Ciaspole e sci di fondo tra neve e sole delle Dolomiti

La settimana delle Ciaspole a Tires e i paesaggi innevati del fondo in Val d’Ega, sole e Dolomiti nel cuore
Da quando è scesa per la prima volta sulla terra, la neve non è mai stata patrimonio esclusivo di chi la interpreta come un tappeto steso sulle pendenze vertiginose, utile per acquistare velocità e scendere dalle cime fino a valle. La neve è anche al servizio di chi la concepisce come un sentiero da percorrere con lentezza, per non perdere neanche un centimetro di un teatro naturale che d’inverno cambia colore e forma. E se il teatro in questione sono le Dolomiti – nominate dall’Unesco Patrimonio Mondiale dell’Umanità – e la Val d’Ega, che delle Dolomiti sono il cuore bianco baciato dal sole, ai cultori dello slow winter non si può che dare ragione.

Fino al 17 marzo 2013, Tires al Catinaccio diventa una meta di culto per gli appassionati delle passeggiate invernali alla scoperta di angoli nascosti e incontaminati in mezzo a paesaggi innevati, lontano dalle piste e dal caos. La settimana delle ciaspole offre un’opportunità unica per avvicinarsi all’antica pratica delle racchette ai piedi in mezzo a pascoli bianchi, malghe e boschi di conifere ricoperti di neve, con un compagno d’escursione impareggiabile come il Catinaccio. Il pacchetto comprende 3 o 7 pernottamenti in albergo, fino a 5 escursioni sulle ciaspole guidate, noleggio dell’attrezzatura (ciaspole, bastoni e gambali) e ulteriori prestazioni a seconda dell’alloggio: mobilcard, cartina invernale, trattamenti wellness, pranzo al sacco e tè caldo per l’escursione, servizio navetta da Bolzano. Prezzi a partire da 363 euro a persona.

Last Minute Settimana bianca 2013

Procedere lentamente, avanzando senza nessuna foga di fronte ad uno spettacolo inimitabile, significa anche scivolare in piano sulla neve. E la Val d’Ega, a soli 20 minuti di macchina da Bolzano, è quello che si dice un tempio per lo sci di fondo. Gli appassionati di questa disciplina trovano qui la garanzia di 100 km di piste sempre perfettamente innevate per tutta la stagione e preparate per lo skating e la tecnica classica, tra Carezza e Nova Ponente – che, tra l’altro, propone ogni martedì e ogni giovedì tour gratuiti con le ciaspole guidati da un istruttore – e, a pochi chilometri di distanza, Passo Lavazé, a 1800 m di altitudine. Da qui, una serie di anelli porta ai masi isolati attraversando un incantevole scenario naturale fino a raggiungere la Val di Fiemme. E per non tradire uno dei cardini del fondo, il rispetto per la natura, fino a fine stagione, ogni giorno, uno skibus per fondisti parte da Nova Ponente e Obereggen fino a Passo Lavazè. Più fondo di così…

Scritto dal Team di Naturaestrema.it 9 gennaio 2013
Team Naturaestrema.it - Profilo Google+