Biden ottiene la nomina democratica, Trump dietro: NPR

Il presidente Joe Biden, a sinistra, il 5 gennaio, con il candidato presidenziale repubblicano, l'ex presidente Donald Trump, a destra, il 19 gennaio.

AP


Nascondi titolo

Cambia il titolo

AP

Il presidente Joe Biden, a sinistra, il 5 gennaio, con il candidato presidenziale repubblicano, l'ex presidente Donald Trump, a destra, il 19 gennaio.

AP

con una vittoria GeorgiaNelle primarie presidenziali di martedì sera, il presidente Biden ha abbastanza delegati per rivendicare formalmente la nomina democratica alla presidenza nelle elezioni generali del 2024, secondo l’AP.

Sebbene garantire la nomina sia una formalità per un presidente in carica, ciò impedisce qualsiasi sfidante a Biden e consente alla campagna di mostrare un’ampia solidarietà tra gli elettori delle primarie democratiche.

Biden non ha dovuto affrontare molta opposizione; Una spinta a votare “indecisi” o a presentare una scheda bianca o ad intraprendere azioni simili in diversi stati, compresi stati teatro di battaglia come Michigan e North Carolina. Ciò non rappresenta una sfida per la nomina di Biden, ma dimostra che gli elettori che nutrono grandi preoccupazioni per un secondo mandato di Biden non sono insignificanti.

Nella risposta di Biden per assicurarsi la nomina, ha attaccato il suo rivale, l'ex presidente Donald Trump.

“Nonostante le sfide che abbiamo dovuto affrontare quando sono entrato in carica, siamo nel bel mezzo di una ripresa: i salari stanno aumentando più velocemente dell'inflazione, i posti di lavoro stanno tornando, la fiducia dei consumatori è in aumento”, ha detto Biden. “In mezzo a questi progressi, ci troviamo di fronte a una realtà che ci fa riflettere: la libertà e la democrazia sono a rischio in patria come non lo erano mai state dalla guerra civile. Donald Trump sta conducendo una campagna di odio, vendetta e vendetta. America.”

READ  Il Texas prende il controllo dello Houston Independent School District

Martedì è l’ora in cui Trump riuscirà a conquistare abbastanza delegati per aggiudicarsi la nomination repubblicana: potrebbe dover aspettare un’altra settimana.

Martedì si conclude anche la votazione Mississippi E Washington condizione. Hawaii I repubblicani competono nei caucus e i democratici all’estero e nelle Isole Marianne Settentrionali.

Si stima che martedì Biden avesse 1.866 dei 1.968 delegati necessari per aggiudicarsi la nomination democratica. Ci sono 254 delegati in gioco nelle gare democratiche del 12 marzo e Biden ha vinto tutti e sei i delegati delle Isole Marianne Settentrionali martedì mattina.

Trump ha circa 1.089 delegati e ne ha bisogno di 1.215 per aggiudicarsi la nomina, ovvero 137 su 161 alle primarie repubblicane del 12 marzo.

Quando Trump otterrà ufficialmente la nomination?

Le elezioni presidenziali di martedì si estendono su sei fusi orari ed entrambi i partiti assegnano i delegati attraverso voti a livello distrettuale statale e congressuale, quindi potrebbe passare del tempo prima che vengano conteggiati voti sufficienti affinché le testate giornalistiche mettano Biden e Trump in cima.

I seggi in Georgia chiudono alle 19:00 ET, in Mississippi alle 20:00 ET, a Washington alle 23:00 ET e il caucus GOP delle Hawaii termina alle 2:00 ET. Mercoledì.

Per la corsa repubblicana, la quota di voti non trump e la velocità con cui vengono riportati potrebbero spingerlo ad aggiudicarsi la nomination mercoledì o la prossima settimana. Ha bisogno che 126 dei 161 delegati assegnati martedì superino la soglia della maggioranza. Il Mississippi ha 40 delegati, Washington ne ha 43 e le Hawaii hanno 19 delegati alla convenzione del GOP.

Con 59 delegati repubblicani in gioco in Georgia, deve affrontare accuse penali per non aver vinto le elezioni del 2020 e altri ostacoli alla vittoria di novembre.

La Georgia assegna 42 delegati al vincitore di ciascuno dei suoi 14 distretti congressuali, tre delegati del Comitato Nazionale Repubblicano al vincitore a livello statale e il resto ai candidati che ricevono più del 20% dei voti.

Nonostante abbia abbandonato la corsa la scorsa settimana, l'ex governatore della Carolina del Sud Nikki Haley è ancora in ballottaggio e potrebbe portare delegati della Georgia in tutto lo stato e in alcuni distretti congressuali suburbani di Atlanta, il che significa che Trump non vincerà ufficialmente la nomination fino ai risultati di Washington. Le primarie verranno pubblicate martedì tardi oppure i caucus delle Hawaii verranno annunciati mercoledì mattina.

È anche possibile che Haley possa ottenere martedì un numero sufficiente di delegati in tutte le gare per negare a Trump una vittoria ufficiale fino alle elezioni della prossima settimana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *