L’allenatore degli assi Becky Hammon sospeso per commenti sulla gravidanza a Deirka Hamby

La WNBA ha sospeso l’allenatore dei Las Vegas Aces Becky Hammon per due partite senza paga martedì per i commenti che ha fatto all’attaccante dell’All-Star Deirka Hamby sulla sua gravidanza.

Hamby è stato ceduto ai Los Angeles Sparks a gennaio, quattro mesi dopo che gli Aces avevano vinto il campionato. Al momento, Hampi ha scritto in un post su Instagram Una persona senza nome le aveva fatto “commenti disgustosi”. Ha detto di essere stata accusata di aver firmato un’estensione del contratto quando ha scoperto di essere incinta e ha detto che era stata scambiata perché “non sarò pronta, abbiamo bisogno di corpi”. Ha detto che anche il suo impegno per la squadra è stato messo in discussione.

“Il team si aspettava che promettessi di non rimanere incinta in cambio di un’estensione del contratto?” Hampi ha scritto nel post. Ha firmato un’estensione del contratto nel giugno 2022.

La WNBA non ha approfondito ciò che Hammon ha detto ad Hamby, ma ha affermato che i commenti di Hammon hanno violato la sua politica sul rispetto sul posto di lavoro.

La lega ha anche affermato che gli assi perderanno una scelta al primo turno nella bozza del 2025 per aver promesso ad Hamby vantaggi inammissibili non specificati durante le trattative contrattuali. Nel suo post su Instagram, Hampi ha dichiarato: “Le cose che erano state promesse per indurmi a firmare la proroga del contratto non sono state seguite”.

La WNBA Players Association ha chiesto un’indagine sulle accuse di Hamby. L’8 febbraio, gli Aces hanno dichiarato in un comunicato che la lega aveva aperto un’indagine formale e che la squadra avrebbe collaborato.

READ  Harris attacca il diritto all’aborto in Arizona: “È stato Trump”

“In quanto organizzazione dedicata a sostenere e celebrare le donne più talentuose del nostro campionato, prendiamo sul serio la nostra responsabilità di mantenere i più alti standard professionali”, hanno dichiarato gli Aces in un comunicato all’epoca.

Martedì, la WNBA Players Association ha dichiarato in una dichiarazione che le multe degli Aces “non erano appropriate”.

“Dove questa squadra o qualsiasi altra squadra in tutto il campionato impara da questa decisione che il rispetto sul posto di lavoro è lo standard più alto e la dignità di un giocatore non può essere compromessa?” Lo afferma il sindacato nella sua nota.

La stagione WNBA inizia venerdì.

Questa è una notizia dell’ultima ora. Questo articolo verrà aggiornato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *