L’inflazione dell’Eurozona aumenta mentre i politici ponderano gli aumenti dei tassi

Il Fondo monetario internazionale ha recentemente affermato che eviterà la recessione controllando l’inflazione La più grande sfida dell’Europa Nei prossimi mesi, il continente continuerà a digerire l’impatto della guerra in Ucraina sulla sua economia.

Finora, la campagna della Banca centrale europea per aumentare i tassi di interesse ha contribuito a ridurre l’inflazione complessiva da un picco del 10,6% lo scorso ottobre. La zona euro sta evitando una recessione, ma la crescita economica rimane moderata.

I dati sul credito rilasciati martedì dalla banca centrale hanno mostrato un indebolimento della domanda di credito al consumo, poiché le banche hanno reso più difficile per i mutuatari ottenere prestiti e tassi di interesse più elevati per il prestito hanno fatto precipitare la domanda, raffreddando ulteriormente l’economia.

Ma i politici avvertono che cercheranno segnali che i prezzi scenderanno nel lungo periodo.

“Dovremmo assistere a un costante calo dell’inflazione core, che ci dà fiducia che le nostre politiche stanno iniziando a funzionare”, ha affermato Isabelle Schnabel, membro del comitato esecutivo della banca centrale. detto in un’intervista con Politico la scorsa settimana.

Gli stati baltici e la Slovacchia hanno avuto aumenti di prezzo a due cifre, mentre la Lettonia ha avuto il 15%. Alcune delle principali economie europee con tassi bassi stanno affrontando la pressione dei lavoratori che chiedono salari più alti per tenere il passo con l’aumento del costo della vita.

Le diverse aliquote riflettono anche le misure interne introdotte dai governi per controllare i prezzi dell’energia. Con l’aumentare della stagione delle vacanze estive, anche i paesi con forti mercati turistici sono pronti a vedere l’impatto dell’aumento dei prezzi dei servizi.

READ  La decisione Roe v. Wade ha cambiato l'America in quattro modi

In Germania, la più grande economia europea, il tasso annuo di inflazione è sceso al 7,6% dal 7,8% di marzo. I prezzi dei prodotti alimentari sono rimasti ostinatamente alti, mentre l’intervento del governo per controllare i costi energetici ha cominciato a prendere piede.

I lavoratori del settore pubblico tedesco hanno accettato di dare a 2,5 milioni di dipendenti un aumento salariale del 5,5% il prossimo anno. Si prevede che l’accordo costituisca un precedente per altri colloqui sui salari e minacci le previsioni della Banca centrale europea secondo cui la crescita dei salari nell’eurozona raggiungerà il picco quest’anno.

In Francia, colpita da mesi da un’ondata di scioperi contro la decisione del governo di innalzare l’età pensionabile, l’inflazione è salita al 6,9 per cento ad aprile dal 6,7 per cento di marzo, trainata soprattutto dai prezzi dell’energia e dei servizi. Poco.

In Spagna, i prezzi sono saliti al 3,8% ad aprile dal 3,1% di aprile con l’aumento dei costi alimentari, anche se i prezzi dell’energia hanno continuato a scendere dai livelli record dello scorso anno.

I dati sull’inflazione influenzeranno la decisione della Banca centrale europea sull’opportunità di continuare ad aumentare i tassi di interesse nel tentativo di frenare l’inflazione. L’organo di governo della banca si riunisce giovedì e la maggior parte degli analisti stima che potrebbe votare per aumentare i tassi di un quarto o mezzo punto percentuale.

Il mese scorso la banca ha alzato il tasso sui depositi al 3%, il più alto dall’ottobre 2008, cercando di raffreddare la domanda e avvicinare l’inflazione al suo obiettivo del 2%.

“Sebbene l’inflazione complessiva sia diminuita e stia scendendo ulteriormente, non è ancora un momento di sollievo”, ha affermato Carsten Breschi, capo economista di ING Germania. “La BCE non vuole ripetere l’errore precedente di sottovalutare l’inflazione, quindi sarà pronta ad andare troppo oltre, anche se si rivelasse un errore politico”.

READ  Urano "non è mai stato così bello" nella spettacolare immagine del Web Telescope - Ars Technica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *