La popolazione indiana supererà quella cinese con 2,9 milioni di persone entro la metà del 2023, secondo le Nazioni Unite.

NUOVA DELHI, 19 aprile (Reuters) – L’India è pronta a superare la Cina come nazione più popolosa del mondo entro la metà di quest’anno, con quasi 3 milioni di persone in più rispetto ai suoi vicini, secondo i dati diffusi mercoledì dalle Nazioni Unite.

Nel “Rapporto sulla popolazione mondiale” del Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione (UNFPA) di quest’anno, la popolazione dell’India è stimata a 1,4286 miliardi a metà anno, quella cinese di 1,4257 miliardi – 2,9 milioni in meno.

Gli Stati Uniti sono un lontano terzo, con una popolazione di 340 milioni alla fine di giugno, secondo i dati mostrati in un rapporto che riflette le informazioni disponibili fino a febbraio.

Grafica Reuters

I demografi hanno previsto che la popolazione indiana supererà quella cinese questo mese utilizzando i precedenti dati delle Nazioni Unite, ma l’ultimo rapporto dell’ente globale non ha specificato una data.

L’ultimo censimento dell’India si è tenuto nel 2011 e i funzionari delle Nazioni Unite sulla popolazione hanno affermato che la data non può essere fissata a causa dell’incertezza sui dati provenienti da India e Cina, ritardati dalla pandemia di Covid-19 nel 2021.

Sebbene entrambi i paesi rappresentino un terzo della popolazione mondiale stimata di 8,045 miliardi, la crescita della popolazione in entrambi sta rallentando, anche se molto più rapidamente in Cina che in India.

L’anno scorso, la popolazione cinese è diminuita per la prima volta in sei decenni, una svolta storica che dovrebbe portare a un calo a lungo termine del numero di cittadini, con profonde implicazioni per la sua economia e per il mondo.

Il portavoce del ministero degli Esteri cinese Wang Wenbin ha affermato che il dividendo demografico dipende non solo dalla quantità, ma anche dalla qualità.

READ  L'attore tosto Mike Pattay è morto all'età di 52 anni
La gente fa acquisti in un mercato affollato nei vecchi quartieri di Delhi, in India, l’11 ottobre 2022. REUTERS/Anushree Fadnavis/file foto

“La popolazione è importante, ma anche le competenze sono importanti… La Cina ha adottato serie misure per rispondere all’invecchiamento della popolazione”, ha detto Wang ai giornalisti mercoledì.

“Come ha sottolineato il primo ministro Li Keqiang, il nostro dividendo demografico non sta scomparendo. Il nostro dividendo dei talenti si sta moltiplicando e l’impulso alla crescita è forte”, ha affermato.

“L’ansia della popolazione”

Non c’è stata alcuna reazione ufficiale da parte dell’India sui dati, con un ministro dell’Unione che ha affermato che non è stata discussa nella riunione di gabinetto di mercoledì.

La crescita annuale della popolazione indiana è stata in media dell’1,2% dal 2011, in calo rispetto all’1,7% del decennio precedente, secondo i dati del governo.

In un sondaggio generale del rapporto UNFPA 2023, il rapporto afferma che la percezione generale in India, Brasile, Egitto e Nigeria è che la popolazione sia “troppo numerosa e il tasso di fertilità troppo alto” in ciascun paese. .

“I risultati del sondaggio indiano mostrano che le preoccupazioni demografiche hanno permeato ampie fasce della popolazione generale”, ha dichiarato in una nota il rappresentante dell’agenzia per l’India, Andrea Wojner.

“Tuttavia, i numeri della popolazione non dovrebbero ispirare preoccupazione o creare allarme. Invece, dovrebbero essere visti come un segno di progresso, crescita e aspirazioni, se i diritti e le scelte individuali vengono rispettati”.

L’India ha fatto molte cose giuste nell’affrontare la crescita della popolazione, ha affermato Poonam Mudreja, un funzionario del comitato dei volontari della Indian Population Foundation.

“Allo stesso tempo, dobbiamo garantire che le ragazze e le donne non siano costrette a matrimoni precoci e gravidanze che limitino le loro aspirazioni”, ha affermato in una nota.

READ  Artemis II: la NASA rivelerà quali quattro astronauti ha scelto per un viaggio sulla luna

Segnalazione di YP Rajesh, segnalazione aggiuntiva di Krishnan Kaushik; Montaggio di Aurora Ellis

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *