Questo tasso di scioglimento della calotta glaciale della Groenlandia potrebbe significare un aumento del livello del mare ancora peggiore

Gli scienziati che studiano uno dei più grandi ghiacciai della Groenlandia affermano che si sta sciogliendo più velocemente del previsto nella sua area più vulnerabile, un segnale preoccupante che i ghiacciai marini potrebbero contribuire all’innalzamento del livello del mare più velocemente di quanto attualmente previsto.

Gli scienziati temono che il fenomeno visto al ghiacciaio Petermann possa accadere ad altri ghiacciai sia in Groenlandia che in Antartide, portando a un aumento del livello del mare globale più rapido e drammatico – “doppio” di quanto ci si aspetta attualmente dai ghiacciai. Lo studio è stato pubblicato lunedì.

Usando le misurazioni satellitari della sua superficie, i ricercatori hanno scoperto che Peterman oscillava su e giù, spostando drasticamente i suoi ormeggi sul fondo del mare in risposta alle maree. Tutto questo movimento ha scavato una grande caverna alla base del ghiacciaio e ha permesso all’acqua calda di continuare ad estendersi al di sotto di essa. Mentre il ghiacciaio si muove su e giù, l’acqua scorre veloce per più di un miglio, assottigliando il ghiaccio di 250 piedi all’anno in alcuni punti.

“L’acqua di mare continua a essere perlustrata diversi chilometri sotto il ghiacciaio”, ha detto il glaciologo Eric Rignot, uno degli autori dello studio e del Jet Propulsion Laboratory del California Institute of Technology, Irvine.

“Pensiamo che cambierà un po’ le proiezioni sul livello del mare”, ha detto. Lo studio è stato pubblicato lunedì negli Atti della National Academy of Sciences.

Il ghiacciaio Petermann è la prossima grande novità nel contesto del cambiamento climatico che potrebbe abbattere le nostre emissioni di gas serra. Un vasto ghiacciaio largo circa dieci miglia Uno dei tanti sbocchi principali in cui il ghiaccio scorre dall’interno della Groenlandia nell’oceano. Tutto sommato, un enorme pezzo di ghiaccio si è allineato dietro Peterman Se tutto questo si sciogliesse, potrebbe innalzare il livello globale del mare di oltre 1 piede.

READ  L'ex amministratore delegato di Trump Alan Weiselberg si dichiara colpevole di falsa testimonianza

Peterman non è cambiato tanto quanto altri ghiacciai della Groenlandia, forse in parte perché è così a nord. Ma ha visto cambiamenti importanti.

Petermann ha perso due grossi pezzi di ghiaccio dalla sua piattaforma di ghiaccio galleggiante nel 2010 e nel 2012, facendo perdere alla piattaforma un terzo della sua area. Da allora non si è ripreso.

Anche il nucleo del ghiacciaio iniziò a muoversi all’indietro La sua linea di base – dove si trova sul fondo di un profondo fiordo – si è ritirata nell’entroterra per più di 2 miglia verso l’interno della Groenlandia. Ciò è avvenuto in risposta al riscaldamento dell’acqua nel fiordo di fronte al ghiacciaio. Secondo Rignot, il riscaldamento è stato solo di una frazione di grado, ma l’acqua ora è leggermente al di sopra di zero gradi Celsius. Ma è un calore più che sufficiente per sciogliere il ghiaccio, specialmente alle profondità e alle pressioni che si trovano nelle linee sotterranee.

Allo stesso tempo, il ghiaccio ha iniziato a fuoriuscire a un ritmo molto più veloce, il che significa che Peterman sta perdendo qualche miliardo di tonnellate di ghiaccio nell’oceano ogni anno da uno stato più o meno stazionario. Non è così grande rispetto ad alcuni degli altri grandi ghiacciai dell’Antartide o della Groenlandia, ma è solo l’inizio.

Tutti questi riflettono cambiamenti nella linea di base, che sono molto difficili da notare. Ma i satelliti possono rilevare due cambiamenti nell’elevazione della superficie del ghiacciaio, che possono essere utilizzati per prevedere cosa sta succedendo sotto e come i ghiacciai rispondono ai cicli delle maree.

Questo è esattamente ciò che la nuova ricerca cattura in Petermann, dimostrando che i cicli di marea hanno implicazioni di vasta portata per lo scioglimento dei ghiacciai. I satelliti lo hanno mostrato Non c’è una vera e propria “linea” di base, piuttosto c’è un’ampia zona lunga più di un miglio sulla quale il ghiacciaio si muove avanti e indietro sul fondo del mare. Questo movimento accelera lo scioglimento consentendo all’acqua di mare di mescolarsi vicino e persino sotto il ghiacciaio.

READ  L'economia cinese rallenta a maggio, confermando un ulteriore sostegno

La ricerca ha anche scoperto che un enorme buco – alto 200 metri – è stato praticato al centro della pista di atterraggio. Copre un’area di quasi 8 miglia quadrate, e in questa zona il mare può intromettersi e sciogliersi senza l’ausilio delle onde che muovono e sollevano il ghiacciaio.

Tutto ciò, secondo i ricercatori, ha implicazioni di vasta portata: potremmo dover adattare i nostri modelli attuali per tenere conto del rapido scioglimento lungo le linee sotterranee di grandi ghiacciai. A sua volta, lo studio suggerisce che le proiezioni sull’innalzamento del livello del mare di questi colossi potrebbero “potenzialmente raddoppiare”.

“Probabilmente molti altri ghiacciai si trovano in quella situazione, con la marea”, ha detto Rignot. Nel complesso, crede che Peterman sia una buona analogia per ciò che sta accadendo in Antartide, che è anche a maggior rischio di perdita di ghiaccio rispetto alla Groenlandia.

La ricerca è stata condotta da scienziati di tre istituzioni statunitensi – il Jet Propulsion Laboratory dell’Università della California, Irvine, il California Institute of Technology e l’Università di Houston – in collaborazione con colleghi internazionali di istituzioni in Cina, Finlandia e Germania. e Italia.

Molti scienziati Non collegato al corso Impressionato dalle nuove misurazioni raggiunte da The Post, ma non del tutto convinto delle loro implicazioni.

“I tassi di scioglimento riportati sono molto elevati, molto più elevati di qualsiasi cosa sospettassimo in questa regione”, ha affermato Helen Serosi, glaciologa del Dartmouth College che utilizza modelli per studiare i ghiacciai e l’innalzamento del livello del mare.

Tuttavia, Seroussi ha affermato che i modelli utilizzati dai ricercatori per prevedere l’innalzamento del livello del mare – equazioni complesse utilizzate per prevedere come i ghiacciai di tutto il mondo risponderanno a oceani e venti più caldi – non cambieranno immediatamente sulla base dei risultati attuali. studio

READ  Elezioni spagnole: il PP è in testa ma nessun partito emerge con un sostegno assoluto sufficiente per formare il governo

“Siamo lontani anni dall’implementazione corretta di questi processi nei modelli numerici”, ha affermato Serosi. “È importante capire che ci sono sempre lunghi ritardi tra la scoperta di un nuovo processo e la sua inclusione nei modelli numerici, poiché questi processi devono essere pienamente compresi da un punto di vista fisico”, sono necessarie ulteriori ricerche.

In particolare, ha detto Serosi, il processo in questione Non è generalmente incluso perché la misura in cui funziona non è completamente compresa. Fino a quando ciò non accadrà, alcuni modelli potrebbero mostrare una maggiore perdita di ghiaccio a causa di ciò perché rappresentano il gioco su una regione più ampia.

Anche Andreas Muenzo, uno scienziato dell’Università del Delaware che studia il ghiacciaio Petermann, ha avuto alcune note cautelative.

“Mi piace l’idea del ‘battito cardiaco delle maree’ della zona di atterraggio del ghiacciaio, dove il ghiacciaio è penetrato dall’acqua calda durante la marea in arrivo e drenato dall’acqua fredda durante la marea in uscita”, ha detto Muenzo.

Tuttavia, ha osservato, “gli altissimi tassi di fusione sono reali, ma sono stimati su aree molto piccole”.

“Il mio punto principale è che i modelli devono essere migliorati”, ha concluso Muenchow. “Questo studio mette a fuoco quali processi dobbiamo studiare vicino ai ghiacciai galleggianti in Groenlandia o in Antartide, utilizzando modelli di innalzamento del livello del mare in futuro”.

Nel complesso, il nuovo studio sottolinea ancora una volta che non sappiamo quanto velocemente si verificherà uno dei maggiori effetti del cambiamento climatico: l’innalzamento del livello del mare dovuto allo scioglimento delle calotte glaciali della Groenlandia e dell’Antartide. Stiamo ancora scoprendo nuovi dettagli e nuovi motivi per pensare che potrebbe essere più veloce del previsto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *