Il dollaro USA è più alto del PIL, con le richieste di disoccupazione che assicurano un aumento dei tassi

  • Il PIL degli Stati Uniti aumenta meno del previsto; Focus sul PCE centrale
  • Diminuiscono le richieste di disoccupazione negli Stati Uniti
  • La Fed vede ancora un aumento di 25 punti base dei tassi di interesse la prossima settimana
  • La riunione della BOJ si svolge venerdì

TOKYO, 27 aprile (Reuters) – Il dollaro è salito giovedì poiché si ritiene improbabile che una crescita economica statunitense nel primo trimestre più debole del previsto possa impedire alla Federal Reserve di alzare i tassi di interesse la prossima settimana.

Una stima preliminare del prodotto interno lordo (PIL) del primo trimestre ha mostrato un tasso annualizzato dell’1,1% nel periodo. L’economia è cresciuta a un ritmo del 2,6% nel quarto trimestre. Gli economisti intervistati da Reuters avevano previsto un aumento del PIL del 2,0%.

Tuttavia, gli investitori si sono concentrati sui numeri trimestrali dell’inflazione all’interno del rapporto sul PIL. I prezzi della spesa per consumi personali core sono aumentati del 4,9% nei primi tre mesi dell’anno, superiori al consenso del 4,7% e superiori rispetto al quarto trimestre.

“Le deboli prospettive di crescita ci dicono che la banca centrale farà fatica ad aumentare i tassi di interesse senza schiacciare l’economia”, ha affermato Amo Sahota, direttore della società di consulenza FX Klarity FX a San Francisco.

“Ma l’enigma su cosa fare con l’inflazione continua ancora. La banca centrale ce lo dice da molto tempo. Quindi il numero (core PCE) ha reso difficile vedere il fatto che avremo un aumento dei tassi la prossima settimana”, ha aggiunto.

I mercati scontavano una probabilità del 90% di un aumento del tasso di 25 punti base alla riunione politica di maggio, dopo la quale c’è stata una pausa.

READ  Musk delinea il "Master Plan 3" da 10 trilioni di dollari mentre le azioni di Tesla affondano | Quotidiano degli affari degli investitori

Un rapporto separato del Dipartimento del lavoro di giovedì ha mostrato che le richieste iniziali di sussidi di disoccupazione statali sono diminuite di 16.000 a 230.000 destagionalizzate nella settimana terminata il 22 aprile. Gli economisti si aspettavano 248.000 reclami nell’ultima settimana.

Il rapporto ha suggerito un mercato del lavoro ancora più teso e ha sostenuto le aspettative di un aumento dei tassi la prossima settimana.

Negli scambi pomeridiani, il dollaro è salito dello 0,2% a 134 yen rispetto allo yen quando la Banca del Giappone ha iniziato una riunione politica di due giorni, la prima sotto il nuovo governatore Kazuo Ueda.

Ueda ha detto che venerdì il consenso del mercato era di mantenere invariate le impostazioni politiche ultra-facili, ma nessuno era pronto a escludere un’altra sorpresa, come un raddoppio shock della fascia di rendimento dei titoli a 10 anni a dicembre.

L’indice del dollaro è salito dello 0,1% a 101,50.

Nel frattempo, l’euro è sceso di 0,1 a $ 1,1024.

La performance dell’Eurozona è un fattore chiave per l’Euro. Mercoledì la Germania ha rivisto al rialzo le previsioni di crescita e un sondaggio ha mostrato un continuo aumento della fiducia dei consumatori.

=================================================== ======= ===== ======

Prezzi dell’asta delle monete alle 14:56 (1856 GMT).

Segnalazione di Kevin Buckland; Montaggio di Sam Holmes

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *