Gli svantaggiati economici dell’Europa sono diventati i suoi leader

Qualcosa di insolito sta accadendo nell’economia europea: i paesi del Sud, che hanno quasi rotto il blocco dell’euro durante la crisi finanziaria del 2012, stanno crescendo più velocemente della Germania e di altri grandi paesi che sono stati a lungo motori di crescita della regione.

Le dinamiche migliorano la salute economica della regione e impediscono alla zona euro di scivolare troppo oltre. In un'inversione di fortuna, gli sfavoriti divennero leader. Grecia, Spagna e Portogallo cresceranno due volte più velocemente della media dell’Eurozona nel 2023. L’Italia non è lontana.

Dieci anni fa, l’Europa meridionale era al centro di una crisi del debito della zona euro che minacciava di dividere il blocco dei paesi che utilizzano l’euro. Ci vorranno anni per riprendersi da profonde recessioni nazionali con severi programmi di austerità e salvataggi internazionali multimiliardari. Da allora, quegli stessi paesi hanno lavorato per risanare le proprie finanze, attrarre investitori, rilanciare la crescita e le esportazioni e invertire l’elevato tasso di disoccupazione.

La Germania, oggi la più grande economia d’Europa, sta trascinando le sorti della regione. L’Ucraina sta lottando per riprendersi dal crollo dei prezzi dell’energia dopo l’invasione russa.

Ciò era evidente martedì Nuovi dati Secondo Eurostat, l'agenzia statistica dell'Unione Europea, la produzione economica dell'Eurozona è aumentata dello 0,3% nel primo trimestre di quest'anno rispetto al trimestre precedente. L’economia della zona euro si è contratta dello 0,1% nel terzo e quarto trimestre dello scorso anno, un rallentamento tecnico.

La Germania, che rappresenta un quarto dell’economia del blocco, non ha evitato un rallentamento con una crescita dello 0,2% nel primo trimestre del 2024. Spagna e Portogallo lo stanno dimostrando, espandendosi a un ritmo più che triplo L’economia europea continua a crescere a due ritmi.

Dopo anni di salvataggi internazionali e severi programmi di austerità, i paesi dell’Europa meridionale Apportato importanti cambiamenti Ha attratto gli investitori, ha rilanciato la crescita e le esportazioni e ha invertito il livello record della disoccupazione.

READ  Il FMI taglia le prospettive di crescita tra i nervosismi del sistema finanziario

I governi hanno tagliato la burocrazia e le tasse sulle società per stimolare le imprese e hanno apportato modifiche ai mercati del lavoro, un tempo ristretti, rendendo più semplice per i datori di lavoro assumere e licenziare i lavoratori e riducendo l’uso diffuso di contratti temporanei. Si sono mossi per ridurre debiti e deficit alle stelle, attirando fondi pensionistici e di investimento internazionali Iniziare ad acquistare il loro debito sovrano Ancora.

“Questi paesi stanno lavorando insieme sulla scia della crisi europea e sono strutturalmente più solidi e dinamici di prima”, ha affermato Holger Schmiding, capo economista della Berenberg Bank di Londra.

Anche i paesi del Sud hanno raddoppiato le loro economie di servizi – in particolare il turismo, che ha generato entrate record dalla fine delle restrizioni legate al coronavirus. Hanno beneficiato di parte del pacchetto di stimoli da 800 miliardi di euro messo in atto dall’Unione Europea per aiutare le economie a riprendersi dalla pandemia.

L'economia della Grecia è cresciuta il doppio della media dell'Eurozona lo scorso anno, sostenuta dagli investimenti di multinazionali come Microsoft e Pfizer, dal turismo record e dagli investimenti nelle energie rinnovabili.

In Portogallo, l’economia è cresciuta dell’1,4% nel primo trimestre rispetto allo stesso trimestre dell’anno scorso, con una crescita trainata dall’edilizia e dall’ospitalità. Nello stesso periodo l'economia spagnola è cresciuta ancora più forte del 2,4%.

In Italia, il governo conservatore controlla la spesa e il Paese esporta più tecnologia e prodotti automobilistici, attirando allo stesso tempo nuovi investimenti esteri nel settore industriale. L’economia ha più o meno eguagliato il tasso di crescita complessivo dell’Eurozona, un notevole miglioramento per un paese a lungo considerato un ostacolo economico.

“Stanno adeguando i loro eccessi e stanno stringendo la cinghia”, ha affermato il sig. Schmiding ha detto delle economie dell’Europa meridionale. “Sono modellati dopo una vita al di là del loro potere prima della crisi, e di conseguenza sono magri, in forma e discreti.”

READ  I posti migliori da vedere da Volusia

Per decenni, la Germania è cresciuta costantemente, ma invece di investire nell’istruzione, nella digitalizzazione e nelle infrastrutture pubbliche durante quegli anni di boom, i tedeschi sono diventati compiacenti e pericolosamente dipendenti dall’energia russa e dalle esportazioni verso la Cina.

Ciò ha portato a due anni di crescita vicina allo zero, posizionando il paese all’ultimo posto tra i suoi 7 paesi pari e dell’Eurozona. Se misurata su base annua, l’economia del paese si è contratta dello 0,2% nel primo trimestre del 2024.

La Germania rappresenta un quarto dell’economia europea complessiva e la settimana scorsa il governo tedesco aveva previsto che l’economia si sarebbe espansa solo dello 0,3% annuo.

Gli economisti sottolineano i problemi strutturali, tra cui l’invecchiamento della forza lavoro, i prezzi elevati dell’energia e le tasse e l’eccessiva burocrazia, che devono essere affrontati prima che possano verificarsi cambiamenti significativi.

“Essenzialmente, la Germania non ha fatto i suoi compiti mentre si comportava bene.” ha affermato Jasmine Kroeschl, economista senior dell'Alliance a Monaco. “Ora sentiamo il dolore.”

Inoltre, la Germania ha anche costruito la propria economia su un modello orientato alle esportazioni che si basa sul commercio internazionale e sulle catene di approvvigionamento globali che sono state interrotte dai conflitti geopolitici e dalle crescenti tensioni tra Cina e Stati Uniti, i suoi due principali partner commerciali.

In Francia, la seconda economia dell’eurozona, il governo ha recentemente tagliato le sue previsioni. La sua economia è cresciuta dell’1,1% nel primo trimestre rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

Le finanze francesi stanno peggiorando: il deficit è al livello record del 5,5% del PIL e il debito ha raggiunto il 110% dell’economia. Il governo ha recentemente annunciato che dovrà trovare circa 20 miliardi di euro di risparmi quest’anno e il prossimo.

I Paesi Bassi sono recentemente emersi da una lieve recessione, quando l’anno scorso l’economia si è contratta dell’1,1%. Il mercato immobiliare olandese è stato particolarmente colpito dalla politica monetaria restrittiva in Europa.

READ  Migliaia di persone sono senza elettricità mentre le tempeste in California portano pioggia, neve e freddo

Le economie tedesca, francese e olandese rappresentano circa il 45% del prodotto interno lordo dell’eurozona. Finché si trascinano, la crescita complessiva è stentata.

Sì, almeno per ora. Tassi di interesse più alti hanno iniziato a frenare la crescita, ma la Banca Centrale Europea, che fissa i tassi per tutti i 20 paesi che utilizzano l’euro, ha segnalato che potrebbe tagliare i tassi al prossimo incontro politico all’inizio di giugno.

L'inflazione nell'area euro è rimasta stabile al 2,4% nel corso dell'anno fino ad aprile, ha riferito Eurostat martedì, a seguito della campagna aggressiva della banca per ridurre i prezzi galoppanti nell'ultimo anno.

Ciò aiuterà il turismo, che è un fattore chiave di crescita in Spagna, Grecia e Portogallo. Questi paesi stanno beneficiando sempre più degli sforzi volti a diversificare le loro economie verso nuove destinazioni per gli investimenti internazionali nel settore manifatturiero e tecnologico.

Grecia, Italia, Spagna e Portogallo – che costituiscono un quarto dell’economia della zona euro – sono stati sostenuti dai fondi di salvataggio dell’UE, da miliardi di euro in sussidi a basso costo e prestiti investiti nella digitalizzazione economica e nelle energie rinnovabili.

Ma per garantire che questi guadagni non siano fugaci, dicono gli economisti, i paesi devono dare slancio e aumentare ulteriormente la competitività e la produttività. Tutti loro portano ancora pesanti debiti, il che solleva interrogativi sulla sostenibilità delle loro finanze migliorate. La Germania, al contrario, ha un limite autoimposto su quanto può finanziare la propria economia attraverso il prestito.

Tali investimenti “aiuteranno a rendere le loro economie più a prova di futuro”, ha affermato Bert Kolijn, capo economista per l’Eurozona presso ING Bank. “Sfideranno la Germania e la Francia come potenze dell'Europa? Questo è un passo troppo oltre.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *