Cosa riserva il futuro post-Xbox a Sony e Nintendo

Arich Lawson

La decisione di Microsoft di allentare la sua rivalità di 23 anni con Sony e Nintendo ha aperto la strada al Giappone per tornare nel mondo indiscusso delle console dominando l'hardware dei giochi.

La prospettiva di una nuova era meno internazionalizzata di guerre tra console ha alimentato le speranze di un periodo più felice per i giapponesi, ma ha portato analisti e investitori a riconsiderare la questione di quanto durerà ancora l'intero genere delle macchine da gioco dedicate.

Il presidente di Microsoft Gaming Bill Spencer il mese scorso ha rivelato l'intenzione di rilasciare giochi Xbox esclusivamente per l'utilizzo su piattaforme competitive come parte di una nuova attenzione ai giochi basati su cloud.

Sebbene il colosso tecnologico statunitense abbia affermato che sta ancora lavorando su una nuova generazione di console più potenti, gli analisti ritengono che la sua direzione a lungo termine sia chiara.

“Tutti i segnali indicano che l'hardware sta diventando meno importante per Microsoft, quindi c'è la possibilità che si ritorni a una situazione come quella degli anni '90, dove tutte le possibili scelte di console erano giapponesi,” ha detto Sergan Toto. Consigli sul gioco Giochi Kandan.

Abbandonare la fatica delle console per concentrarsi sul software può essere considerata un'enorme vittoria per il Giappone. Per molti, il luogo di nascita Eccezionale Mario, Sonic il maiale riccio, Fantasia finaleE Pokemon La casa spirituale della console e la feroce “età dell'oro” del settore negli anni '80 e '90 furono gli scontri Nintendo vs Sega e, successivamente, Nintendo vs Sony.

“Non accadrà subito perché la tecnologia per il cloud gaming non è ancora chiaramente pronta, ma a seconda di ciò che dice Microsoft, c'è la possibilità che torneremo a un'industria delle console tutta giapponese, dominata da Sony e Nintendo. mercato in modi diversi e unici”, ha affermato l'analista David Gibson di MST Financial.

Ma il ritorno a un’industria esclusivamente giapponese per l’hardware dedicato ai giochi potrebbe definire ancora più chiaramente la console come un vicolo cieco commerciale.

Questo problema potrebbe essere particolarmente grave per Sony, ha detto l'analista di giochi indipendente Pelham Smithers, che la scorsa settimana ha annunciato l'intenzione di tagliare 900 dipendenti dalla sua divisione giochi.

“È stato molto difficile per Sony discutere con la domanda degli investitori per la PS5 – e molte persone all'epoca dicevano che la PS5 avrebbe potuto essere il capolinea – ma l'impegno di Microsoft nei confronti dei giochi per console ha aiutato”, ha detto Smithers.

Nintendo, nel frattempo, deve affrontare un problema di tempistica. Il suo motore Switch, lanciato nel 2017 e ora notevolmente sottodimensionato rispetto ad alcuni telefoni cellulari, sarà sostituito dal successore di prossima generazione. Ma la società con sede a Kyoto deve ancora dire esattamente quando e come ciò avverrà.

Gli analisti hanno affermato che Nintendo era ancora scossa dall'esperienza del 2012, quando lanciò uno scarso successore della console Wii di successo globale.

Le vendite dello Switch esistente sono rispettabili, ma ormai più o meno tutti coloro che vogliono una console ne hanno comprata una. Ha aggiunto che il mercato aspetterà il successore di Nintendo e potrebbe essere dissuaso dall'acquistare giochi per Switch prima del rilascio della nuova macchina.

READ  Caitlin Clark e Iowa hanno battuto la Carolina del Sud nelle Final Four

Gibson ha affermato che i problemi di Sony sono più diversi: la sua PS5, che ha ormai quattro anni, rimane popolare, ma il suo business dei giochi è ora guidato da “contabili” piuttosto che da persone che gestiscono principalmente un’attività creativa.

Le generazioni precedenti di PlayStation furono lanciate con l'aspettativa che la macchina sarebbe stata inizialmente venduta in perdita, prima che il costo dei componenti crollasse rapidamente, distruggendo l'azienda e consentendo nel tempo riduzioni di prezzo per i clienti.

La PS4 ha subito due tagli di prezzo nel suo quinto anno di rilascio, per un totale di $ 100. Niente su PS5. “Dato che il contabile è responsabile, Sony non è disposta ad abbassare i prezzi di 100 dollari per stimolare la domanda perché ciò costerebbe 2 miliardi di dollari di profitto”, ha detto Gibson.

Microsoft, che ha investito molto in acquisizioni di studi di gioco, come l’acquisto da 75 miliardi di dollari di Activision, si trova ad affrontare problemi simili con la sua economia hardware. Gli analisti hanno affermato che l’azienda statunitense potrebbe avere più motivazioni di Sony per diventare il re di tutte le piattaforme.

“Lo stato attuale del mercato delle console potrebbe non essere un segnale pubblicitario per il Giappone che sta ritrovando il suo fascino. Ho la sensazione che questi tre business unici stiano andando bene o meno per ragioni uniche”, ha affermato Robin Zhu, analista di giochi presso Bernstein.

La nuova direzione di Microsoft è una “situazione win, win, win”, secondo Atul Goyal di Jefferies, a causa della diversa situazione in cui si trova ciascuna azienda.

READ  Putin ordina di inasprire il confine con l'Ucraina dopo gli attacchi dei droni alla Russia | Notizie sulla guerra Russia-Ucraina

Microsoft potrà aumentare le entrate offrendo i suoi giochi su piattaforme diverse, mentre Nintendo e Sony dovranno affrontare una “concorrenza meno intensa” e beneficeranno di una più ampia selezione di titoli per i clienti.

Ma, come ha detto Zhu, l’unico fattore che potrebbe impedire a Microsoft di uccidere completamente Xbox è la stessa cosa che mantiene Sony e Nintendo sul mercato: la feroce lealtà dei giocatori.

“Preoccupazione [Microsoft] Hai già convinto i tuoi clienti ad acquistare l'hardware; Dicendo loro che i giochi Xbox saranno su tutte le altre piattaforme, rischi di alienare i tuoi clienti più ostinati e ad alto coinvolgimento”, ha affermato.

© 2024Financial Times Limited. Tutti i diritti riservati Non deve essere ridistribuito, copiato o modificato in alcun modo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *