Il capo di Morgan Stanley prevede che gli asset in gestione raggiungeranno i 20 trilioni di dollari a causa del rallentamento degli scambi

Ricevi aggiornamenti gratuiti su Morgan Stanley

L’amministratore delegato di Morgan Stanley, James Corman, ha previsto che la banca di Wall Street avrebbe triplicato le sue attività gestite a $ 20 trilioni, mentre una seria spinta alla gestione patrimoniale non è riuscita a compensare la lenta attività di trading nel secondo trimestre.

Corman, che prevede di dimettersi dalla carica di CEO entro la metà del prossimo anno, ha guidato l’espansione delle attività stabili di Morgan Stanley, come la gestione patrimoniale e patrimoniale.

Nonostante tale spinta, gli utili di Morgan Stanley sono stati soggetti alla volatilità del mercato, con un netto calo dei ricavi da negoziazione a reddito fisso che ha gravato sui profitti di Morgan Stanley nel secondo trimestre. L’utile netto è sceso del 13% su base annua a 2,2 miliardi di dollari, secondo le stime degli analisti.

Tuttavia, Corman ha dichiarato martedì che l’attività di gestione patrimoniale della banca è diventata una “forza inarrestabile”, insieme alla sua divisione di gestione patrimoniale, che punta a 10 trilioni di dollari di asset in gestione e alla fine raggiungerà i 20 trilioni di dollari. .

“So che la gente mi chiamerà pazzo, e so che è la fine del mio mandato e devo fare cose come questa. Ma se fai il 5% [compounding] In 14 anni, ti ritroverai con 20 trilioni di dollari”, ha detto Gorman agli analisti.

“Sembra molto lontano. Ma ho iniziato questo lavoro 14 anni fa e i 6,3 trilioni di dollari che abbiamo oggi sono molto, molto meno. Quindi è possibile”, ha detto.

READ  La SEC fa causa al più grande scambio di criptovalute del mondo

Le azioni di Morgan Stanley sono state scambiate in rialzo di oltre il 6% nelle negoziazioni mattutine a New York.

Con Corman che si dimette da amministratore delegato, Morgan Stanley dovrebbe scegliere il suo successore tra un trio composto da Ted Pick, Andy Saperstein e Dan Simkowitz.

Il braccio di gestione patrimoniale della banca, gestito da Saperstein, ha registrato ricavi per 6,7 miliardi di dollari nel trimestre, in aumento del 16% rispetto all’anno precedente e in anticipo rispetto alle stime di 6,5 miliardi di dollari. L’attività ha incassato 89,5 miliardi di dollari di nuove attività nette, più di quanto gli analisti si aspettassero di 60,3 miliardi di dollari.

Gli analisti di UBS hanno descritto gli afflussi di attività come “molto forti”.

La divisione corporate bonds di Morgan Stanley, gestita da Big e comprende investment banking e trading, ha registrato un utile netto di 5,65 miliardi di dollari, in calo dell’8% rispetto all’anno precedente e superando leggermente le aspettative degli analisti di 5,5 miliardi di dollari.

I ricavi dell’investment banking sono stati inferiori a 1,1 miliardi di dollari, superiori alle stime di 1 miliardo di dollari, e si sono conclusi con un crollo dei contratti che ha visto più di un anno di calo dei ricavi. Il trading a reddito fisso è sceso del 31% a 1,7 miliardi di dollari, in contrasto con 12 mesi fa, quando gli affari sono ripresi quando le banche centrali hanno alzato i tassi di interesse.

I ricavi del trading azionario sono diminuiti del 14% su base annua a $ 2,5 miliardi. Anche il dibattito sul tetto del debito negli Stati Uniti ha creato incertezza “inutile” nei mercati di aprile e maggio, ha detto Gorman agli analisti.

READ  La FAA ritarda i voli per gli aeroporti di New York e Newark a causa del fumo degli incendi canadesi

Martedì la Rival Bank of America ha registrato un aumento del 7% delle commissioni di investimento, mentre i suoi utili rettificati da vendite e trading sono aumentati del 10% rispetto a un anno fa.

JPMorgan Chase la scorsa settimana ha riportato un calo del 6% delle commissioni di investment banking, mentre Citigroup ha registrato un calo del 31% delle commissioni. Le entrate commerciali di JP Morgan sono diminuite del 10% e le entrate commerciali di Citi sono diminuite del 13%.

Mentre Goldman Sachs riporta i suoi risultati mercoledì, gli analisti si aspettano un trimestre debole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *