Hubble spia spettacolari cambiamenti di stagione su Giove e Urano

In questa accattivante immagine, le vibranti cime delle nuvole di Giove sono interrotte dalla luna arancione Io, che proietta un’ombra verso il bordo occidentale del pianeta. La straordinaria risoluzione di Hubble ci permette di osservare la superficie arancione screziata di Io, che è attribuita ai suoi numerosi vulcani attivi. Queste meraviglie infuocate furono rivelate per la prima volta nel 1979 durante il sorvolo della Voyager 1. Sotto la sua sottile crosta, l’interno di Io è inghiottito da materiale fuso espulso periodicamente attraverso i vulcani. La variegata tavolozza di colori della superficie di Io deriva dalla reazione dello zolfo a temperature variabili, risultando in uno spettacolo ipnotizzante. Crediti: Scienza: NASA, ESA, STScI, Amy Simon (NASA-GSFC), Michael H. Wong (UC Berkeley), Elaborazione immagini: Joseph DePasquale (STScI)

Previsione per aria nebbiosa, smog, ecc

Pianeti esterni oltre[{” attribute=””>Mars do not have solid surfaces to affect weather as on Earth. And, sunlight is much less able to drive atmospheric circulation. Nevertheless, these are ever-changing worlds. And Hubble – as interplanetary meteorologist – is keeping track, as it does every year. Jupiter’s weather is driven from inside-out as more heat percolates up from its interior than it receives from the Sun. This heat indirectly drives color change cycles highlighting a system of alternating cyclones and anticyclones. Uranus has seasons that pass by at a snail’s pace because it takes 84 years to complete one orbit about the Sun. The seasons are extreme because Uranus is tipped on its side. As summer approaches in the northern hemisphere, Hubble sees a growing polar cap of high-altitude photochemical haze that looks similar to the smog over cities on Earth.

Hubble Monitors Changing Weather and Seasons at Jupiter and Uranus

Ever since its launch in 1990, NASA’s Hubble Space Telescope has been an interplanetary weather observer, keeping an eye on the largely gaseous outer planets and their ever-changing atmospheres. NASA spacecraft missions to the outer planets have given us a close-up look at these atmospheres, but Hubble’s sharpness and sensitivity keeps an unblinking eye on a kaleidoscope of complex activities over time. In this way Hubble complements observations from other spacecraft such as Juno, currently orbiting Jupiter; the retired Cassini mission to Saturn, and the Voyager 1 and 2 probes, which collectively flew by all four giant planets between 1979 and 1989.

Inaugurated in 2014, the telescope’s Outer Planet Atmospheres Legacy (OPAL) Program has been providing us with yearly views of the giant planets. Here are some recent images:

Jupiter November 2022 January 2023

Hubble Space Telescope images of Jupiter taken on November 12, 2022 (left) and January 6, 2023 (right). Credit: Science: NASA, ESA, STScI, Amy Simon (NASA-GSFC), Michael H. Wong (UC Berkeley), Image Processing: Joseph DePasquale (STScI)

Jupiter

[left]– Le previsioni per giovedì sono di maltempo alle basse latitudini settentrionali. È visibile una serie prominente di tempeste alternate, che formano una “strada a vortice”, come la chiamano alcuni astronomi planetari. È uno schema ondulatorio di anticicloni e cicloni annidati, bloccati insieme come una macchina con ingranaggi alternati che si muovono in senso orario e antiorario. Se le tempeste si avvicinano, nell’improbabile caso di una fusione, potrebbero creare una tempesta ancora più grande che rivaleggia con le dimensioni attuali della Grande Macchia Rossa. Uno schema sfalsato di anticicloni e cicloni impedisce la fusione delle singole tempeste. L’attività si vede anche all’interno di queste tempeste; Negli anni ’90 Hubble non ha visto tornado o anticicloni temporali, ma queste tempeste sono sorte nell’ultimo decennio. Forti differenze di colore indicano che Hubble sta osservando diverse altezze e profondità delle nuvole.

La luna arancione Io fotografa questa vista delle nuvole multicolori di Giove, proiettando un’ombra verso il fianco occidentale del pianeta. La risoluzione di Hubble è così nitida che può vedere l’aspetto arancione screziato di Io associato ai suoi numerosi vulcani attivi. Questi vulcani furono scoperti per la prima volta nel 1979 dalla sonda Voyager 1. L’interno fuso della luna è coperto da una sottile crosta attraverso la quale i vulcani vomitano materiale. Lo zolfo assume colori diversi a temperature diverse, motivo per cui la superficie di Io è così colorata. Questa foto è stata scattata il 12 novembre 2022.

[right]—La famosa Grande Macchia Rossa di Giove è centrale in questa veduta. Sebbene questo vortice sia abbastanza grande da inghiottire la Terra, in realtà si è ridotto in misura minore rispetto alle osservazioni osservate da 150 anni fa. La gelida luna di Giove, Ganimede, può essere vista transitare sul pianeta gigante in basso a destra. Leggermente più grande di Mercurio, Ganimede è la luna più grande del Sistema Solare. È un mondo craterizzato con una superficie prevalentemente ghiacciata con apparenti flussi glaciali guidati dal calore interno. (Giove era a 81.000 miglia dalla Terra quando è stata scattata la foto, quindi questa immagine è più piccola). Questa foto è stata scattata il 6 gennaio 2023.

Urano 2014 2022

Immagini di Urano scattate dal telescopio spaziale Hubble il 9 novembre 2014 (a sinistra) e il 9 novembre 2022. Crediti: Scienza: NASA, ESA, STScI, Amy Simon (NASA-GSFC), Michael H. Wong (UC Berkeley), Elaborazione immagini: Joseph DePasquale (STScI)

Urano

Urano, la strana palla di pianeti, non ruota verticalmente come la Terra, ma invece rotola su un lato attorno al Sole mentre segue un’orbita di 84 anni. Urano ha un asse di rotazione “orizzontale” inclinato di appena otto gradi rispetto al piano dell’orbita del pianeta. Una recente teoria propone che Urano una volta avesse una grande luna che è stata perturbata gravitazionalmente e poi si è scontrata con essa. Altre possibilità includono impatti giganti durante la formazione dei pianeti o pianeti giganti che esercitano coppie vibrazionali l’uno sull’altro nel tempo. Gli effetti dell’inclinazione del pianeta possono durare fino a 42 anni, lasciando parti di un emisfero completamente prive di luce solare. Quando la Voyager 2 visitò negli anni ’80, il polo sud del pianeta era puntato quasi direttamente verso il Sole. L’ultima osservazione di Hubble mostra che il Polo Nord è ora inclinato verso il Sole.

[left]—Questa è una visione Hubble di Urano scattata nel 2014, sette anni dopo l’equinozio di primavera settentrionale, quando il Sole brillava direttamente sopra l’equatore del pianeta, e mostra una delle prime immagini del progetto OPAL. Molte tempeste con nuvole di cristalli di ghiaccio di metano compaiono a latitudini medio-settentrionali sopra la bassa atmosfera color ciano del pianeta. Hubble ha scattato un’immagine di taglio del sistema ad anello Nel 2007, ma questa visione vede l’apertura degli anelli sette anni dopo. In questo momento, il pianeta ha avuto molte piccole tempeste e persino alcune deboli bande nuvolose.

[right]– Come visto nel 2022, il polo nord di Urano mostra una fitta foschia fotochimica, simile allo smog sulle città. Molte piccole tempeste possono essere viste vicino al bordo della linea di nebbia polare. Hubble sta monitorando le dimensioni e la luminosità della calotta del Polo Nord, e diventa più luminosa ogni anno. Gli astronomi estraggono diversi effetti dalla circolazione atmosferica, dalle proprietà delle particelle e dai processi chimici che controllano il modo in cui la calotta polare atmosferica cambia con le stagioni. All’equinozio di Urano nel 2007, nessuno dei due poli era particolarmente luminoso. La calotta potrebbe diventare ancora più luminosa con l’avvicinarsi del solstizio d’estate settentrionale nel 2028, e sarà puntata direttamente sulla Terra, consentendo una buona visuale degli anelli e del Polo Nord; La struttura ad anello appare quindi sul viso. Questa foto è stata scattata il 9 novembre 2022.

A proposito di Hubble

Il telescopio spaziale Hubble rappresenta una collaborazione significativa tra la NASA e l’ESA, con il Goddard Space Flight Center della NASA a Greenbelt, nel Maryland, che ne supervisiona la gestione. Esplorando i misteri dello spazio, lo Space Telescope Science Institute (STScI) di Baltimora sta guidando gli sforzi scientifici di Hubble. L’Association of Universities for Astronomical Research, con sede a Washington, DC, gestisce STScI per conto della NASA.

READ  Il G7 prepara una risposta coordinata alla "coercizione economica" della Cina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *