Bill Barr definisce “oltraggiosa” la difesa dei documenti riservati da parte di Donald Trump

L’ex procuratore generale William B. Barr ha continuato la sua condanna delle azioni di Trump dettagliate in un atto d’accusa federale recentemente non sigillato domenica, paragonando il suo ex capo Donald Trump a un “bambino ribelle di 9 anni”.

Parlando a “Face the Nation” di CBS News, Barr, un repubblicano, ha respinto molti dei punti di discussione del suo partito scusando le presunte azioni dell’ex presidente.

“La teoria legale secondo cui avrebbe preso piani di guerra e informazioni sensibili sulla sicurezza nazionale come suoi documenti personali è assurda”, ha detto Barr. “È assurdo quanto la teoria legale che hanno escogitato per consentire al vicepresidente di decidere unilateralmente chi ha vinto le elezioni”.

Barr ha detto che Trump ha fatto alcune cose buone come presidente, ma non crede che Trump dovrebbe continuare lo standard repubblicano.

“Metterà sempre i propri interessi e soddisferà il proprio ego sopra ogni altra cosa, compresi gli interessi del paese”, ha detto Barr. “Questo è un esempio perfetto.”

Il 6 gennaio 2021, Barr si è dimesso dal gabinetto di Trump nel dicembre 2020 a causa di disaccordi con il presidente sulla sua accettazione dei risultati elettorali, dopo aver preso le distanze da Trump dopo una rivolta mortale al Campidoglio degli Stati Uniti.

Barr ha anche detto alla CBS che crede che Trump sia vulnerabile nel caso del 6 gennaio. Il consigliere speciale Jake Smith e il suo team stanno anche indagando sugli sforzi di Trump per interrompere le elezioni presidenziali del 2020 e se sia penalmente responsabile di aspetti dell’attacco del 6 gennaio.

READ  Artemis II: la NASA rivelerà quali quattro astronauti ha scelto per un viaggio sulla luna

Il 18 giugno, i candidati presidenziali repubblicani hanno risposto all’impeachment e all’accusa federale dei documenti riservati dell’ex presidente Donald Trump. (Video: Jackson Barton/The Washington Post)

Alla fine della scorsa settimana, Barr ha detto a Shannon Bream di Fox News che l’accusa federale di Trump “è avvenuta a causa del comportamento sconsiderato del presidente”.

“Penso che il governo abbia agito in modo responsabile”, ha detto Barr alla Fox. “Gli hanno dato tutte le possibilità di restituire quei documenti. Ha agito con calma. Erano molto rispettosi con lui ed erano molto pazienti.

L’ex governatore del New Jersey Chris Christie (R), un critico vocale di Trump tra le aspiranti presidenziali repubblicane, è apparso domenica su “Face the Nation”, descrivendo il comportamento di Trump come “indifendibile”.

“Non saremmo qui se il governo avesse chiesto a Donald Trump dozzine di volte di consegnare i documenti, le volte che un gran giurì li ha notificati con un mandato di comparizione”, ha detto Christie.

Rappresentante Michael R. Turner (R-Ohio) ha paragonato il caso di Trump alle indagini in corso sul presidente Biden. Prima di restituire i documenti ai funzionari negli uffici privati, Turner ha ammesso in un’intervista a “State of the Union” della CNN che Trump aveva conservato i suoi documenti per molto tempo.

“Certamente non difenderò la condotta elencata in quella denuncia”, ha detto Turner, presidente della House Intelligence Committee. “Ma devono dimostrarlo. Ed è un processo legale che deve andare avanti.

Trump è stato accusato di conservare i documenti anche dopo le richieste della National Archives and Records Administration e del Dipartimento di Giustizia di restituirli. Gli avvocati di Biden hanno affermato di aver collaborato con le autorità in ogni fase delle indagini dopo aver ottenuto i documenti utilizzati da Biden prima che diventasse presidente presso l’ufficio di un think tank a Washington. I pubblici ministeri hanno dichiarato di aver immediatamente restituito tutto il materiale riservato trovato nell’ufficio ea casa del presidente a Wilmington.

READ  Aggiornamenti in tempo reale: presidente iraniano e ministro degli Esteri uccisi in un incidente in elicottero

Domenica altri repubblicani hanno criticato Trump, compreso l’ex segretario alla Difesa Mark T. Esper ha sottolineato i pericoli per gli Stati Uniti in possesso di tali documenti riservati.

“Voglio dire, è sconsiderato, sta mettendo a rischio i nostri membri del servizio, sta mettendo a rischio la sicurezza della nostra nazione”, ha detto Esper alla CNN. “Non puoi portare questi documenti in giro. Dovrebbero essere protetti”.

Alcune aspiranti presidenziali repubblicane si rifiutano di condannare l’ex presidente.

In un’intervista a Fox News, il Sen. Tim Scott (RS.C.) ha ripetuto la stessa affermazione infondata che Trump e i suoi alleati hanno fatto da quando sono iniziate le indagini sui documenti mancanti: che il Dipartimento di Giustizia e l’FBI sono armati contro. Ex presidente.

“Questo DOJ continua a depredare i repubblicani mentre protegge i democratici”, ha detto Scott.

Alla domanda se perdonerà Trump se eletto presidente, Scott ha detto che “non manipolerà l’immaginazione, ma dirà che ogni americano è innocente fino a prova contraria”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *