In “Eternal Sunshine”, Ariana Grande non fa nomi

Nella lunga commedia romantica di fantascienza del 2004 di Michael Gondry “Eternal Sunshine of the Spotless Mind”, Jim Carrey ha interpretato Joel Parrish nel ruolo di Skull. “C'è il rischio di danni cerebrali?” Joel chiede al dottore prima della grande sparatoria, sinceramente interessato a mantenere la sua relazione. “Beh, tecnicamente parlando”, rispose il medico, “la procedura C'è Danno cerebrale.”

Ascoltare musica pop nel 2024 potrebbe dare la stessa sensazione. Nell'era dello streaming, siamo sopraffatti dalla scelta e spesso le forme più semplici di coinvolgimento sembrano una resa. Ecco perché i super fan ora si riferiscono ai loro cantanti preferiti come “mamma” mentre li immaginano come il loro eroe, la loro regina o una sorta di dio. Ecco la parte difficile che dovremmo tutti dimenticare: le superstar del pop sono solo persone meritevoli di pietà, ma ricche, meritevoli di controllo. In un mondo sempre più diseguale, la promessa del capitalismo di una crescita illimitata scorre come un fiume inquinato attraverso il pop di oggi, e mentre continuiamo a tifare le nostre megastar ultra-ricche per scaglioni fiscali ancora più alti, il cervello inizia a sembrare un punto di vulnerabilità.

Affilato. Intelligenza. Premuroso. Iscriviti alla newsletter di Style Memo.

E ora ecco che arriva Ariana Grande con un bellissimo nuovo album che ti spremerà il cervello in un modo furtivo di cui non ti renderai nemmeno conto. Lo ha chiamato “Eternal Sunshine”, un cenno al film di Gondry che rende l'intera faccenda una sorta di enigma. Sì, l'ultimo tumulto romantico di Grande è stato completamente raffazzonato in pile di gossip digitali, ma a differenza del suo caratteristico inno di rottura del 2019, “Grazie, alla prossima”, ha scelto di mantenere ambigui i testi di queste nuove canzoni, usando la pura setosità della sua voce per nascondere i dettagli di un cuore spezzato. La nostra eroina ha sperimentato il vuoto di memoria di cui parla nella traccia del titolo? Oppure esegue la procedura su di noi?

READ  Le azioni di Hong Kong sono scese del 2%, trascinate da proprietà e tecnologia; I mercati asiatici sono stati misti

Cominciamo con ciò che Grande vuole che ricordiamo. “mentre si sente il suo idrovolante in falsetto a ritmoIl ragazzo è mio”, ricordi Brandi e Monica che cantano Stesse parole Nel 1998. Quando senti Grande cantare la ballata disco “Non possiamo essere amici (aspetta il tuo amore)”, “Ricorderai la tua danza” di RobinLa mia danzaNel 2010Sì e?”, e verrai riportato al brivido eterno di MadonnaVoga” intorno al 1990 (e guardando il video musicale di Grande, la sua ispirazione Paula Abdul)Un cuore freddo”, di un anno fa). Se controlli i titoli di coda, vedrai Max Martin, il che significa che ricorderai che il cantautore svedese Colossus ha scritto migliaia di megahit per Britney Spears, NSYNC, Backstreet Boys e altri.

Si qualificano tutte come influenze di basso livello, ma Grande canta attraverso di loro in un modo che offusca il tempo, i bordi morbidi della sua voce danno a tutto in “Eternal Sunshine” una morbidezza morbida o un calore da vasca da bagno. La musica è più accogliente, con melodie che seguono i contorni generali dell'R&B, ma senza agonia e catarsi umana disordinata da ripulire in seguito. Invece, l'elegante staccato vocale di Grande è un meccanismo musicale che merita più attenzione: una bellissima tecnica senza fiato che ti spinge a sbattere i freni. È quasi come se Grande ci chiedesse di fermarci ancora e ancora e di assaporarlo adesso, o meglio ancora. Durante il ritornello esperto di “The Boy Is Mine”, ascolta come inserisce piccole linee di silenzio tra le parole: “Take my time”. È come se stesse prendendo tempo.

READ  Come l'esercito americano si sta affrettando a costruire un bacino galleggiante per fornire aiuti a Gaza

Se Here Now è il modo in cui Grande vuole dimenticare il passato, “Eternal Sunshine” mantiene la sua presunzione. Mentre offusca il confine tra musica e ascoltatore, afferma il confine tra persona e personalità. A meno che tu non voglia sbattere la testa contro il paradosso nascosto di questo album, non avrai mal di testa: quando sembra così facile entrare nella musica, è anche facile uscirne. Ogni battito sembra fluido, ogni melodia sembra fluida, ogni nota sembra profondamente familiare e, quando sarà finita, non ricorderai nulla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *