Un nuovo studio cita i cani procione di Wuhan come possibile fonte di COVID-19

Una nuova analisi delle informazioni genetiche condotta da un team internazionale di ricercatori ha trovato prove che il COVID-19 ha avuto origine da animali infetti venduti in un mercato a Wuhan, in Cina.

Come riportato per la prima volta da The Atlantic, la biologa evoluzionista francese Florence Debare RDati genetici scoperti di recente Dal database globale di virologia GISAID. I dati sono stati presentati da ricercatori cinesi che hanno raccolto sequenze di genomi dal mercato all’ingrosso di frutti di mare di Huanan, che è stato studiato come l’epicentro della pandemia di COVID-19.

Nonostante il nome, migliaia di mammiferi venivano venduti al mercato, dove venivano tenuti in spazi angusti e antigienici.

I dati genetici suggeriscono che i cani procione venduti sul mercato potrebbero aver versato il virus SARS-CoV-2 in quel momento. L’analisi è condotta dagli analisti Christian Andersen, Edward Holmes e Michael Worobe.

La scrittrice atlantica Katherine J. Nelle comunicazioni con Wu, Anderson ha affermato di non sapere se i cani procione fossero ospiti immediati del virus che potrebbe infettare gli esseri umani, ma ha affermato che erano “in cima” alla sua lista di potenziali ospiti.

I risultati non pubblicati sono stati presentati martedì al comitato consultivo scientifico dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) sull’emergenza di nuovi agenti patogeni. La rivista Science ha notato che dalla ricerca presentata a GISAID Rimosso su richiesta dei mittenti originali.

Questa nuova prova aggiunge ulteriore carburante al dibattito in corso tra fughe di laboratorio e origine naturale, che ha recentemente acquisito nuovo slancio con la conclusione del Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti secondo cui il Covid-19 ha avuto origine in un laboratorio di ricerca cinese.

READ  Taylor Swift pubblica il trailer video di "Fortnite" con Post Malone: ​​guarda

I fautori della teoria delle fughe di laboratorio hanno sostenuto furiosamente che non era una coincidenza che il Covid-19 fosse stato rilevato per la prima volta a Wuhan, vicino al Wuhan Institute of Virology, dove si stavano conducendo ricerche sui coronavirus.

Tuttavia, gli oppositori di questa teoria sostengono che non ci sono prove sufficienti per suggerire che ci sia una fuoriuscita di laboratorio e sottolineano che precedenti focolai di coronavirus hanno confermato prove sugli animali.

Non è stato raggiunto un consenso sull’origine di COVID-19 e alcuni ricercatori si chiedono se emergerà mai una risposta definitiva, soprattutto data la continua resistenza della Cina a fornire più dati.

Nel suo rapporto del 2021 sulla possibile origine di COVID-19, l’OMS ha dato credito alla teoria della trasmissione animale, indicando pipistrelli o visoni come potenziali serbatoi della malattia. L’organizzazione ha detto all’epoca che aveva bisogno di maggiori informazioni sulla catena di approvvigionamento di Huanan Market.

Rintracciare l’origine di un virus richiede anni, ma tentativi precedenti lo hanno fatto risalire a origini animali. I ricercatori hanno collegato le infezioni umane di MERS, un virus della famiglia dei coronavirus segnalato per la prima volta nel 2012, al contatto con cammelli infetti.

Copyright 2023 Nextstar Media Inc. Tutti i diritti riservati. Questo contenuto non può essere pubblicato, trasmesso, riscritto o ridistribuito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *