Dominic Raab: il primo ministro britannico Rishi Sunak è scioccato dalle dimissioni del principale alleato per le accuse di bullismo



Cnn

Il primo ministro britannico Rishi Sunak ha subito un duro colpo alla sua premiership venerdì quando uno stretto collaboratore si è dimesso a causa delle accuse di aver maltrattato i funzionari.

In una lettera di dimissioni pubblicata su Twitter venerdì, Dominic Raab ha deciso di dimettersi dalla carica di vice primo ministro e segretario alla giustizia dopo che un’inchiesta ufficiale ha rilevato che alcune delle accuse contro di lui erano fondate. Sunak ha detto di aver accettato le dimissioni di Robin “con grande tristezza”.

La revisione su Rapp, condotta dall’investigatore indipendente Adam Tolley, ha fatto seguito a otto denunce formali sulla sua condotta mentre agiva come ministro degli esteri, segretario per la Brexit e segretario alla giustizia.

“Ho chiesto un’indagine e ho promesso di dimettermi se fosse stato scoperto un atto di bullismo. Credo sia importante mantenere la mia parola”, ha detto.

Ha detto che l’indagine sulle accuse “ha respinto tutte le affermazioni fatte contro di me tranne due” e che “in quattro anni e mezzo non ho mai imprecato o urlato contro nessuno, lanciato qualcosa o minacciato fisicamente nessuno”. , o non cercare intenzionalmente di sminuire nessuno.

La dichiarazione, rilasciata integralmente dopo le dimissioni di Rob venerdì, afferma: “Ha agito in modo intimidatorio, nel senso di un comportamento irragionevole e persistentemente aggressivo nel contesto di una riunione di lavoro. Include anche l’abuso o l’abuso di potere in un modo che indebolisce o umilia.

Robin ha detto che “il comportamento della vittima è stato avvilente o umiliante, il che era inevitabile. Si deve presumere che [Raab] Sapeva che era il risultato della sua condotta; Almeno, dovrebbe saperlo.

READ  "Potente" nor'easter per portare forti nevicate da lunedì notte, dicono i meteorologi

Raab ha affermato di ritenere che il rapporto costituisca un “pericoloso precedente per aver fissato la soglia per il bullismo troppo bassa” e che i suoi risultati fossero “errati”.

Da quando è entrato a far parte del governo nel 2015 come sottosegretario, Rob ha ricoperto diverse posizioni di rilievo. Oltre a servire come vice primo ministro, è stato segretario alla giustizia e cancelliere del governo del primo ministro Rishi Sunak.

Era ministro degli Esteri sotto Boris Johnson, ma è stato licenziato dopo aver ricevuto aspre critiche in seguito al ritiro del Regno Unito dall’Afghanistan. Era in Grecia in vacanza mentre i talebani conquistavano l’Afghanistan.

Poco prima della caduta di Kabul, ha affrontato richieste di dimissioni dopo che è emerso che aveva chiesto a un aiutante di gestire una chiamata di emergenza con il ministro degli Esteri afghano riguardante l’espulsione di interpreti che avevano prestato servizio con le forze armate britanniche. La telefonata non è mai avvenuta.

Keir Starmer, leader del partito laburista di opposizione, ha criticato Raab per aver permesso a Sunak di dimettersi invece di licenziarlo. Parlando alla BBC venerdì, Starmer ha affermato che la decisione ha mostrato “debolezza dall’alto verso il basso” del governo. “C’è una doppia debolezza qui. Non avrebbe mai dovuto nominarlo e poi non lo ha licenziato”, ha aggiunto.

Le dimissioni di Robin sono un duro colpo per Sunak, che, nonostante provenga dalla destra del Partito conservatore, è stato descritto come più morbido dei suoi predecessori Liz Truss e Johnson.

Il paragone di Johnson è particolarmente azzeccato, poiché Sunak è stato Cancelliere dello Scacchiere durante la pandemia di Covid, quando si è dimesso quando gli scandali hanno travolto l’allora primo ministro. Gli alleati di Johnson credono che le dimissioni di Sunak alla fine abbiano portato alla fine del suo mandato e non lo hanno perdonato.

READ  I mercati asiatici sono misti poiché gli investitori valutano i dati economici della regione

Robb, che ha ricordato a Sunak nella sua lettera di dimissioni la sua lealtà dalla sua fallita candidatura alla leadership la scorsa estate, è visto come un convinto Brexiteer e una pietra miliare della destra del partito. Ha attirato l’attenzione del movimento euroscettico nel 2014 quando ha guidato una rivolta di 81 parlamentari contro l’allora primo ministro e convinto eurofilo David Cameron.

Rob ha rafforzato le credenziali di destra di Sunak, contribuendo a spingere le politiche necessarie per portare con sé quella parte del partito. Mentre Rob ha promesso la sua lealtà a Sunak, gli ex ministri possono creare problemi nell’ultima fila se lo desiderano.

La domanda ora è se Rob vuole farlo o no. È veramente fedele a Sunak e capisce che Sunak è in realtà un alleato politico di destra del partito. Tuttavia, la sua lettera di dimissioni indicava che Raab non era molto contento di dover lasciare il governo.

I giorni a venire ci diranno fino a che punto Rob è stato spinto o saltato. Se è il primo, potrebbe avere motivo di rendere la vita difficile a Sunak mentre combatte contro gli alleati di Johnson alla destra del partito.

Rob è il secondo partner di Chung a dimettersi per accuse di bullismo in meno di sei mesi. Il ministro dell’ufficio di gabinetto Gavin Williamson si è dimesso dal suo incarico a novembre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *