Molti Urano sono esposti nell’ultima immagine del telescopio Hubble

Mentre l’equinozio di primavera è passato pochi giorni fa, noi nell’emisfero settentrionale non vediamo l’ora che arrivino i giorni più caldi della primavera, mentre quelli nell’emisfero meridionale iniziano a sentire il freddo dell’autunno.

Le stagioni cambiano anche su altri pianeti, nessuno più di Urano, che è essenzialmente inclinato su un fianco. Foto dal telescopio spaziale Hubble, Pubblicato giovedìFornisci agli astronomi maggiori dettagli per studiare i cambiamenti climatici dello strano gigante di ghiaccio.

Lo studio delle stagioni di Urano richiede del tempo. Un anno sul lontano gigante gassoso blu – il tempo impiegato da Urano per orbitare attorno al Sole una volta – è di 84 anni terrestri.

“È così lungo che nessun essere umano può studiarlo direttamente”, ha detto Heidi P. disse Hammel.

Il dottor Hammel osserva che sebbene Urano sia stato scoperto 242 anni fa, allora non esistevano strumenti sofisticati e rivelatori elettronici in grado di misurare con precisione la luminosità del pianeta non esistevano fino agli anni ’50.

Le misurazioni della luminosità a lungo termine mostrano che l’emisfero settentrionale di Urano, ora esposto alla luce solare, è più luminoso dell’emisfero meridionale, che Voyager 2 ha osservato durante il suo sorvolo del 1986.

“È a causa della differenza nello spessore delle nuvole?” disse il dottor Hamel. “Chimica delle nuvole? Dinamica delle nuvole indotte dal sole? Una combinazione complessa di tutto quanto sopra? Ovviamente non lo sappiamo. Stiamo lentamente accumulando abbastanza dati per iniziare a prendere in giro queste differenze.

L’Agenzia spaziale europea, che collabora con la NASA al telescopio Hubble, ha fornito un confronto tra l’aspetto di Urano nel 2014 – sette anni dopo il suo equinozio di primavera – e un’immagine scattata l’anno scorso.

READ  Il sospettato di omicidio del College of Idaho Brian Kohberger "rimane in silenzio" durante il processo, si dichiara non colpevole

Nel 2014, diverse tempeste con nuvole di cristalli di ghiaccio di metano hanno circondato le latitudini medio-settentrionali. Otto anni dopo, al Polo Nord apparve una nebbia, come lo smog delle città inquinate, con tante piccole tempeste vicino al bordo della nebbia polare. (Guarda l’anello sottile per capire come è cambiato l’orientamento di Urano.)

Le cause includono cambiamenti nell’aria e processi chimici.

Il solstizio d’estate dell’emisfero settentrionale del pianeta – quando il sole splenderà quasi direttamente sul polo nord e quasi tutto l’emisfero meridionale sarà al buio – avverrà nel 2028.

Le immagini di Hubble e del James Webb Space Telescope e dell’Osservatorio Keck alle Hawaii aiuteranno gli astronomi a capire meglio cosa sta cambiando su Urano e perché.

L’anno scorso, gli scienziati planetari hanno deciso di mettere Urano in cima alla loro lista Un’indagine decennale sulle prioritàForse includendo veicoli spaziali in orbita ed esplorazione atmosferica.

“Più impariamo su Urano ora, più focalizzata e scientifica sarà la missione”, ha detto il dottor Hamel.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *