Harrison Ford soffoca le lacrime alla premiere di Cannes di ‘Indiana Jones’

CANNES, Francia — La sola vista di Harrison Ford ha trasformato una stanza piena di giornalisti in fan piagnucolosi ed entusiasti. Quando il nome di Ford è stato annunciato alla conferenza stampa del venerdì mattina per la premiere della sua quinta e ultima uscita nei panni di Indiana Jones, i giornalisti presenti sono scoppiati in una standing ovation. Quando sembrava soffocare le lacrime mentre rispondeva alle domande, il che accadeva spesso! – Un udibile “awww!” L’intera stanza tremò.

“Grazie per essere venuto!” Un giornalista brasiliano ha urlato a Ford alla fine della sua domanda.

L’amata icona del cinema si è emozionata durante la premiere di “Indiana Jones e il quadrante del destino” di giovedì sera e durante gli eventi stampa del giorno successivo. Poco prima dell’inizio della proiezione, è rimasto senza fiato quando gli è stata presentata una Palma d’oro onoraria a sorpresa dopo aver interpretato una bobina della sua vita nei film. È scoppiato in lacrime mentre la folla lo inondava di applausi. Quando il moderatore di Presser ha detto quanto sia stato commovente vederlo sul palco alla premiere, ha faticato a trovare le parole quando gli è stato chiesto come ci si sentiva.

“Indescrivibile,” rise Ford, scuotendo la testa. “Sembrava… non riesco nemmeno a descriverlo. È insolito vedere una sorta di memoriale quando la tua vita è passata. Il calore di questo posto, il senso di comunità, è così accogliente. E mi fa sentire bene.

Oltre a ringraziare sua moglie Calista Flockhart, il regista di “Destiny” James Mangold e gli attori Phoebe Waller-Bridge e Mats Mikkelsen, Ford si è rivolto direttamente al pubblico mentre accettava la sua Palma d’Oro. “Avete dato alla mia vita uno scopo e un significato, e per questo vi sono grato”, ha detto alla folla.

A 80 anni, Ford sembra più vivace che mai – con un aiuto CGI molto evidente – in una scena che lo mostra mentre insegue un cavallo attraverso una parata e la metropolitana di New York City, risciò da petalo al metallo. Le strettissime strade di Tangeri in Marocco e schivare le lance volanti degli antichi romani e le pallottole dei nazisti. I critici sono stati contrastanti sulla nuova versione indipendente, che ha presentato Waller-Bridge come la figlia alla ricerca di artefatti del partner britannico di Indy Basil Shaw (Toby Jones), che sembra essere alla ricerca di un antico dispositivo greco per viaggiare nel tempo per motivi mercenari, ma il cui la vera motivazione, ovviamente, è completare l’eredità di suo padre. Varietà L’ha definita “la parte infelice del nostalgico Hogham”. L’Hollywood Reporter Ha detto che era “ovviamente fasullo”. Il pubblico alla proiezione delle 8:30 di venerdì ha affrontato un fiasco organizzativo, lasciando molti possessori di biglietti sotto la pioggia e riempiendo il teatro di non possessori di biglietti. Un recensore americano ha commentato i suoi goffi colleghi della sera prima: “È così divertente! È come se si fossero dimenticati di non essere Kubrick!”

READ  83,3 milioni di dollari e. Trump ha fallito nel suo tentativo di ritardare la sentenza Jean Carroll

A Ford non potrebbe importare di meno delle recensioni. L’attore era raggiante all’after-party della prima festa del film, che presentava un sacco di stuzzichini e pareti dipinte come panorami in Marocco. È rimasto fino a tardi in un’area VIP protetta, ha applaudito, stretto la mano e concesso alcuni minuti del suo tempo a ciascun benefattore, tra cui il presidente della Disney Bob Iger, Karlie Kloss e Gemma Chan di Waller-Bridge. Una festa vicina stava avendo conversazioni animate, sottolineando i suoi punti con una sigaretta accesa in mano.

Il buon umore di Ford, mescolato a molti sussulti, ha continuato la conferenza stampa, in particolare in uno scambio con la giornalista australiana Helen Barlow, che ha dichiarato all’attore: “Penso che tu sia ancora piuttosto sexy”. Poi gli chiede della scena in cui si toglie la maglietta e mostra ancora i suoi addominali da otto. Quanto è sano e può andare a cavallo?

Ford: “Sì, posso andare a cavallo se me lo permettono. Grazie. Ho dimenticato tutto finché non sai andare a cavallo.”

Mangold ha aiutato, chiedendogli cosa stesse facendo per mantenersi in forma.

Ford fece un sorriso sfacciato alla Indiana Jones, si sporse verso il microfono e sussurrò: “Guarda, sono stato benedetto con questo corpo”. Ford ha aspettato che le risate si placassero prima di consegnare il suo kicker.

“Grazie per aver guardato fuori.”

Il film esce in tutto il mondo il 30 giugno, ma questa doppia proiezione a Cannes è stata in realtà un tour di apprezzamento di Harrison Ford. Mentre Ford ringraziava i suoi fan, molti di loro erano lì per ringraziarlo. “Indiana Jones” non era in competizione alla cerimonia; È un regalo per gli spettatori che sono cresciuti con i film di Ford ed erano disposti a sfidare la folla per lunghi periodi di tempo con i tacchi alti. prima del resto del mondo.

READ  'Se non ora, quando?': Il primo ministro australiano emozionato va avanti con il referendum indigeno

Alla conferenza stampa, il cast e Mangold si sono alternati a elogiare Ford e il franchise. “Ho visto ‘I predatori dell’arca perduta’ quando avevo 17 anni, e questo è uno dei motivi per cui sono un regista in un centro commerciale nello stato di New York il giorno dell’inaugurazione”, ha detto Mangold. Shannette Renee Wilson (“Black Panther”), che interpretava un agente della CIA negli anni ’70, ha parlato dei film che l’hanno introdotta nella cultura americana come immigrata della Guyana. Boyd Holbrook, che interpreta uno scagnozzo nazista, ha spiegato che i film hanno ispirato molti a fare film. “Ma prima di voler diventare un attore, volevo essere Indiana Jones”, ha detto.

Per lo più, però, la conferenza stampa ha lasciato Ford commoventemente riflessivo e grato. Ha parlato del motivo per cui ha rifiutato diverse versioni della sceneggiatura in precedenza. Era perché voleva completare cinque film idonei per il franchise. “Volevo vedere quest’uomo fare così tanto affidamento sulla sua giovinezza e sul vigore della giovinezza – volevo vedere il peso della vita su di lui. “Volevo vederlo aver bisogno di essere reinventato e supportato, e volevo che avesse una relazione che non fosse un normale tipo di relazione da film civettuolo”, ha detto Ford.

Quando Mangold ha diretto la sceneggiatura e il cast insieme, sembrava destino, ha detto. “Tutto si sta unendo per sostenermi nella mia vecchiaia”, ha detto. “Amo il lavoro. Quindi amo lavorare e raccontare storie. E poi si soffoca parlando di quanto tutti si siano riversati nel film. (Awwwdissero i giornalisti intorno a me.)

Guardò indietro a come Quasi non ha agito come un indie Innanzitutto, come il suo successo non sia stato davvero una fortuna con il talento, perché molti attori di talento non ottengono la loro possibilità. “Sono stato fortunato a lavorare con persone incredibilmente talentuose, a trovare la mia strada in questo gruppo di geni e non essere espulso quando non ho fatto come volevo”, ha detto.

READ  Israele accetta la proposta americana di scambio di prigionieri-ostaggi e attende la risposta di Hamas, dice l'analista della CNN

Ha parlato se tiene il cappello del film. (No, viene messo all’asta per beneficenza. Ha uno dei suoi film passati, ma sono davvero le esperienze che fa tesoro.)

Ha riso del suggerimento di un giornalista che avrebbe potuto avere un altro film di Indiana Jones. “Non lo sai?” disse, ai ruggiti della folla. “Ho bisogno di sedermi e riposarmi un po’. Ma amo il lavoro. Amo questo personaggio e amo ciò che ha portato nella mia vita.

Quando un giornalista gli ha chiesto come ci si sente a vedere una versione più giovane di se stesso in alcuni film, si è meravigliato della tecnologia ma non ha avuto nostalgia. L’indie, sulla lotta ai nazisti nella seconda guerra mondiale, è stato modellato da filmati reali che Lucasfilm aveva archiviato nel corso degli anni. Incredibile da guardare, Ford ha 80 anni e non ha importanza.

“Sono molto contento, ma non mi guardo indietro e dico: ‘Vorrei essere di nuovo quel ragazzo’, perché non lo sono”, ha detto, prima di lasciare la conferenza stampa e incontrare circa 300 fan riuniti nel corridoio in attesa della sua partenza Lo stesso Ford si fermò per quanti più minuti possibile, firmò autografi e fece selfie.

“Sai una cosa? Sono molto contento dell’età”, ha concluso, “adoro essere vecchio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *