Frozen Empire ottiene il giorno dell'inaugurazione da 16 milioni di dollari

“Ghostbusters: Frozen Empire” ha aperto con 16 milioni di dollari Vendita di biglietti e anteprime in Nord America in 4.345 sale durante tutto venerdì. Quasi si adatta Il suo predecessore “Ghostbusters: Afterlife” ha guadagnato 16,6 milioni di dollari il giorno della sua apertura nel novembre 2021. Il sequel della commedia fantascientifica di Sony raggiungerà facilmente la vetta delle classifiche nazionali, anche se non funziona ancora dato il suo budget di produzione di 100 milioni di dollari.

Si tratta di un aumento del prezzo rispetto a “Afterlife”, che è costato 75 milioni di dollari prima della commercializzazione e della distribuzione. Il revival di quel franchise ha quasi triplicato i 44 milioni di dollari del weekend di apertura nazionale, ha funzionato bene durante le festività del Ringraziamento e si è concluso con 129 milioni di dollari e 204 milioni di dollari in tutto il mondo. Allo stesso modo, “Frozen Empire” potrebbe aumentare le sue fortune con la Pasqua di fine mese.

Rispetto al “dopo” così ricevuto, le recensioni sono state piuttosto scarne. Anche i primi spettatori sono un po' freddi nei confronti del franchise adesso, con la società di sondaggi sul pubblico CinemaScore che ha ottenuto un voto B+. (“Afterlife” ha ottenuto un voto A.) ​​“Frozen Empire” dovrà affrontare una certa competizione la prossima settimana con l'arrivo di un altro “Empire”, in questo caso un “nuovo”: “Godzilla X Kong: The New” di Warner Bros. e Legendary. Impero.”

Paul Rudd, Gary Coon, Finn Wolfhard e McKenna Grace tornano tutti per “Frozen Empire”, mentre il gruppo si reca in una misteriosa Grande Mela ghiacciata dove è stata inventata l'industria degli acchiappa fantasmi. Anche le star originali degli anni '80 Bill Murray, Dan Aykroyd, Ernie Hudson, Annie Potts e William Atherton riprendono i loro ruoli in “Ghostbusters”. Diretto da Gil Cannon.

READ  Il primo ministro giapponese Kishida visiterà l'Ucraina per incontrare Zelensky

Questo fine settimana il banner indipendente Neon distribuirà il film horror “Immaculate” in 2.354 località. Diretto da Sidney Sweeney e diretto dal regista di “The Wires” Michael Mohan, il dramma di genere è finanziato e prodotto da Black Bear. I rivali del settore prevedono un quarto posto per “Immaculate” con circa 5 milioni di dollari in tre giorni. Non è un debutto brillante, ma il film è stato realizzato con un budget modesto. Le recensioni sono state positive, mentre la sensazione immediata del pubblico (grado C su CinemaScore) non è stata più simile all'horror.

“Dune: Part Two” è il secondo classificato. Legendary Entertainment e Warner Bros.' Venerdì il film ha guadagnato 4,45 milioni di dollari, in calo solo del 45% rispetto agli 8 milioni di dollari guadagnati una settimana prima. Il sequel di Denis Villeneuve rafforzerà ulteriormente la sua quarta settimana di uscita, spingendo il totale nazionale a 230 milioni di dollari. “Frozen Empire” (e presto “Godzilla X Kong”) sta battendo “Toon: Part Two” dagli auditorium premium di grande formato, ma l'epopea di fantascienza ha davvero fatto piazza pulita con l'aumento dei prezzi dei biglietti a marzo.

“Kung Fu Panda 4” della Universal otterrà il bronzo, in calo del 52% con soli 14,5 milioni di dollari per il fine settimana. È una cattura piuttosto impressionante considerando che “Frozen” è ora la nuova attrazione per il pubblico familiare. Il sequel animato della DreamWorks guadagnerà 130 milioni di dollari a livello nazionale nei primi 17 giorni dal rilascio. Supererà presto gli incassi nordamericani del suo predecessore “Kung Fu Panda 3”, che ha chiuso con 143 milioni di dollari nel 2016.

READ  Foto uniche di eclissi solari, video dallo spazio, dal vento, dalle montagne e altro ancora

“Arthur the King” della Lionsgate completerà la top five venerdì con 1,1 milioni di dollari. Il veicolo di Mark Wahlberg ha vacillato al suo debutto e ora ha superato i 14 milioni di dollari nei suoi primi 10 giorni. Considerando il suo modesto budget di produzione di 19 milioni di dollari, probabilmente non sarà poi così male a lungo termine, ma la storia del cane non si è ripetuta dopo il suo debutto soft.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *