Il lander lunare giapponese si schianta, afferma ISSPACE

Un’azienda giapponese ha perso i contatti con un piccolo veicolo spaziale robotico che sta inviando sulla luna. L’analisi dei dati del veicolo suggerisce che ha esaurito il propellente durante il suo avvicinamento finale e si è schiantato dolcemente contro la superficie lunare invece di atterrare.

Il lander Hakuto-R Mission 1, costruito dalla giapponese IceSpace, è uscito dall’orbita lunare dopo aver acceso il suo motore principale. Circa un’ora dopo, alle 00:40 ET di martedì, il lander alto circa 7,5 piedi avrebbe dovuto atterrare nel cratere dell’Atlante largo 54 miglia nel quadrante quasi nord-orientale della luna.

Ma dopo il tempo di atterraggio, nessun segnale è stato ricevuto dal veicolo spaziale. In un video in diretta trasmesso dall’azienda, un silenzio ha avvolto la sala di controllo di Tokyo, dove gli ingegneri di iSpace, per lo più giovani e provenienti da tutto il mondo, guardavano i loro schermi con espressioni preoccupate.

In una dichiarazione rilasciata mercoledì mattina in Giappone, la società ha affermato che gli ingegneri di iSpace hanno osservato che il propellente rimanente stimato “era a una soglia bassa e la velocità di discesa è aumentata rapidamente dopo un breve periodo di tempo”.

In altre parole, il veicolo spaziale ha esaurito il carburante.

La comunicazione con il veicolo spaziale è stata quindi persa. “Sulla base di questo, c’è un’alta probabilità che il lander effettui un atterraggio duro sulla superficie lunare”, ha detto la compagnia.

L’indagine deve ora determinare perché il veicolo spaziale abbia valutato male la sua altitudine. L’analisi suggerisce che era ancora alto quando avrebbe dovuto essere a terra.

READ  Il razzo Starship di SpaceX si prepara al lancio: aggiornamenti in tempo reale

In un’intervista, l’amministratore delegato di Ispace Takeshi Hakamada si è detto “molto orgoglioso” della decisione. “Non sono deluso”, ha detto.

Con i dati del veicolo spaziale, la compagnia sarà in grado di applicare le “lezioni apprese” alle sue prossime due missioni, ha affermato Mr. disse Hagamada.

La navicella spaziale Hakuto-R è stata lanciata a dicembre e ha preso un percorso tortuoso ma efficiente dal punto di vista energetico verso la luna, entrando nell’orbita lunare a marzo. Nell’ultimo mese, gli ingegneri hanno controllato i sistemi del lander prima di procedere con il tentativo di atterraggio.

Il lander iSpace potrebbe essere stato il primo passo verso un nuovo paradigma per l’esplorazione spaziale, con governi, istituti di ricerca e aziende che hanno inviato esperimenti scientifici e altri carichi sulla luna.

L’inizio di quella transizione di transito lunare dovrà attendere altre società entro la fine dell’anno. Due lander commerciali costruiti da società statunitensi e finanziati dalla NASA verranno lanciati sulla luna nei prossimi mesi.

La NASA ha istituito il suo programma commerciale Lunar Payload Service nel 2018 perché ritiene che l’acquisto di viaggi su veicoli spaziali privati ​​per portare strumenti e attrezzature sulla luna sia più economico che costruire i propri veicoli. Inoltre, la NASA spera di incoraggiare una nuova industria commerciale attorno alla Luna e la concorrenza tra le compagnie lunari ridurrà ulteriormente i costi. Il progetto è stato concepito come parte di un’iniziativa simile che ha fornito con successo il trasporto da e per la Stazione Spaziale Internazionale.

Finora, tuttavia, la NASA ha poco da dimostrare per i suoi sforzi. Entro la fine dell’anno, le prime due missioni della Astrobotic Technology di Pittsburgh e dell’Intuitive Engine di Houston sono in ritardo di anni e alcune delle società che la NASA ha scelto di fare offerte per le missioni CLPS hanno già cessato l’attività.

READ  Notizie sulla guerra Russia-Ucraina: munizioni a grappolo fornite dagli Stati Uniti "usate in modo molto efficace"; Zelensky afferma che la Russia ha lanciato circa 70 missili contro l'Ucraina

ISpace pianifica una seconda missione il prossimo anno utilizzando un lander quasi dello stesso design. Nel 2026, come parte della missione CLPS guidata da Cambridge, Mass.’s Draper Observatory, un grande iSpace Lander è previsto per trasportare i carichi utili della NASA sul lato più lontano della Luna.

Due paesi, il Giappone e gli Emirati Arabi Uniti, hanno perso i loro carichi utili sul lander. L’agenzia spaziale giapponese JAXA voleva testare un robot lunare convertibile a due ruote e il centro spaziale Mohammed bin Rashid di Dubai ha inviato un piccolo rover per esplorare il sito di atterraggio. Ciascuno sarebbe stato il primo esploratore robotico del paese sulla superficie lunare.

Altri carichi utili includono un modulo di test per la batteria a stato solido di NGK Spark Plug Company, un computer di volo con intelligenza artificiale e telecamere a 360 gradi di Canadansys Aerospace.

Durante la corsa allo spazio di 50 anni fa, gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica inviarono con successo un veicolo spaziale robotico sulla superficie della Luna. Di recente, la Cina ha fatto atterrare sulla luna tre veicoli spaziali intatti.

Tuttavia, altri tentativi fallirono.

Beresheet, un’iniziativa dell’organizzazione no profit israeliana SpaceIL, si è schiantata nell’aprile 2019 quando un comando inviato alla navicella ha inavvertitamente spento il motore principale, mandando la navicella al suo destino.

Otto mesi dopo, il lander indiano Vikram ha virato fuori rotta a circa un miglio sopra la superficie durante il suo tentativo di atterraggio, poi è rimasto in silenzio.

Se il lander iSpace si schianta, potrebbe essere necessario del tempo per decifrare ciò che è accaduto tramite la telemetria inviata dal veicolo spaziale. Il Lunar Reconnaissance Orbiter della NASA è stato finalmente in grado di localizzare i luoghi dell’incidente di Beresheet e Vikram e il luogo di riposo di M1 nel cratere dell’Atlante.

READ  Rapporto sugli utili di Nvidia (NVDA) Q1 2024

ISpace non è l’unica compagnia spaziale privata in difficoltà nei primi mesi del 2023. I nuovi modelli di razzi sviluppati da SpaceX, APL Space Systems, Mitsubishi Heavy Industries e Relativity hanno fallito durante i loro primi voli, anche se alcuni sono andati più lontano nello spazio di altri. . L’ultimo lancio del razzo di Virgin Orbit è fallito e la società ha successivamente dichiarato bancarotta, sebbene continui a lavorare per un altro lancio.

Allo stesso tempo, la frequenza di lancio è più alta che mai, con il razzo Falcon 9 di SpaceX che ha registrato dozzine di decolli riusciti finora nel 2023. Il razzo Arianespace ha anche inviato su Giove una sonda dell’Agenzia spaziale europea.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *