Corani sono stati bruciati davanti alle ambasciate egiziana e turca in Danimarca

COPENAGHEN, 25 luglio (Reuters) – Un piccolo gruppo di attivisti anti-islamici ha dato fuoco al Corano davanti alle ambasciate egiziana e turca a Copenaghen martedì, in seguito a proteste simili che hanno fatto arrabbiare i musulmani in Danimarca e Svezia nelle ultime settimane.

La Danimarca e la Svezia hanno affermato di condannare il rogo del libro sacro dell’Islam, ma non possono impedirlo in base alle leggi che proteggono la libertà di parola. La scorsa settimana, i manifestanti in Iraq hanno dato fuoco all’ambasciata svedese a Baghdad.

Il gruppo è stato messo in scena davanti all’ambasciata irachena lunedì e la scorsa settimana dopo il rogo di un Corano da parte di un gruppo di “patrioti danesi” a Copenaghen martedì. Due di questi incidenti si sono verificati in Svezia nell’ultimo mese.

Lunedì il ministero degli Esteri iracheno ha invitato i funzionari dei paesi dell’UE a “riconsiderare rapidamente il cosiddetto diritto alla libertà di espressione e di manifestazione” alla luce dei roghi del Corano.

Lunedì la Turchia ha dichiarato di condannare fermamente quello che ha definito un “attacco odioso” al Corano e ha esortato la Danimarca a prendere le misure necessarie per prevenire questo “crimine odioso” contro l’Islam.

Martedì il ministero degli Esteri egiziano ha invitato i funzionari svedesi a condannare la profanazione del Corano.

La Danimarca ha condannato gli incendi come “atti provocatori e vergognosi”, ma afferma di non avere il potere di fermare i manifestanti non violenti.

Martedì il ministro degli Esteri danese Lars Løkke Rasmussen ha dichiarato di aver avuto una “telefonata costruttiva” con il ministro degli Esteri iracheno Fouad Hussein sulle relazioni bilaterali dei due paesi e sul rogo del Corano.

READ  Celtici vs. Calore: l'allenatore di Boston Joe Mazzulla ammette la disconnessione negli spogliatoi dopo la sconfitta in Gara 3 contro Miami

“DK ha ripetutamente condannato questi atti vergognosi di alcuni individui. Ha esortato tutte le proteste a essere pacifiche”, ha scritto sul social network X, precedentemente noto come Twitter.

“Le persone beneficiano della libertà di parola quando manifestano”, ha detto a Reuters Drin Baumbach, professore di diritto dell’Università di Copenaghen, spiegando le leggi danesi. “Non è solo espressione verbale. Le persone possono esprimersi in modi diversi, come bruciare cose”.

(Segnalazione di Louis Brusch Rasmussen, Montaggio di Terje Solsvik e Nick McPhee)

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *