Trump non può ottenere una cauzione da 464 milioni di dollari nel caso di frode a New York, dicono i suoi avvocati

  • Di Madeline Halbert
  • Notizie della BBC, New York

fonte dell'immagine, Belle foto

didascalia dell'immagine,

Gli avvocati di Trump affermano di aver contattato dozzine di società di intermediazione mobiliare ma di non essere stati in grado di assicurarsene una

Donald Trump non è riuscito a trovare una società privata che garantisse i 464 milioni di dollari (365 milioni di sterline) che gli è stato condannato a pagare in un caso di frode civile a New York.

L'ex presidente deve pagare l'intero importo in contanti o ottenere una cauzione per portare avanti il ​​suo appello.

Lunedì gli avvocati di Trump hanno affermato che ottenere una cauzione di quella portata sarebbe poco pratico.

Se non paga, rischia la liquidazione di parte del suo patrimonio immobiliare.

A pagamento, una società di cauzione garantirà l'intero importo a un tribunale di New York.

Il signor Trump perde il suo appello e devono pagare se non può farlo.

Il team di Trump ha trascorso “innumerevoli ore a negoziare con le più grandi compagnie assicurative del mondo”, hanno scritto gli avvocati in un atto giudiziario, ma hanno concluso che “pochissime società di fideiussione considererebbero un'obbligazione qualcosa che si avvicini a quelle dimensioni”.

I procuratori hanno detto di aver contattato 30 aziende.

Si prevede che anche i due figli maggiori di Trump pagheranno milioni di dollari nel caso.

Oltre a ordinare a Trump di pagare la multa, il giudice di New York Arthur Engoron gli ha vietato di svolgere qualsiasi attività commerciale nello stato per tre anni dopo aver scoperto che l’ex presidente aveva falsamente gonfiato i suoi beni per ottenere migliori condizioni di prestito.

Il mese scorso un giudice ha sospeso il divieto di attività commerciale di Trump, ma ha respinto il tentativo di emettere una cauzione inferiore di 100 milioni di dollari per coprire la multa.

In una recente dichiarazione, gli avvocati dell'ex presidente hanno incluso una dichiarazione giurata del capo di una compagnia di assicurazioni privata che affermava che “in poche parole, un legame di questa portata è raramente, se non mai, visto”.

“In circostanze insolite, un'obbligazione di questa portata verrebbe emessa, data alla più grande azienda pubblica del mondo, non a privati ​​o aziende private”, hanno detto gli avvocati.

La situazione legale senza precedenti di Trump rende difficile prevedere i suoi prossimi passi, ha affermato Diana Florence, ex procuratore federale, che ha aggiunto che multe di questa portata vengono solitamente imposte contro le grandi società.

La sua squadra legale sta giocando il gioco del ritardo mentre fa appello al verdetto, ma ora “potrebbe essere fuori dai guai”, ha detto.

Il procuratore generale di New York ha minacciato di sequestrare i suoi beni se non pagherà la sentenza per frode. Ci sono anche gli interessi sulla multa che grava sulla sua testa, che ammonta ad almeno 112.000 dollari al giorno finché non la paga.

Gli avvocati di Trump hanno affermato che le società obbligazionarie non accetteranno “beni durevoli come gli immobili come garanzia” ma contanti o “equivalenti in contanti”, il che significa che gli investimenti possono essere liquidati rapidamente.

“Si trova di fronte alla possibilità molto reale che l’AG cominci a dissolversi [his assets]E dipende davvero dal fatto che un tribunale voglia concedergli più tempo”, ha detto Florence.

Secondo le stime di Forbes, Trump vale circa 2,6 miliardi di dollari. L'anno scorso ha testimoniato di avere liquidità per 400 milioni di dollari.

Ma la sentenza da 464 milioni di dollari non è stata la sua unica spesa. A gennaio, gli è stato ordinato di pagare 83 milioni di dollari dopo aver perso una causa per diffamazione contro E. Jean Carroll, una donna di cui si è scoperto che aveva abusato sessualmente. In quel caso ha già versato una cauzione.

Lunedì Trump ha subito un’altra battuta d’arresto legale in uno dei quattro casi penali che deve affrontare.

Un giudice di New York ha respinto la richiesta dell'ex presidente di bloccare la testimonianza di due testimoni chiave che lo accusavano di aver falsificato documenti aziendali.

L'ex avvocato di Trump, Michael Cohen, e la star del cinema per adulti Stormy Daniels potrebbero testimoniare nel caso, che inizierà ad aprile, ha detto il giudice Juan Mercant.

READ  La Carolina del Sud affronta l'Iowa; Il vincitore ottiene LSU

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *