Le azioni bancarie crollano mentre Wall Street crolla, i posti di lavoro vacillano

  • Gli investitori attendono il rapporto sull’occupazione di venerdì
  • Le azioni bancarie sono diminuite dopo che SVB ha annunciato la vendita di quote
  • General Electric sale dopo aver ribadito le previsioni
  • Indici in ribasso: Dow 1,85%, S&P 1,66%, Nasdaq 2,05%

9 marzo (Reuters) – I tre principali indici azionari di Wall Street sono scesi giovedì, con i titoli bancari che hanno subito il freno maggiore, mentre gli investitori temevano che il rapporto sull’occupazione di venerdì potesse innescare aumenti dei tassi di interesse più aggressivi da parte della Federal Reserve.

L’indice S&P 500’s Bank (.SPXBK) ha chiuso in ribasso del 6,6% dopo aver toccato il livello più basso da metà ottobre. Gli investitori sono fuggiti dal settore dopo che il prestatore del settore tecnologico SVB Financial Group (SIVB.O) ha lanciato una vendita di azioni per sostenere il proprio bilancio mentre i depositi delle startup che lottano per i finanziamenti sono diminuiti.

Il Nasdaq è sceso di oltre il 2%, mentre il benchmark S&P 500 e Dow hanno perso quasi il 2%.

Il rapporto sulle buste paga non agricole degli Stati Uniti di venerdì per febbraio ha alimentato i timori sull’inflazione con gli investitori che si aspettano salari più alti. Il presidente della Federal Reserve Jerome Powell questa settimana ha accresciuto le preoccupazioni per gli imminenti aumenti dei tassi di interesse volti a combattere l’inflazione ostinatamente elevata.

Secondo lo strumento FedWatch di CME Group, i trader scommettevano che le probabilità di un aumento del tasso di 50 punti base alla riunione di marzo della banca centrale erano di circa il 60%, in netto aumento rispetto a una probabilità del 31% prima delle apparizioni al Congresso di martedì e mercoledì di Powell.

“C’è molta attesa per il rapporto sull’occupazione di domani. Avremo molti dati nella prossima settimana e mezza”, ha affermato Mona Mahajan, senior investment strategist presso Edward Jones, New York, citando l’inflazione e le vendite al dettaglio. Suggerisce che tutto sarà concluso prima della prossima riunione della Fed, che terminerà il 22 marzo.

Giovedì scorso, i dati del Dipartimento del lavoro hanno mostrato che le richieste iniziali di sussidi di disoccupazione statali sono aumentate di 21.000 a 211.000 destagionalizzate per la settimana terminata il 4 marzo, rispetto alle previsioni economiche per 195.000 richieste.

Mentre il picco delle richieste di disoccupazione della scorsa settimana potrebbe essere “il primo segnale che il mercato del lavoro sta mostrando segni di allentamento”, Mahajan vuole vedere “più dati per stabilire una tendenza”.

Il rapporto sulle buste paga non agricole di febbraio dovrebbe mostrare un aumento di 205.000 unità dopo la cifra di 517.000 di gennaio, che aveva già portato i mercati a un forte aumento dei prezzi negli Stati Uniti.

Qualsiasi prova che “l’enorme numero di buste paga del mese scorso non fosse un’anomalia” “servirebbe a rafforzare le preoccupazioni del mercato sulla risposta della Fed”, ha affermato Mark Lushini, chief investment strategist presso Johnnie Montgomery Scott a Philadelphia.

La crescita dei salari di febbraio dovrebbe aumentare del 4,7% rispetto al 4,4% di gennaio, “anche se abbiamo soddisfatto le aspettative, ma sembra che stia andando nella direzione sbagliata”, ha affermato Mahajan, che segue da vicino i dati sui salari.

I trader lavorano sul pavimento della Borsa di New York (NYSE) a New York City, USA, il 2 marzo 2023. REUTERS/Brendan McDermid

Il Dow Jones Industrial Average (.DJI) è sceso di 543,54 punti, o dell’1,66%, a 32.254,86, l’S&P 500 (.SPX) ha perso 73,69 punti, o dell’1,85%, a 3.918,32 e il Nasdaq Composite è sceso di 6 punti, o dell’1,77%, a 3.918,32. 2,05%, 11.338,36.

READ  Erdogan cerca una nuova posizione nel ballottaggio in Turchia

Il freno maggiore per l’S&P 500 è venuto dai settori finanziario (.SPSY) e informatico (.SPLRCT).

L’indice finanziario è sceso del 4% dopo giugno 2020, ponendo fine alla sua più profonda perdita percentuale giornaliera. Giovedì il sottosettore S&P Bank ( .SPXBK ) è sceso del 4,7%. 2023. giovedì gen. 5 è il primo scambio di un giorno intero al di sotto della sua media mobile di 200 giorni.

Tutti gli 11 principali settori industriali dell’S&P hanno chiuso la seduta in ribasso. I servizi di pubblica utilità (.SPLRCU), in calo dello 0,8%, sono stati il ​​calo minore. I beni di prima necessità (.SPLRCS) sono stati i secondi più piccoli, in calo dello 0,95%, e l’assistenza sanitaria (.SPXHC) è scesa dell’1%.

Con gli investitori già preoccupati che la banca centrale possa innescare una recessione e innescare una recessione e influenzare la domanda di credito bancario, “c’è un elemento di ‘fai domande prima di vendere’ in relazione al rischio di contagio”, ha affermato Lucchini di SVB Financial Janini per le banche . Montgomery Scott.

SVB è sceso del 63% a un certo punto a $ 106,04 e ha raggiunto il livello più basso da agosto 2016, quando l’istituto di credito ha tagliato le sue prospettive per il 2023 e ha lanciato una vendita di azioni per ridurre il suo bilancio.

Signature Bank ( SBNY.O ) è scesa del 12% a $ 90,76 dopo che la sua criptovaluta Silvergate Capital Corp ( SI.N ) ha rivelato l’intenzione di liquidare volontariamente. Silvergate ha chiuso in ribasso del 42% a $ 2,84.

Sul lato positivo, il gruppo industriale ha chiuso in rialzo di oltre il 5% dopo che General Electric Co (GE.N) ha ribadito le sue previsioni sugli utili per il 2023.

READ  Accordo sul tetto del debito: la Camera degli Stati Uniti approva in modo schiacciante il disegno di legge

Le emissioni in calo superano le emissioni in avanzamento con un rapporto di 5,12 a 1 sul NYSE; Sul Nasdaq, un rapporto di 3,83 a 1 ha favorito i ribassisti.

S&P 500 raggiunge 5 nuovi massimi da 52 settimane e 22 nuovi minimi; Il Nasdaq Composite ha registrato 58 nuovi massimi e 289 nuovi minimi.

11,69 miliardi di azioni sono passate di mano sulle borse statunitensi, rispetto a una media di 10,95 miliardi nelle ultime 20 sessioni.

Segnalazione di Sinead Carew a New York, Amruta Khandekar, Sristi Achar A e Johan M Cherian a Bangalore

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *