Processo Fox-Dominion: dichiarazioni di apertura del caso per diffamazione

Una persona cammina davanti all’insegna della Fox News presso l’edificio della News Corporation a New York City il 12 aprile 2023.

Andrea Kelly | Reuters

Wilmington, Del. – Gli argomenti di apertura inizieranno martedì in una causa per diffamazione da parte di Dominion Voting Systems che accusa Fox News di diffondere falsità secondo cui la società ha truccato le elezioni del 2020.

Dominion, che vende macchine per il voto e software per le elezioni, è stato originariamente accusato di diffondere consapevolmente falsità sulla società per aumentare le sue valutazioni.

La rete “deliberatamente e falsamente” ha incolpato Dominion per la perdita dell’ex presidente Donald Trump contro il presidente Joe Biden, trasmettendo affermazioni infondate sulla società, incluso il fatto che avrebbe interferito nel conteggio dei voti, ha affermato Dominion.

I servizi in onda di Fox su Dominion sono protetti dal Primo Emendamento, che protegge la libertà di parola e di stampa. La rete ha anche sostenuto che la causa legale di Dominion non ha stabilito che le affermazioni fossero state trasmesse con “danno effettivo”, che deve soddisfare lo standard legale per la diffamazione.

Le circostanze insolite del caso – la maggior parte dei casi di diffamazione sono risolti in via extragiudiziale e pochi richiedono la testimonianza di persona da una parata di noti personaggi dei media – combinati con la richiesta di danni a 10 cifre hanno creato una cacofonica frenesia mediatica. Ma non è chiaro quale impatto avrà la causa sulla reputazione di Fox o sui suoi profitti.

Dominion ha anche intentato causa per diffamazione contro l’ex avvocato di Trump Rudy Giuliani, il suo ex avvocato della campagna elettorale Sidney Powell, reti di notizie di destra e altri. Un’altra società di tecnologia elettorale, Smartmatic, ha intentato cause per diffamazione simili chiedendo miliardi di dollari di danni.

READ  I modi misteriosi di Elon Musk in mostra nel Tesla Tweet Test

Ma il caso contro Fox ha attirato l’attenzione negli ultimi mesi, in particolare su Fox Corp. In seguito al rilascio di messaggi personali e testimonianze dei migliori talenti e dirigenti di Fox News, tra cui il presidente Rupert Murdoch e il commentatore Tucker Carlson.

Le comunicazioni sono diventate diffamatorie in una battaglia legale che rivela come alcuni dipendenti Fox e altre figure di alto livello abbiano reagito dietro le quinte agli eventi seguiti alle elezioni del 2020. Le notizie sono veloci variazione I commenti personali di alcune personalità della Fox sono stati fatti in onda contemporaneamente alle affermazioni di frode elettorale.

Il processo dovrebbe durare fino a sei settimane. Ma l’inspiegabile ritardo nei procedimenti, e rapporti I negoziati dietro le quinte tra Fox e Dominion mettono in dubbio se la causa sarebbe andata in giudizio.

Le due parti si sono scontrate lunedì su quanti soldi fossero effettivamente in gioco, con Fox che ha affermato che Dominion aveva ridotto la sua richiesta di risarcimento danni da $ 1,6 miliardi e Dominion insistendo che “la richiesta di risarcimento è ancora valida”.

Parte del caso è già stata decisa: il mese scorso il giudice Eric Davis ha stabilito che le dichiarazioni contrassegnate da Dominion erano di fatto false. “Le prove prodotte in questa azione civile dimostrano chiaramente che nessuna delle dichiarazioni di Dominion sulle elezioni del 2020 era vera”, ha scritto Davis.

La sua sentenza ha chiarito che una giuria del processo avrebbe deciso chi fosse responsabile della pubblicazione delle false dichiarazioni e se quelle persone avessero agito con effettiva malizia. Quello standard legale è quello di dimostrare che le affermazioni erano consapevolmente false o pubblicate con sconsiderato disprezzo per la verità.

READ  Man City, Rodri ha dominato la stagione di Champions League

L’anteprima del processo è già segnata da grandi colpi di scena, che non fanno che aumentare l’interesse del pubblico.

Un giudice ha stabilito all’inizio di questo mese che Murdoch, 92 anni, e suo figlio, il CEO di Fox Corp Lachlan Murdoch, potrebbero essere costretti a testimoniare in tribunale. Altri testimoni includevano Carlson, il CEO di Fox News Suzanne Scott, Sean Hannity e altre figure televisive di spicco della Fox.

In un’udienza preliminare della scorsa settimana, Davis ha assolto Fox e la sua società madre per aver nascosto prove a Dominion durante il processo di scoperta. Lo ha riferito NBC News.

Le registrazioni effettuate dall’ex produttrice della Fox Abby Grossberg nel 2020 di Giuliani e dell’ancora della Fox Maria Barthiromo che parlavano del software di voto non sono state consegnate a Dominion, secondo la NBC. Grossberg querelato la rete Il mese scorso, Dominion ha affermato di essere stato costretto a fornire false testimonianze nel caso.

Una portavoce della Fox ha detto dopo l’udienza: “Abbiamo preparato le informazioni supplementari della signora Grossberg quando ne abbiamo appreso per la prima volta”.

Questa è una notizia in crescita. Ricontrolla per gli aggiornamenti.

Kevin Breuninger riporta da Wilmington, Delaware. Lillian Rizzo riporta da Englewood Cliffs, New Jersey.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *