Tommy Fury consegna a Jack Paul la prima sconfitta con una vittoria con decisione divisa

Marco RaimondiScrittore personale ESPN4 minuti di lettura

Tommy Fury vince per decisione divisa consegnando a Jack Paul la sua prima sconfitta

Tommy Fury ha consegnato a Jack Paul la prima perdita della sua carriera di pugile professionista per decisione divisa in Arabia Saudita.

L’incredibile striscia di boxe di Jack Paul è giunta al termine.

Tommy Fury, il fratellastro del grande Tyson Fury dei pesi massimi, ha sconfitto lo YouTuber diventato pugile Paul con una decisione divisa (74-75, 76-73, 76-73) in un incontro ravvicinato domenica a Diyarah, in Arabia Saudita.

Fury ha messo a segno i colpi più puliti durante il combattimento, ma Paul è tornato con un atterramento nell’ottavo e ultimo round per rendere le cose molto serrate.

“Stasera, sto creando la mia eredità”, ha detto Fury. “Sono Tommy Fury.”

La partita è stata pareggiata due volte, ma è stata annullata entrambe le volte. I due avrebbero dovuto combattere nel dicembre 2021 e di nuovo nell’agosto 2022, ma Fury ha avuto problemi di salute e infortuni la prima volta e problemi di viaggio la seconda volta.

I due sono entrati in un rancore negli ultimi due anni, scagliandosi l’un l’altro nelle interviste e sui social media. Paul è meglio conosciuto per le sue imprese sui social media, ma negli ultimi tre anni ha preso d’assalto il mondo della boxe ed è diventato un’attrazione speciale sul ring.

Fury, una star del reality show in Inghilterra, era il suo avversario più duro ed esperto nella boxe. Mi è piaciuto un po’ il latte.

Questa è una lotta molto attesa. Kevin Hart, Cristiano Ronaldo, Mike Tyson, Deontay Wilder e, ovviamente, il fratello maggiore di Fury, Tyson, erano sul ring. Sia Paul che Fury hanno un seguito sostanziale sui social media.

“Questo è il mio primo grande evento”, ha detto Fury. “Sto solo andando più forte, sto andando più grande, sto andando meglio. … Se vuole una rivincita, portala avanti.”

Fury è stato molto attivo nel complesso. Ha raddoppiato il numero di pugni potenti, 49-24, e una media di 38 pugni e ne ha ottenuti 11 in otto round per compubox. Paul ha segnato una media di 20 pugni e ne ha sferrati sei per round. Fury ha anche colpito per il 39-25.

Le cose sono diventate un po’ strane nei round centrali. L’arbitro Hector Afu ha sottratto un punto a Paul nel quinto per aver spinto la testa di Fury in basso nei clinch. Poi, nel sesto, Aftu si è nuovamente interrotto, strappando un punto a Fury.

Fury ha ottenuto molti colpi nel sesto e nel settimo round, usando le sue combinazioni di portata e atterraggi contro Paul, che sembrava un po’ stanco. Ma Paul ha scavato in profondità nel round finale, lasciando cadere Fury con un colpo e mantenendosi nell’incontro.

Paul ha una clausola di no-match nel suo contratto e ha annunciato che la userà. Ha detto che pensava di aver vinto il combattimento e non era d’accordo con i punteggi. Paul ha aggiunto di aver avuto problemi di salute durante il ritiro e di essersi ferito alla mano.

“Sono già riuscito nella vita”, ha detto Paul. “Ho avuto successo in ogni modo. Ho una famiglia fantastica, amici fantastici, un’etica del lavoro straordinaria. L’ho fatto al di sopra e al di là di quello che pensavo di fare. È un’esperienza umiliante. Lo prenderò sul mento . Ritorno.”

Fury (9-0) ha solo 23 anni e Paul è il suo primo grande avversario. La nativa inglese è uscita vestita in onore della figlia appena nata, Bambi.

Paul (6-1) ha vinto contro le star delle MMA Anderson Silva, Tyrone Woodley e Ben Askren. Il 26enne nativo di Cleveland, che si allena a Puerto Rico, ha firmato con la PFL per competere in MMA.

“Non giudicatemi dalle mie vittorie”, disse Paul. “Giudicami dalle mie sconfitte. Tornerò. Penso che ci meritiamo quella rivincita.”

READ  Il nuovo tasso di inflazione chiave della banca centrale è stato tagliato a dicembre; L'S&P 500 scivola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *