Ciclone Mocha: il Bangladesh e il Myanmar affrontano il peggio con l’intensificarsi della tempesta

(CNN) – Le agenzie umanitarie in Bangladesh e Myanmar affermano di essere preparate al disastro e hanno lanciato massicci piani di emergenza come un potente ciclone che si abbatte su milioni di persone vulnerabili.

Giovedì mattina presto si è formata una depressione tropicale sul Golfo del Bengala Ciclone Moka Intensificato all’equivalente di un uragano atlantico di categoria 5, con venti sostenuti di 259 chilometri all’ora (161 mph) e raffiche di 315 km/h (195 mph).

Secondo l’ultimo aggiornamento del Joint Typhoon Warning Center di domenica, la tempesta si sta spostando verso nord a 20 km (12 mph).

Mocha dovrebbe approdare entro domenica pomeriggio ora locale (domenica mattina presto ET), attraverso lo stato di Rakhine in Myanmar e Cox’s Bazar nel sud-est del Bangladesh, che ospita la città più grande del mondo. campo rifugiati.

Le bande esterne hanno già colpito il Myanmar e il Bangladesh, portando pioggia e forti venti nella regione. Le condizioni favorevoli alle frane dovrebbero peggiorare ulteriormente, portando con sé la minaccia di alluvioni e smottamenti.

Squadre di soccorso in caso di calamità e più di 3.000 volontari locali addestrati nella preparazione ai disastri e nel primo soccorso sono tenuti pronti nei campi, ed è in atto un sistema nazionale di allerta contro i cicloni, ha affermato il capo della delegazione dell’IFRC, Sanjeev Kafle. Delegazione del Bangladesh.

Coughley ha affermato che 7.500 kit di rifugi di emergenza, 4.000 kit per l’igiene e 2.000 contenitori per l’acqua sono pronti per la distribuzione.

cnnweather

Il ciclone Mocha si sta intensificando nel Golfo del Bengala.

Inoltre, squadre sanitarie mobili e dozzine di ambulanze sono pronte a rispondere ai rifugiati e ai bengalesi, con squadre appositamente addestrate pronte ad aiutare anziani, bambini e disabili, ha detto alla CNN Arjun Jain, coordinatore principale delle Nazioni Unite per i rifugiati Rohingya in Bangladesh.

READ  Scoot Henderson dei Trail Blazers, Amen Thompson dei Rockets fuori per infortuni nella partita della Summer League

“Ci aspettiamo che questo ciclone abbia un impatto più grave di qualsiasi altra calamità naturale che hanno affrontato negli ultimi cinque anni”, ha detto Jain. “In questa fase, non sappiamo dove approderà il ciclone e con quale intensità. Quindi speriamo per il meglio, ma preparati al peggio.

È stata avviata l’evacuazione delle persone nelle zone basse o di quelle con gravi condizioni mediche, ha affermato.

In Myanmar, i residenti delle zone costiere dello stato di Rakhine e della regione di Ayeyarwady sono stati evacuati e si sono rifugiati in scuole e monasteri.

Centinaia di volontari della Croce Rossa sono in attesa e l’agenzia sta trasferendo le persone vulnerabili e sensibilizzando sulla tempesta nei villaggi e nelle città, ha detto Coughley dell’IFRC.

L’ultima tempesta ad approdare con una forza simile è stata il ciclone tropicale Giri nell’ottobre 2010. È atterrato come un uragano di categoria 4 con venti massimi sostenuti di 250 km / h (155 mph).

Giri ha causato più di 150 morti e distrutto circa il 70% della città di Kyakphyu. Secondo le Nazioni Unite, circa 15.000 case sono state distrutte nello stato di Rakhine durante la tempesta.

Circa 1 milione di membri della comunità apolide Rohingya, fuggiti dalle persecuzioni nel vicino Myanmar durante la repressione militare nel 2017, vivono in campi tentacolari e sovraffollati a Cox’s Bazar.

La maggior parte vive in rifugi di bambù e tela cerata situati su pendii collinari vulnerabili a forti venti, piogge e frane.

Jain ha detto che i rifugi potevano resistere solo a velocità del vento di 40 km/h (24 mph), e si aspettava che il ciclone Mocha avrebbe soffiato molto più in alto di così.

READ  I Broncos stanno iniziando a ricercare altri potenziali candidati allenatori

“Le aree basse dei campi vengono rapidamente inondate, distruggendo strutture come rifugi, centri di apprendimento e infrastrutture come ponti di bambù”, ha detto.

Il ciclone si aggiunge a un anno già devastante per i Rohingya, e senza ulteriori finanziamenti da parte della comunità internazionale, ha detto Jain, potrebbero non avere abbastanza per ricostruire.

“Hanno dovuto affrontare un taglio del 17% nelle scorte di cibo all’inizio di quest’anno a causa dei tagli ai fondi, e prevediamo ulteriori tagli nelle loro razioni nei prossimi mesi. 16.000 rifugiati hanno perso le loro case nei devastanti incendi di marzo. Ora devono affrontare gli uragani Sfortunatamente, se il disastro è grave, non abbiamo nemmeno i fondi per permettere ai rifugiati di ricostruire le loro case e le strutture”, ha detto.

Si teme che 30.000 rifugiati Rohingya siano isolati e vulnerabili alle inondazioni. Impianto dell’isola Nel Golfo del Bengala, si chiama Basan Sar. IL Lo ha detto l’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati Volontari e squadre mediche sono in attesa e sono disponibili rifugi contro gli uragani e disposizioni alimentari per i residenti dell’isola.

In Myanmar, secondo l’agenzia umanitaria delle Nazioni Unite, circa 6 milioni di persone hanno bisogno di assistenza umanitaria nello stato di Rakhine e in tutto il nord-ovest, con 1,2 milioni di sfollati.

Negli ultimi decenni A La forza aumenterà Cicloni tropicali che colpiscono paesi in alcune parti dell’Asia e Ricerca recente Predice che possono esserlo Raddoppia il potere distruttivo Nella regione alla fine del sec.

Mentre gli scienziati stanno ancora cercando di capire in che modo il cambiamento climatico influisce sugli uragani, il riscaldamento globale causato dall’uomo è stato collegato a uragani più potenti e distruttivi.

READ  Dow Jones Futures Fall: il rally del mercato si ritira su Apple; 5 azioni nelle aree di acquisto

I cicloni tropicali (chiamati anche uragani, tifoni e tempeste tropicali, a seconda del bacino oceanico e dell’intensità), si nutrono del calore dell’oceano. Hanno bisogno di una temperatura di almeno 27 gradi Celsius (80 Fahrenheit) per svilupparsi e, se l’oceano si riscalda, possono assumere più umidità.

Il Golfo del Bengala è attualmente a 30 gradi Celsius (86 gradi Fahrenheit), circa 2 gradi Celsius (3,6 gradi Fahrenheit) più caldi della media di maggio.

Poiché la crisi climatica aumenta la temperatura degli oceani, che assorbono il 90% del calore in eccesso del mondo, fornisce condizioni migliori per il rafforzamento degli uragani.

Gli oceani più caldi aumentano anche le possibilità di uragani Si intensifica rapidamenteSecondo una recente ricerca.

L’innalzamento del livello del mare indotto dai cambiamenti climatici aumenta i rischi, peggiorando le mareggiate dei cicloni tropicali e consentendo loro di viaggiare verso l’interno.

Il Bangladesh e il Myanmar sono particolarmente minacciati perché sono pianeggianti e ospitano alcune delle persone più povere del mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *