Il mercato del lavoro statunitense sfida l’aumento dei tassi, registra forti aumenti di posti di lavoro

  • I libri paga non agricoli aumentano di 253.000 ad aprile
  • Il tasso di disoccupazione scende dal 3,5% al ​​3,4%
  • La retribuzione oraria media è aumentata dello 0,5%; Un aumento del 4,4% annuo

WASHINGTON, 5 maggio (Reuters) – La crescita dell’occupazione negli Stati Uniti ha accelerato ad aprile, mentre i guadagni salariali sono aumentati in modo consistente, indicando la continua forza del mercato del lavoro che potrebbe mantenere i tassi di interesse più alti più a lungo mentre la Federal Reserve fatica a domare l’inflazione.

Il rapporto sull’occupazione di venerdì del dipartimento del lavoro ha mostrato che il tasso di disoccupazione è sceso al minimo di 53 anni del 3,4%. Nonostante i dati di febbraio e marzo siano stati leggermente rivisti, il mercato del lavoro rallenta solo marginalmente. Ha suggerito che l’economia è stata finora colpita da condizioni di credito restrittive, con gli aumenti dei tassi punitivi della banca centrale che aumentano il rischio di una recessione.

“I tassi di interesse devono essere aumentati”, ha affermato Sean Snaith, direttore dell’Institute for Economic Forecasting presso l’Università della Florida centrale. “Questo tipo di forza nel mercato del lavoro rende molto difficile per la banca centrale ridurre l’inflazione”.

I libri paga non agricoli sono aumentati di 253.000 posti di lavoro il mese scorso, ma l’economia ha creato 149.000 posti di lavoro in meno a febbraio e marzo rispetto a quanto riportato in precedenza. La crescita dell’occupazione è stata in media di 290.000 posti di lavoro al mese nei sei mesi precedenti. Gli economisti intervistati da Reuters avevano previsto che i salari salissero a 180.000.

Grafica Reuters Grafica Reuters

L’economia ha bisogno di creare 70.000-100.000 posti di lavoro ogni mese per tenere il passo con la crescita della popolazione in età lavorativa. La quota di industrie private che aggiungono posti di lavoro è aumentata dal 57% al 57,4%.

READ  Elezioni spagnole: il PP è in testa ma nessun partito emerge con un sostegno assoluto sufficiente per formare il governo

Un aumento dei salari maggiore del previsto potrebbe segnalare una ripresa primaverile dell’economia dopo il rallentamento dell’attività a febbraio e marzo.

I dati di questa settimana hanno mostrato la produzione al minimo di tre anni e la crescita del settore dei servizi in leggera ripresa. Anche le vendite di autoveicoli sono aumentate il mese scorso.

Il presidente Joe Biden ha colto il rapporto sul lavoro per sollecitare il Congresso ad aumentare il tetto del debito del governo federale tra le previsioni che il denaro finirà a giugno, il che danneggerebbe gravemente l’economia.

“L’ultima cosa di cui questo paese ha bisogno, dopo quello che abbiamo passato, è una crisi fabbricata”, ha detto Biden prima di un incontro sugli investimenti statunitensi. “Questa è una crisi manifatturiera guidata dai repubblicani MAGA al Congresso”. MAGA è l’acronimo dello slogan “Make America Great Again” dell’ex presidente Donald Trump.

Mercoledì la Federal Reserve americana ha alzato il tasso di interesse notturno di riferimento di altri 25 punti base, portandolo a un intervallo compreso tra il 5,00% e il 5,25%, segnalando che potrebbe sospendere la sua rapida campagna di inasprimento della politica monetaria dagli anni ’80. La banca centrale ha alzato il tasso ufficiale di 500 punti base da marzo 2022.

I servizi professionali e aziendali hanno aggiunto 43.000 posizioni, con il settore dei servizi che rappresenta la maggior parte dei guadagni di posti di lavoro di aprile. Ma l’occupazione nei servizi di assistenza temporanea, considerata un precursore di future assunzioni, è diminuita di sole 23.000 posizioni ed è in calo di 174.000 rispetto al picco di marzo 2022.

40.000 aumento dei salari sanitari. L’occupazione nel settore del tempo libero e dell’ospitalità è aumentata di 31.000 posti di lavoro, concentrati principalmente in ristoranti e bar. Le assunzioni sono rallentate in un settore che è stato un fattore chiave per la crescita dell’occupazione.

READ  Il Papa parla di 'missione' segreta di pace per i bambini ucraini

L’occupazione nel settore è di 402.000 posti di lavoro al di sotto del livello pre-pandemia.

I salari nelle operazioni finanziarie sono aumentati di 23.000, così come la categoria dei lavori pubblici. L’occupazione nel governo è di 301.000 posizioni al di sotto dei livelli pre-pandemia. La produzione, le vendite al dettaglio e i salari delle costruzioni sono rimbalzati dopo il calo di marzo.

Grafica Reuters Grafica Reuters

Il rapporto ha gettato acqua fredda sulle aspettative dei mercati finanziari che la banca centrale avrebbe iniziato a tagliare i tassi di interesse quest’anno. I dati sull’indice dei prezzi al consumo di aprile, in uscita mercoledì prossimo, forniranno ulteriori indizi sul percorso a breve termine della politica monetaria.

Azioni scambiate in rialzo a Wall Street. Il dollaro è sceso contro un paniere di valute. I rendimenti dei Treasury statunitensi sono aumentati.

Guadagni fissi

Alcuni economisti affermano che l’accaparramento di lavoratori da parte delle imprese dopo le difficoltà a trovare lavoratori dopo la pandemia di COVID-19 sta contribuendo a una forte crescita dell’occupazione, che dovrebbe durare almeno fino al quarto trimestre.

La retribuzione oraria media è aumentata dello 0,5% il mese scorso dopo essere aumentata dello 0,3% a marzo. I salari sono aumentati del 4,4% su base annua ad aprile dopo essere aumentati del 4,3% a marzo, in linea con altre misure come l’Employment Cost Index e l’Atlanta Fed’s Salary Tracker. La crescita dei salari è stata troppo forte per raggiungere l’obiettivo di inflazione del 2% della banca centrale.

Mentre la settimana lavorativa è rimasta invariata a 34,4 ore, le ore lavorate totali sono aumentate dello 0,2%. Ciò ha creato un aumento dello 0,7% dei salari.

READ  Video in diretta: guarda SpaceX lanciare il telescopio Euclid per studiare l'universo oscuro

Un aumento della produzione aziendale e un aumento delle ore all’inizio del secondo trimestre hanno prefigurato un rimbalzo della produttività, che ha raggiunto il picco dopo la pandemia nel 2021, ma da allora è diminuita su base annua. Sono cinque trimestri consecutivi, il tratto più lungo da quando il governo ha iniziato a monitorare la serie nel 1948.

“Le prospettive di un rimbalzo della produttività nel secondo trimestre sono buone”, ha affermato Brian Bethune, professore di economia al Boston College. “Ciò ridurrà i costi unitari del lavoro e tutti gli altri costi dovrebbero registrare il primo calo assoluto da molti anni. Le prospettive di un’inflazione graduale nel secondo e terzo trimestre sono ancora buone”.

Grafica Reuters

I dettagli dell’indagine sulle famiglie in cui è stato calcolato il tasso di disoccupazione sono stati incoraggianti. Il lavoro domestico è aumentato, mentre la forza lavoro è leggermente diminuita.

Ha anche abbassato il tasso di disoccupazione al 3,4%, raggiungendo il livello più basso dal 1969, in calo dal 3,5% di marzo. Il tasso di disoccupazione per i neri ha raggiunto un nuovo massimo storico del 4,7%.

Il tasso di partecipazione alla forza lavoro, ovvero la percentuale di americani in età lavorativa o in cerca di lavoro, è rimasto invariato al 62,6%. Ma la percentuale di persone di età compresa tra 25 e 54 anni è salita al massimo degli ultimi 15 anni dell’83,3%.

Grafica Reuters Grafica Reuters

Il rapporto tra occupazione e popolazione in prima età, una misura della capacità dell’economia di generare occupazione, è salito all’80,8%, il livello più alto dal maggio 2001.

“La recessione non è ancora iniziata”, ha dichiarato Steven Blitz, capo economista statunitense presso TS Lombard a New York.

Relazione di Lucia Muticani; Montaggio di Andrea Ricci

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *