L'abilità negoziale di Kirk Cousins ​​rende le cose facili per i Vichinghi

Se i Minnesota Vikings avrebbero mantenuto o meno Kirk Cousins ​​sembrava difficile. Il quarterback veterano ha trascorso sei stagioni con i Vikings, lui e la sua famiglia avevano messo radici nelle Twin Cities e aveva un vero legame con l'allenatore Kevin O'Connell e i suoi compagni di squadra.

Mentre la finestra di negoziazione della NFL per i free agent in sospeso si è aperta lunedì mattina, secondo quanto riferito, l'agente dei Vikings e Cousins ​​stava ancora parlando con gli Atlanta Falcons.

I Falcons hanno quindi fatto un enorme favore ai Vikings rendendo facile la loro decisione. Secondo NFL Network, Cousins ​​​​ha accettato un contratto quadriennale da 180 milioni di dollari con 100 milioni garantiti. C'è un bonus alla firma di 50 milioni di dollari, 90 milioni di dollari nel 2024 e 2025 che saranno completamente garantiti alla firma e una garanzia per infortuni di 10 milioni di dollari per il 2026 che sarà completamente garantita la prossima stagione.

Questo pizzico di acume contrattuale ha consolidato Cousins ​​​​come Mr. March. Potrebbe avere una sola vittoria nei playoff in 12 stagioni della NFL, ma è un grande di tutti i tempi nel gioco a contratto. La prestazione di Cousins ​​lunedì, aiutato dall'agente Mike McCartney, potrebbe essere stata il momento decisivo della sua carriera.

Cousins ​​​​compierà 36 anni il 19 agosto e lo scorso ottobre a Green Bay ha subito uno strappo al tendine d'Achille di fine stagione. Il direttore generale dei Vikings Kwesi Adofo-Mensah avrebbe dovuto augurare ogni bene a Cousins ​​​​dopo aver chiesto quattro anni e 180 milioni di dollari. Qualsiasi altra risposta avrebbe comportato l'immediato licenziamento di Adofo-Mensah.

READ  Le vittime dell'attacco dei leoni di montagna della California sono fratelli, uomini della vita all'aria aperta

La decisione dei Falcons è simile a quella che l'allora GM dei Vikings Rick Spielman firmò con Cousins ​​​​un contratto triennale da 84 milioni di dollari nel 2018. È stato il primo contratto pluriennale completamente garantito nella storia della NFL e a Cousins ​​​​è stato concesso perché sperava che Spielman sarebbe stata la sua ultima partita per una squadra che aveva perso contro Filadelfia nella partita per il titolo NFC.

Cousins, che ha firmato due successivi prolungamenti del contratto in Minnesota ed è andato 50-37-1 in 88 partite da titolare nella stagione regolare, ha registrato statistiche impressionanti in viola ma ha portato la franchigia a soli due posti per i playoff e non è mai riuscita a superare il secondo turno. I Vikings hanno giocato 8-7-1 e hanno mancato i playoff nel 2018, cadendo miseramente contro le aspettative.

O'Connell è stato chiamato a sostituire Mike Zimmer come allenatore dopo la stagione 2021 perché O'Connell ha lavorato con Cousins ​​​​come assistente allenatore a Washington ed era considerato adatto al veterano. Cousins ​​​​ha portato i Vikings a un record di 13-4 e ha pareggiato per un record NFL di otto rimonte nel quarto quarto nella prima stagione di O'Connell, aiutando i Vikings a tornare a .500 dopo un inizio 1-4 afflitto da infortuni. A Baia Verde.

Alcuni pensavano che Cousins ​​​​avrebbe potuto vedere il successo che aveva avuto con O'Connell, soprattutto perché le cose non andavano bene con Zimmer, e decisero che avrebbe potuto prendere un contratto a breve termine per continuare a giocare in Minnesota. Il ricevitore Justin Jefferson e il tight end Jordan Addison.

Ma con Cousins ​​non è mai stato così. Sul campo arrivano solo le sue prove.

READ  Kaitlyn Clark è stata selezionata dall'Indiana Fever con la scelta numero 1 nel Draft WNBA 2024.

https://www.youtube.com/watch?v=PdEmoAUjUdo

Cousins ​​​​ha dato una risposta schietta a gennaio quando ha discusso delle sue imminenti trattative e se avrebbe potuto ridurre l'accordo con i Vikings.

“Penso che sia importante essere cauti”, ha detto. “Penso che Dio mi abbia benedetto finanziariamente oltre i miei sogni più sfrenati, quindi a questo punto della mia vita, i dollari non sono proprio ciò che conta. Avevo con me un allenatore che all'epoca era un allenatore junior, otto, nove anni fa, prima del mio primo titolo in franchising. [in Washington], e stavamo parlando della situazione, e lui ha sottolineato un punto importante: “Kirk, non è una questione di dollari, ma di ciò che i dollari rappresentano”. Ho pensato che fosse un punto interessante quello che ha sottolineato. Alcuni di loro saranno sempre presenti, ma nella fase odierna la struttura è molto importante.

La struttura, in questo caso, era sia simbolica del periodo che liquidità garantita, quest'ultima più importante per Cousins ​​​​e McCartney. Il fatto che i Falcons abbiano resistito per quattro anni con tutti quei soldi garantiti deve essere stata musica per le orecchie di Cousins.

Quella avrebbe dovuto essere una buona notizia per i Vikings, che potevano allontanarsi da Cousins ​​​​senza discernimento, chiedendosi perché non corrispondevano all'offerta di Atlanta.

Quando Adofo-Mensah e O'Connell hanno assunto i rispettivi incarichi all'inizio del 2022, quello avrebbe dovuto essere il loro obiettivo: identificare un giovane quarterback che potesse unirsi a Fran Tarkenton come solo il secondo QB in franchising nella storia della squadra.

I Vikings dovrebbero arrivare all'undicesimo posto assoluto nel draft di aprile, ma dovrebbero prendere uno dei primi quattro quarterback, tra cui Caleb Williams dell'USC (una possibile scelta numero 1 per i Bears) e Drake del North Carolina. Maggio, Jaden Daniels della LSU e JJ McCarthy del Michigan. È probabile che firmino un QB veterano del bridge; Sono stati menzionati nomi come Sam Darnold e Jacob Brissett.

READ  Monitoraggio della tempesta tropicale: Cindy Patterns nell'Atlantico

Lunedì, quando Cousins ​​​​è uscito dalla porta, i Vikings hanno fatto i conti con tre giocatori sul lato difensivo della palla. Gli edge rushers Jonathan Greenard e Andrew Van Zingkel furono aggiunti rispettivamente da Houston e Miami, mentre il linebacker Blake Cashman lasciò i texani e tornò nel suo stato d'origine.

Le mosse aiuteranno a rafforzare la difesa del coordinatore Brian Flores mentre i Vikings iniziano la vita senza Cousins. Ci sarà incertezza a breve termine nella posizione di quarterback, ma i fan dei Vikings possono trarre conforto dal fatto che non sta pagando somme di denaro ridicole a Cousins ​​e non gli darà diritto quando andrà a sud.

Judd Zulgad è il co-conduttore del Purple Daily Podcast e del Mackie & Judd Podcast. www.skornorth.com.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *