78 uccisi nella fuga precipitosa durante l’evento di beneficenza del Ramadan nello Yemen

SANAA, Yemen (AP) – Almeno 78 persone sono state uccise e almeno 73 ferite quando colpi di arma da fuoco e un’esplosione elettrica hanno scosso la capitale yemenita mercoledì scorso durante un evento di raccolta fondi durante il mese sacro musulmano del Ramadan. Secondo testimoni e funzionari ribelli Houthi.

La tragedia è stata la più mortale da anni non collegata alla lunga guerra dello Yemen, ed è arrivata prima della festa musulmana di Eid al-Fitr, che segna la fine del Ramadan alla fine di questa settimana.

Due testimoni, Abdel-Rahman Ahmed e Yahya Mohsen, hanno detto che gli Houthi armati hanno sparato in aria nel tentativo di controllare la folla, apparentemente colpendo un filo elettrico e facendolo esplodere. Ciò ha scatenato il panico e le persone, tra cui molte donne e bambini, hanno iniziato a essere calpestate.

I video pubblicati sui social media mostravano dozzine di corpi, alcuni immobili e altri urlanti mentre cercavano di aiutare. Filmati separati delle conseguenze rilasciati dai funzionari Houthi hanno mostrato macchie di sangue, scarpe e vestiti delle vittime sparsi per terra. Gli investigatori hanno perlustrato la zona.

Secondo il ministero dell’Interno gestito dagli Houthi, centinaia di poveri si sono riuniti nella Città Vecchia, nel centro di Sana’a, per un evento di beneficenza organizzato dai commercianti. Durante il Ramadan, quando i credenti digiunano dall’alba al tramonto, distribuire aiuti finanziari è un rito.

Testimoni hanno detto che le persone si sono riunite per ricevere $ 10 ciascuna da un ente di beneficenza finanziato da commercianti locali. I ricchi e gli uomini d’affari spesso danno denaro e cibo ai poveri durante il Ramadan.

Il portavoce del ministero dell’Interno Brig. Abdel-Khalek al-Agri ha attribuito la repressione alla “distribuzione casuale” dei fondi senza coordinamento con le autorità locali.

READ  Pixel 9 Pro perde immagini nella vita reale con 16 GB di RAM [Gallery]

L’alto funzionario sanitario Motaher al-Marouni ha detto che 78 persone sono state uccise, secondo la televisione satellitare dei ribelli Al-Masira. Almeno 73 persone sono rimaste ferite e portate all’ospedale Al-Thawrah di Sana’a, ha detto Hamdan Bagheri, vicedirettore dell’ospedale.

I ribelli hanno sigillato una scuola dove si stava svolgendo l’evento e hanno impedito alle persone, compresi i giornalisti, di avvicinarsi.

Il ministero dell’Interno ha dichiarato che due organizzatori sono stati arrestati ed è in corso un’indagine.

Gli Houthi hanno detto che avrebbero pagato $ 2.000 di risarcimento a ogni famiglia che ha perso un parente e circa $ 400 a quelli feriti.

La capitale dello Yemen è sotto il controllo degli Houthi sostenuti dall’Iran da quando hanno estromesso il governo riconosciuto a livello internazionale dalla loro roccaforte settentrionale nel 2014.

Ciò ha spinto la coalizione guidata dai sauditi a cercare di restaurare il governo nel 2015.

Negli ultimi anni il conflitto è diventato una guerra per procura tra Arabia Saudita e Iran, uccidendo più di 150.000 persone, tra militanti e civili, e creando uno dei peggiori disastri umanitari del mondo.

Più di 21 milioni di persone nello Yemen, ovvero due terzi della popolazione del paese, hanno bisogno di aiuto e protezione, secondo l’Ufficio delle Nazioni Unite per gli affari umanitari. Di coloro che ne hanno bisogno, più di 17 milioni sono considerati particolarmente vulnerabili.

A febbraio le Nazioni Unite hanno dichiarato di aver raccolto solo 1,2 miliardi di dollari su un obiettivo di 4,3 miliardi di dollari in una conferenza volta a creare fondi per alleviare la crisi umanitaria.

___

Magdy ha riferito dal Cairo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *