in sforzi di protezione dei dati più severi e nega le accuse di spionaggio.

Rispondendo a una domanda sul divieto di TikTok da parte di Gran Bretagna e Nuova Zelanda, il portavoce del ministero degli Esteri cinese Wang Wenbin ha affermato venerdì durante una normale conferenza stampa che i due paesi dovrebbero “smettere di estendere eccessivamente e abusare del concetto di sicurezza nazionale e agire in modo ragionevole”. e un ambiente non discriminatorio per le aziende di tutti i paesi.”

Reportage di Lucy Cramer a Wellington, Louise Jackson e Renju Jose a Sydney e Josh Yeh a Hong Kong; Montaggio di Ann Marie Rowntree, Muralikumar Anantharaman, Edwina Gibbs e Jerry Doyle

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *