L’OPEC+ annuncia tagli a sorpresa alla produzione di petrolio

  • La mossa inaspettata arriva prima della riunione dei ministri di lunedì
  • Gli impegni totali di taglio dell’OPEC+ sono ora pari a 3,66 milioni di barili al giorno
  • Il petrolio potrebbe toccare i 10 dollari al barile – Analista

DUBAI, 2 aprile (Reuters) – L’Arabia Saudita e altri produttori di petrolio OPEC+ hanno annunciato domenica ulteriori tagli alla loro produzione, provocando un aumento immediato dei prezzi di circa 1,16 milioni di barili al giorno, dicono gli analisti.

Lo sviluppo arriva un giorno prima di una riunione virtuale del gruppo ministeriale dell’OPEC+, che comprende Arabia Saudita e Russia, e si prevedeva già che rimanesse in tagli di 2 milioni di barili al giorno fino alla fine del 2023.

Sorprendenti tagli alla produzione

I prezzi del petrolio sono scesi a 70 dollari al barile il mese scorso, il minimo di 15 mesi, a causa dei timori che la crisi bancaria globale danneggerà la domanda. Tuttavia, dopo che le fonti hanno minimizzato la prospettiva e il petrolio greggio è rimbalzato a $ 80, non si prevede alcuna ulteriore azione da parte dell’OPEC+ a sostegno del mercato.

L’ultimo taglio potrebbe aumentare i prezzi del petrolio di 10 dollari al barile, ha detto domenica il capo della società di investimento Pickering Energy Partners, mentre il broker petrolifero PVM ha dichiarato di aspettarsi un miglioramento immediato quando le negoziazioni riprenderanno dopo il fine settimana.

“Mi aspetto che il mercato sia più alto di diversi dollari.

Gli impegni di domenica portano il volume totale dei tagli da parte dell’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio, della Russia e di altri alleati a 3,66 milioni di barili al giorno, pari al 3,7% della domanda globale, secondo i calcoli di Reuters.

READ  Tre accusati nel 2018 dell'omicidio del rapper XXXTentacion

L’OPEC sta “prendendo misure proattive in caso di potenziali tagli alla domanda”, ha dichiarato domenica Amrita Sen, fondatrice e direttrice di Energy Features.

Il ministero dell’Energia dell’Arabia Saudita ha affermato che il taglio volontario del regno è una misura precauzionale volta a sostenere la stabilità del mercato petrolifero.

Lo scorso ottobre, l’OPEC+ ha concordato un taglio della produzione di 2 milioni di barili al giorno da novembre alla fine dell’anno, facendo arrabbiare Washington mentre le scorte limitate fanno salire i prezzi del petrolio.

Gli Stati Uniti hanno sostenuto che il mondo ha bisogno di prezzi più bassi per sostenere la crescita economica e impedire al presidente russo Vladimir Putin di aumentare le entrate per finanziare la guerra in Ucraina.

Le riduzioni volontarie impreviste della domenica inizieranno a maggio e dureranno fino alla fine dell’anno.

Mossa saudita

Secondo i rapporti ufficiali, il produttore dell’OPEC, l’Arabia Saudita, ha affermato che l’Iraq taglierà la sua produzione di 211.000 barili al giorno, mentre l’Iraq taglierà la produzione di 500.000 barili al giorno.

Gli Emirati Arabi Uniti hanno annunciato un taglio della produzione di 144.000 barili al giorno, il Kuwait di 128.000 barili al giorno, l’Oman di 40.000 barili al giorno e l’Algeria di 48.000 barili al giorno. Anche il Kazakistan ridurrà la produzione di 78.000 barili al giorno.

Il vice primo ministro russo Alexander Novak ha dichiarato domenica che Mosca estenderà il taglio volontario di 500.000 barili al giorno fino alla fine del 2023. Mosca ha annunciato unilateralmente tali tagli a febbraio in seguito all’introduzione dei massimali di prezzo occidentali.

Una fonte dell’OPEC+ ha affermato che il Gabon taglierà volontariamente 8.000 barili al giorno e che non tutti i membri dell’OPEC+ hanno aderito alla mossa, con alcuni che sono già scesi al di sotto dei livelli concordati a causa della mancanza di capacità produttiva.

READ  La contea di Wake emette un avviso di rabbia dopo che 5 persone risultano positive al test nel quartiere di Wake Forest

Dopo i tagli unilaterali della Russia, i funzionari statunitensi hanno affermato che la sua alleanza con altri membri dell’OPEC si stava indebolendo, ma la mossa di domenica ha mostrato che la cooperazione era ancora forte.

Grafica Reuters

(Segnalazione di Maha El Dahan, Ahmed Rasheed, Dmitry Zhdanikov e Adam Makari, segnalazione aggiuntiva di Alex Lawler, Ahmed Khader e Gary McWilliams) Sceneggiatura di Alex Lawler Montaggio di Hugh Lawson, Sharon Singleton e Philippa Fletcher

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *