Guerra Israele-Hamas: ai palestinesi è stato ordinato di evacuare parti di Rafah

GERUSALEMME (AP) – Lunedì l’esercito israeliano ha ordinato a decine di migliaia di palestinesi di Rafah, la città meridionale di Gaza Un’invasione di terra promessa da tempo deve iniziare per evacuare l’area, segnalando che potrebbe essere imminente.

L’annuncio complica gli sforzi disperati dei mediatori internazionali, compreso il direttore della CIA, per mediare un cessate il fuoco. Il gruppo militante di Hamas e il Qatar, un mediatore chiave, hanno avvertito che l’occupazione di Rafah – al confine con l’Egitto – potrebbe far deragliare i negoziati, e gli Stati Uniti hanno ripetutamente esortato Israele contro l’invasione.

Tuttavia, Israele ha descritto Rafa come l’ultimo significativo Roccaforte di Hamas dopo sette mesi di guerraE i suoi leader hanno ripetutamente affermato che l’invasione è necessaria per sconfiggere il gruppo militante islamico.

Il tenente colonnello Nadav Shoshani, portavoce dell’esercito, ha detto che a circa 100.000 persone è stato ordinato di recarsi nella vicina zona umanitaria di Muazi, dichiarata da Israele. Ha detto che Israele si sta preparando per una “operazione a scopo limitato” e non può dire se fosse l’inizio di un’invasione più ampia della città. Ma il 7 ottobre e il Attacco senza precedenti di Hamas al sud di IsraeleIsraele non ha annunciato formalmente l’invasione di terra, che continua ancora oggi.

Nella notte, il Ministro della Difesa Yoav Gallant ha detto al Segretario della Difesa statunitense Lloyd Austin che Israele non aveva altra scelta se non quella di agire a Rafah. Domenica Hamas ha lanciato un attacco missilistico mortale dalla zona di Rafah che ha ucciso quattro soldati israeliani.

Shoshani ha detto che Israele ha pubblicato una mappa della zona di evacuazione e gli ordini sono stati emessi attraverso volantini, messaggi di testo e trasmissioni radiofoniche sventolati dal vento. Ha detto che Israele ha esteso gli aiuti umanitari a Muwasi, inclusi ospedali da campo, tende, cibo e acqua.

READ  UConn domina nuovamente Purdue come campione di March Madness

L’esercito israeliano ha detto che agirà “con estrema forza” contro i militanti del sito social X, e ha invitato le persone ad andarsene immediatamente per la propria sicurezza.

Israele intende occupare Rafah Lanciato l’allarme globale Perché ha il potenziale di danneggiare più di un milione di persone I civili palestinesi si sono rifugiati lì.

Circa 1,4 milioni di palestinesi – più della metà della popolazione di Gaza – sono intrappolati nella città e nei suoi dintorni. La maggior parte di loro è fuggita dalle proprie case in altre parti del territorio per sfuggire agli attacchi israeliani. Vivono in tendopoli densamente popolate, in rifugi stracolmi delle Nazioni Unite o in appartamenti sovraffollati, e fanno affidamento sugli aiuti internazionali per il cibo, con sistemi sanitari e infrastrutture mediche paralizzati.

L’UNRWA, l’agenzia delle Nazioni Unite che da decenni aiuta milioni di palestinesi a Gaza e in Cisgiordania, ha messo in guardia lunedì dalle conseguenze devastanti dell’offensiva di Rafah, tra cui ulteriori sofferenze e morti tra i civili. L’agenzia ha affermato che non potrà rimanere a Rafah il più a lungo possibile per continuare a fornire aiuti salvavita.

Il valico egiziano di Rafah, il principale punto di transito degli aiuti a Gaza, si trova nella zona di evacuazione. Il valico è stato aperto lunedì dopo un ordine israeliano.

Tuttavia, mentre gli Stati Uniti, l’Egitto e il Qatar hanno insistito per un cessate il fuoco, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu La settimana scorsa ha ripetuto che si sarebbe mosso verso la città “con o senza accordo” per raggiungere il suo obiettivo di distruggere l’esercito. Gruppo militante di Hamas.

Lunedì Netanyahu ha accusato Hamas di “silurare” il contratto degli ostaggi e di non essersi tirato indietro rispetto alle sue “serie richieste” impedendo ai militanti di riprendere il controllo di Gaza. In un discorso infuocato domenica sera in occasione dell’annuale Giorno della Memoria dell’Olocausto nel paese, ha respinto le pressioni internazionali per porre fine alla guerra, affermando che “se Israele è costretto a restare da solo, Israele resterà da solo”.

READ  Bufera di neve in California: una potente bufera di neve in California chiude strade e stazioni sciistiche mentre forti nevicate e vento sferzano le montagne

Un funzionario di Hamas ha detto all’Associated Press che Israele sta cercando di fare pressione sul gruppo affinché faccia delle concessioni sul cessate il fuoco, ma che non cambierà le sue richieste. Hamas vuole la fine della guerra, il ritiro delle truppe israeliane da Gaza e la ricostruzione dell’area in cambio degli ostaggi israeliani tenuti dai militanti.

Shoshani non ha voluto dire se l’imminente operazione di Rafah sarà una risposta all’attacco di domenica di Hamas, che ha costretto Israele a chiudere il suo principale valico di frontiera per ricevere aiuti. Ha detto che il fatto che altri punti di passaggio siano operativi non influenzerà la quantità di aiuti che arriveranno a Gaza.

Tuttavia, lunedì non era chiaro se avrebbe commentato gli avvertimenti degli Stati Uniti di non invadere. L’ordine di evacuazione è stato coordinato con l’Egitto.

L’Egitto, il partner strategico di Israele, ha detto che minaccerà una presa militare israeliana del confine tra Gaza e l’Egitto – che deve essere smilitarizzato – o qualsiasi mossa volta a spingere i palestinesi in Egitto. Un trattato di pace quarantennale con Israele.

A Rafah, lunedì mattina, le persone hanno ricevuto volantini in arabo che dettagliavano quali quartieri dovevano abbandonare e dove si erano espanse le zone umanitarie. I servizi umanitari si estenderanno da Deir al-Balah, nel nord, fino al cuore della città di Khan Younis, nel mezzo della Striscia di Gaza, dicono i volantini.

“Chiunque venga trovato vicino a organizzazioni militanti mette a rischio se stesso e i propri familiari. Per la vostra sicurezza, (l’Esercito) vi esorta a evacuare immediatamente nella zona umanitaria estesa”, ha affermato.

Dopo che i palestinesi di Rafah hanno ricevuto i volantini, le persone si sono riunite per discutere le loro opzioni. La maggior parte ha affermato di non voler viaggiare da sola e di preferire viaggiare in gruppo.

READ  Morgan Wallen è stato arrestato a Nashville dopo aver presumibilmente lanciato una sedia dal tetto di un bar

“Molte persone sono state sfollate qui e ora devono tornare indietro, ma nessuno resta qui e non è sicuro”, ha detto al telefono Nidal Aljanin all’Associated Press.

Alsanin, padre di cinque figli, lavora per un gruppo umanitario internazionale e all’inizio della guerra si è trasferito a Rafah da Beit Hanoun, nel nord. Ha detto che la gente era preoccupata perché le truppe israeliane avevano sparato sui palestinesi durante i precedenti ordini di evacuazione.

Alzanin ha detto che aveva preparato i documenti e le valigie ma che avrebbe aspettato 24 ore prima di trasferirsi ad altri. Ha detto che aveva un amico a Khan Yunis che sperava potesse montare una tenda per la sua famiglia.

Ma alcuni dicono che sono troppo stanchi e incapaci di fuggire di nuovo dopo mesi di distruzione.

Sahar Abu Nahel si è trasferita a Rafah con 20 membri della sua famiglia, suo marito è stato arrestato da Israele e suo genero è scomparso, ha detto.

“Dove andrò? Non ho soldi o altro. Sono molto stanca come i (miei) figli”, ha detto, asciugandosi le lacrime dalle guance. “Forse è più onorevole per noi morire. Siamo umiliati”, ha detto.

___

Mroue riferisce da Beirut.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *