Nikki Haley sospende la campagna elettorale del 2024

NEW YORK (AP) — Nikki Haley Mercoledì ha sospeso la sua campagna presidenziale e si è ritirato dopo essere stato sconfitto a livello nazionale nel Super Tuesday Donald Trump Come ultimo grande contendente per la nomination repubblicana del 2024.

In un discorso a Charleston, nella Carolina del Sud, Haley non ha appoggiato l'ex presidente. Invece, lo ha incoraggiato a ottenere il sostegno di una coalizione di repubblicani moderati ed elettori indipendenti che lo hanno sostenuto.

“Ora tocca a Donald Trump ottenere i voti di coloro che, nel nostro partito e non solo, non lo sostengono. Spero che lo faccia”, ha detto. “La politica consiste nel portare le persone alla propria causa, non nell’allontanarle. E la nostra causa conservatrice ha bisogno di più persone.

Ex governatore della Carolina del Sud ed ex ONU. L’ambasciatore Haley è stato il primo importante sfidante di Trump. Saltato in gara Nel febbraio 2023, ha trascorso l'ultimo tratto della sua campagna mettendo in guardia in modo aggressivo il GOP dall'abbracciare Trump, che secondo lui era troppo confuso e pieno di rancori personali per sconfiggere il presidente Joe Biden alle elezioni generali.

Quello che devi sapere oggi sulle elezioni del Super Tuesday

La sua partenza autorizza Trump a concentrarsi esclusivamente su una rivincita con Biden a novembre. L’ex presidente è sulla buona strada per fare proprio questo Raggiungere i 1.215 delegati richiesti La nomination repubblicana dovrebbe essere in palio alla fine di questo mese.

La sconfitta di Haley è stata un duro colpo per gli elettori, i donatori e i funzionari repubblicani che si opponevano a Trump e alla sua politica “Make America Great Again”. Era particolarmente popolare tra i moderati e gli elettori con istruzione universitaria, collegi elettorali che svolgono un ruolo chiave nelle elezioni generali. Non è chiaro se Trump, che ha recentemente annunciato che i donatori di Haley saranno permanentemente banditi dal suo movimento, riuscirà alla fine a unire il partito profondamente diviso.

READ  La polizia di Omaha sta indagando sulla sparatoria al bersaglio

Trump ha annunciato martedì sera che il GOP era unito dietro di lui, ma poco dopo, la portavoce di Haley, Olivia Perez-Cubaz, ha detto: “L'unità non si ottiene semplicemente dicendo: 'Siamo uniti'.

“Oggi, Stato dopo Stato, c'è un ampio segmento di elettori repubblicani alle primarie che esprimono profonde preoccupazioni nei confronti di Donald Trump”, ha affermato Perez-Cubaz. “Questa non è l’unità necessaria affinché il nostro partito vinca. Affrontare le preoccupazioni di questi elettori migliorerà il Partito Repubblicano e l’America.

Haley ha chiarito che non vuole ricoprire il ruolo di vicepresidente di Trump o candidarsi con un ticket di terze parti organizzato dal gruppo No Labels. Lascia la corsa con un profilo nazionale accresciuto che potrebbe aiutarlo in una futura corsa presidenziale.

La candidata presidenziale repubblicana, ex ambasciatrice delle Nazioni Unite Nikki Haley, parla a un evento elettorale a Forth Worth, Texas, lunedì 4 marzo 2024. (AP Photo/Tony Gutierrez)

Continua a fare campagna, Haley ricevuto un sostegno adeguato Gli elettori delle periferie e quelli con un’istruzione universitaria evidenziano le evidenti debolezze di Trump nei confronti di questi gruppi.

In un sondaggio AP VoteCast sugli elettori repubblicani delle primarie e dei caucus in Iowa, New Hampshire e Carolina del Sud, dal 61% al 76% dei sostenitori di Haley ha affermato che sarebbero così insoddisfatti che non voterebbero per Trump se diventasse il candidato del GOP. Elezioni generali di novembre. Gli elettori delle prime primarie repubblicane che hanno dichiarato che non avrebbero votato per Trump in autunno rappresentavano un elettorato piccolo ma significativo: 2 elettori su 10 dell’Iowa, un terzo degli elettori del New Hampshire e un quarto degli elettori della Carolina del Sud.

READ  Il tornado "devastante" uccide 14 persone mentre la tempesta colpisce il Mississippi, dicono i funzionari

Haley lascia la corsa presidenziale del 2024 dopo aver fatto la storia diventando la prima donna a vincere le primarie repubblicane. Ha sconfitto Trump domenica nel Distretto di Columbia e martedì nel Vermont.

Lei Ha insistito per restare in gara Ha condotto una campagna negli stati primari repubblicani di tutto il paese fino al Super Tuesday. Alla fine, non è riuscita a far cadere Trump per la terza nomination consecutiva.

Gli alleati di Haley notano che ha fatto più di quanto la maggior parte del mondo politico si aspettasse.

Aveva Inizialmente rifiutato Correre contro Trump nel 2024. Ma ha cambiato idea e ha lanciato la sua candidatura tre mesi dopo, citando, tra le altre cose, le difficoltà economiche del Paese e la necessità di un “cambio generazionale”. Haley, 52 anni, in seguito ha chiesto test di competenza per i politici sopra i 75 anni, mettendo al tappeto sia Trump, 77 anni, che Biden, 81 anni.

La sua candidatura è stata lenta ad attirare donatori e sostegno, ma alla fine è sopravvissuto a tutti gli altri contendenti del GOP, compreso il governatore della Florida. Ron De SantisEx vicepresidente Mike Pence E il sen. Tim Scott, il suo collega della Carolina del Sud nominato al Senato nel 2012. E i soldi sono fluiti fino alla fine. La sua campagna ha affermato di aver raccolto più di 12 milioni di dollari solo nel mese di febbraio.

È diventato popolare tra molti donatori repubblicani, elettori indipendenti e il cosiddetto gruppo “Never Trump”, che hanno criticato le accuse penali contro di lui come motivate politicamente e hanno promesso di perdonarlo se sarà condannato a livello federale se diventerà presidente. Tribunale.

READ  Nick Sorenson porta Brandon Staley ai 49ers dopo l'assunzione annunciata dalla NBC Sports Bay Area & California

___

Kinnard ha riferito da Washington. Contatta Meg Kinnard http://twitter.com/MegKinnardAPe contattare Steve Peoples http://twitter.com/sppeoples.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *