Nikola Jokic e Jamal Murray hanno ancora del lavoro da fare dopo aver raggiunto le finali NBA

LOS ANGELES – Aaron Gordon non sapeva cosa fare di se stesso quando suonò il cicalino finale.

La sua adrenalina lo teneva sulle spine. Si guardò intorno e abbracciò e strinse la mano ad alcuni giocatori dei Los Angeles Lakers. Ha abbracciato i suoi compagni di squadra dalla panchina. Sembrava una nebbia, come se tutti nell’arena di Crypto.com si muovessero al rallentatore. I Denver Nuggets hanno sconfitto i Lakers 113-111 per avanzare alle prime finali NBA nella storia della franchigia. Gordon ha bloccato un tiro di LeBron James che avrebbe pareggiato la partita. Le magliette del titolo della Western Conference sono state distribuite e la cerimonia di premiazione è stata frettolosamente organizzata.

Tutto ciò a cui Gordon riusciva a pensare in quel momento era… altro da fare.

“Ero un po’ sotto shock”, ha detto Gordon. “Ho detto: ‘Siamo sicuri che non ci sia troppo tempo sull’orologio? Siamo sicuri di non avere un’altra gamba da giocare o un’altra partita da giocare?’ Poi è come, ‘Dannazione, abbiamo vinto.’ È ora di uscire da lì.

Lunedì sera, una squadra dei Nuggets che si è separata dal resto della Western Conference dal Day 1 ha frantumato il soffitto di vetro che tutti si erano prefissati. Questa squadra dei Nuggets, costruita attorno agli immensi talenti di Nikola Jokic e Jamaal Murray, è finalmente arrivata in un posto di cui parlavano apertamente e timidamente dall’inizio di questa stagione.

Questa squadra non fa mistero del suo potenziale di rialzo; Un campionato o una squadra vincente dal momento in cui inizia il ritiro. I Nuggets hanno parlato e molti di noi si sono rifiutati di ascoltare. E forse è per una buona ragione. Dopotutto, questa squadra dei Nuggets è stata completamente spazzata via al primo turno dai Golden State Warriors la scorsa stagione. Due anni fa, è stato arruolato al secondo turno dai Denver Phoenix Suns. Murray ha perso la serie con un ACL strappato che lo ha messo da parte per quasi due anni. C’erano sempre degli scettici.

READ  Traccia Brett della tempesta tropicale e ultime previsioni

Un ritornello comune è che Jokic è troppo suscettibile alle difese nella copertura pick-and-roll. Le pepite sono troppo lucide, troppo belle e non abbastanza spesse. Non proteggono abbastanza. Cosa succede quando i Nuggets arrivano alla postseason e affrontano Kevin Durant e Devin Booker o LeBron o la frizione che questa squadra non andrà mai avanti nella Western Conference?

Durante questa postseason, questa squadra di Denver ha mostrato ogni possesso su entrambe le estremità del campo con un chip sulle spalle collettive e l’intento di respingere le critiche ai critici. Quando i Nuggets hanno battuto i Lakers in Gara 1, una narrativa nazionale indicava che i Lakers trovavano un modo per sfruttare Denver, l’allenatore Michael Malone lo ha sottolineato dopo Gara 2.

Per la maggior parte della postseason, quando ai Nuggets è stato chiesto cosa dimostrassero al pubblico dopo ogni vittoria, i Nuggets si sono fatti beffe e non hanno detto nulla, e hanno chiesto ai media perché non stavano guardando. Nascosti tra le Montagne Rocciose, i Nuggets sono cambiati in modo così significativo in questa stagione rispetto allo scorso anno che molti al di fuori della gente del posto non hanno prestato sufficiente attenzione.

Nikola Jokic festeggia con i compagni di squadra dopo aver ricevuto il trofeo Most Valuable Player nelle finali della Western Conference. (Harry How/Getty Images)

L’aggiunta di Kentavious Caldwell-Pope è stata stroncata da molti membri dei media. L’aggiunta di Bruce Brown non è mai stata vista come una firma di vero impatto. Draft Christian Brown – Bella scelta, bravo ragazzo, ma fa davvero la differenza in un contesto di playoff?

Quelle mosse hanno dato ai Nuckets il roster più completo che abbiano mai avuto intorno a Jokic e Murray. Ha dato loro la capacità difensiva di proteggere Jokic dai ragazzi che arrivano a canestro dal palleggio. Quei ragazzi hanno avuto un impatto offensivo in una configurazione di playoff. Ma soprattutto, Murray è tornato ad essere il Murray che era prima dell’infortunio. E Jokic è passato dall’essere uno dei migliori giocatori del mondo a probabilmente il miglior giocatore del mondo.

READ  Jorge Santos si è dichiarato non colpevole di 13 accuse federali, tra cui frode e riciclaggio di denaro

Sul serio. Qualcun altro ha anche un argomento credibile a questo punto?

“Penso che inizi con una fiducia in se stessi, ma forse collettivamente”, ha detto Malone. “Ho visto quella fiducia tutto l’anno. Lo sapevamo a metà dicembre quando siamo saliti al primo posto nella Western Conference. Attraverso alti e bassi, non abbiamo mai perso il primo posto in Occidente. Significa molto battere questa squadra nelle finali della Western Conference e ottenere il primo successo nella storia della franchigia. Ma parlo per i 17 giocatori in quello spogliatoio e poi per l’intera organizzazione. Non siamo soddisfatti. Ce la godremo per un momento e sarà un inferno di volo verso casa. Ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

James ha giocato bene lunedì sera, segnando 40 punti, ottenendo 10 rimbalzi e distribuendo nove assist. È stato uno dei classici momenti di playoff di LeBron che conosce da oltre due decenni. Ha colpito i Nuggets con haymaker dopo haymaker. Ha segnato a volontà, poi ha trovato i suoi compagni di squadra quando i Nuggets hanno iniziato a raddoppiarlo. In poche parole, ha messo in scena una performance di livello assoluto.

Jokic l’ha inchiodato.

Ha segnato 30 punti, preso 14 rimbalzi e distribuito 13 assist. Ha segnato i punti vincenti, come ha tutte le serie. Ma con Jokic è stato più di questo. Quella era la sua influenza. Proprio come James ha afferrato la partita di lunedì sera per la gola, così ha fatto Jokic. Per 20 anni, quando James ha deciso di prendersi un momento e farlo suo, c’era poco da negargli, e Jokic è stato in grado di fare proprio questo.

READ  Aggiornamenti in tempo reale dall'Ucraina: Zelensky nega l'affermazione russa secondo cui Pakmut è caduto

Con queste pepite perfettamente costruite attorno a Jokic e Murray, è più importante per Denver che Jokic faccia un altro salto e diventi il ​​miglior giocatore del gioco. È stato divertente in questa post-stagione, quasi indescrivibilmente.

Nelle finali della conferenza, ha segnato una media di quasi 28 punti, 14,5 rimbalzi e 11,8 assist. Ha assolutamente distrutto Davis quando i Lakers AD avevano bisogno di giocare vicino a Jokic per avere qualche possibilità di vincere la serie. Jokic ha vinto quel torneo con un margine così ampio che nemmeno James è riuscito a superare segnando 40 punti vicino a una tripla doppia. Jockey ha segnato il secchio vincente della serie di Davis, una nota a margine su come è andata la serie tra i due.

“Penso che tu sia felice di aver vinto una partita e di aver battuto una buona squadra”, ha detto Jokic. “Penso che sarebbe potuta andare in entrambi i modi, ogni partita era così combattuta. Chiunque avrebbe potuto vincere. Ma siamo stati felici di vincere la partita e la serie, soprattutto quando eravamo sotto di 15 – per tornare e vincere la partita. C’era tanta emozione”.

Questi chiodi sono stati testardi che non hanno fatto il loro lavoro. Avrebbero pareggiato i Miami Heat in finale. Gli Heat stanno giocando abbastanza bene da essere il miglior test di Denver nella postseason. Ma non ignoriamo quanto siano stati dominanti i Nuggets a questo punto. Hanno sconfitto i Minnesota Timberwolves in cinque partite. Hanno battuto i Phoenix Suns in sei partite. Lunedì sera hanno completato la prima spazzata post-stagionale nella storia della franchigia.

La finestra di Denver è accesa ora. Le stelle si sono allineate per una squadra che è stata paziente, formando un legame attorno a Jokic, Murray e Malone. Sono stati la migliore squadra della Western Conference durante la stagione regolare. Sono stati la squadra migliore della postseason.

Ora mancano quattro vittorie al raggiungimento del loro obiettivo finale.

(Foto in alto dei Denver Nuggets che vincono le finali della Western Conference: Kirby Lee / USA Today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *