Gli elefanti marini dormono a 1.200 piedi sotto l’oceano per evitare i predatori

Un elefante marino addormentato in Antartide.
Agenzia Sepnem Goskun/Anatolu tramite Getty Images

  • Un nuovo studio ha scoperto che gli elefanti marini si muovono verso il basso in una “spirale del sonno” quando si tuffano in profondità nell’oceano.
  • Gli scienziati ritengono che dormire durante le immersioni profonde consenta alle foche di evitare i predatori.
  • Come parte dello studio, gli scienziati hanno registrato le onde cerebrali di 13 giovani foche femmine in California.

Secondo un nuovo studio, gli elefanti marini scendono nell’oceano in una “spirale del sonno” per recuperare il sonno durante i viaggi di foraggiamento di mesi, ma sono programmati per non annegare.

Le foche dormono quando si immergono a una profondità di 377 metri, o circa 1.235 piedi, per evitare i predatori. Durante le immersioni di mezz’ora scendono a spirale per circa 10 minuti alla volta e talvolta dormono brevemente sul fondo del mare. Per i nuovi risultati pubblicati nella scienza.

Lo studio segna la prima volta che gli scienziati hanno registrato le abitudini del sonno di un mammifero marino selvatico, esaminando le onde cerebrali. Università della California, Santa Cruz.

Lo studio ha esaminato l’importanza del sonno per i mammiferi e ha sottolineato che i mammiferi marini “affrontano condizioni particolarmente difficili per dormire in mare”.

“Per molti anni la domanda chiave è stata quando gli elefanti marini dormono”, ha affermato Daniel Costa, direttore dell’UCSC Institute of Marine Sciences.

Il laboratorio ha utilizzato i tag per tracciare i movimenti degli elefanti marini nella Riserva di Ano Nuevo mentre gli animali migravano verso l’Oceano Pacifico per mesi.

“I registri delle immersioni mostrano che si immergono continuamente, quindi abbiamo pensato che stessero dormendo quando smettono di nuotare e affondano lentamente, ciò che chiamiamo immersioni in corrente, ma in realtà non lo sappiamo”, ha continuato Costa.

READ  La FTC sta impugnando una sentenza che ha consentito a Microsoft di acquistare Activision Blizzard

Il professor Terry Williams, UC Santa Cruz, ha detto a BBC News È “straordinario” che qualsiasi mammifero possa dormire a centinaia di piedi sotto la superficie dell’acqua.

“Non è un sonno leggero, ma il vero sonno paralitico e profondo attraverso il quale gli umani possono russare. Sorprendentemente, il cervello della foca li sveglia in modo affidabile prima che finiscano l’ossigeno.

“Immagina di svegliarti sul fondo di una piscina: fa venire i brividi lungo la schiena”, ha detto Williams.

Gli elefanti africani detengono attualmente il titolo di mammifero che dorme solo due ore al giorno, ma questa nuova scoperta mostra che gli elefanti marini “rivaleggiano con il record”, secondo l’UCSC.

Le orche assassine e gli squali attaccano gli elefanti marini quando sono sulla superficie dell’oceano, motivo per cui trascorrono così poco tempo vicino alla superficie e respirano solo brevemente in superficie tra le immersioni all’UCSC.

“Sono in grado di trattenere il respiro per lunghi periodi di tempo, quindi possono addormentarsi profondamente in queste immersioni in profondità sotto la superficie dove sono al sicuro”, ha detto Jessica Kendall-Barr, che ha guidato lo studio.

Gli scienziati hanno dotato i cappucci in neoprene di sensori per l’elettroencefalogramma (EEG) per registrare l’attività cerebrale di 13 giovani foche femmine.

“Abbiamo usato gli stessi sensori che usi per gli studi sul sonno umano in una clinica del sonno e abbiamo attaccato il copricapo con adesivi flessibili e rimovibili in modo che l’acqua non possa entrare e interrompere i segnali”, ha detto Kendall-Barr, un borsista postdottorato. Lo ha affermato lo Scripps Institution of Oceanography dell’UC San Diego.

Le registrazioni hanno mostrato che le foche subacquee attraversano una fase del sonno chiamata “sonno a onde lente” prima di passare al sonno REM, che porta a un tipo di “spirale del sonno” o paralisi del sonno, hanno scoperto gli esperti.

READ  Markéta Vondrousová entra nella storia di Wimbledon battendo Ons Jabeur

Gli elefanti marini dormono di più quando sono a terra – circa 10 ore – hanno detto gli scienziati, rendendo i loro schemi di sonno “insoliti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *