Bed Path & Beyond presenta istanza di fallimento

New York (CNN) Bed Bath & Beyond, il negozio degli anni ’90 e 2000 per tutti i tuoi articoli per la casa, ha presentato istanza di fallimento domenica.

“Grazie a tutti i nostri affezionati clienti. Abbiamo preso la difficile decisione di cessare le nostre attività”, ha dichiarato domenica mattina una dichiarazione sul sito Web dell’azienda.

Le sedi 360 Bed Bath & Beyond dell’azienda rimarranno aperte, così come i suoi 120 negozi e siti Web buybuy BABY. La società ha contratto un prestito di 240 milioni di dollari per finanziare le sue operazioni durante il fallimento.

Ma le vendite di chiusura dei negozi iniziano mercoledì e Bed Bath & Beyond chiuderà alcuni negozi. Quanti – o cosa succede ai suoi 14.000 dipendenti – dipende da cosa succede dopo.

Una dichiarazione di fallimento non significa che una società fallisce. Molte grandi aziende statunitensi hanno presentato istanza di fallimento, utilizzandolo per ridurre il debito e altre spese che non possono pagare. Ma anche se Bed Bath and Beyond esce dalla bancarotta, il suo futuro è tutt’altro che garantito.

La società ha detto che avrebbe cercato di vendere parte o tutta la sua attività. Se riesce a trovare un acquirente, Bed Bath & Beyond smetterà di chiudere i negozi. Ma se un acquirente non si fa avanti, Bed Bath & Beyond liquiderà completamente e cesserà l’attività.

È possibile che la società emerga dal fallimento come rivenditore solo online, ha affermato l’analista di vendita al dettaglio di Global Data Neil Sanders.

“Alla fine, quando uscirà dalla bancarotta, Bed Bath & Beyond sarà l’ombra di se stesso”, ha detto.

Bed Bath & Beyond è stato il coronamento di un’era di cosiddetti “killer di categoria” – catene che dominavano la vendita al dettaglio – come Toys “R” Us, Circuit City e Sports Authority. Queste società alla fine hanno anche presentato istanza di fallimento poiché gli acquirenti hanno abbandonato i grandi negozi specializzati a favore di opzioni online come Amazon.

Chris Hammons scarica un sacco di merce in un negozio Pet Bath & Beyond a Dallas, in Texas, il 23 settembre 2009.

Bed Bath & Beyond è noto per le sue pile di pentole e padelle, asciugamani e biancheria da letto dal pavimento al soffitto nei suoi negozi cavernosi e per i suoi onnipresenti buoni sconto del 20%. IL Buoni blu e bianchi è diventato un’icona della cultura pop e milioni di americani li hanno nascosti nelle loro auto, armadi e scantinati.

I clienti utilizzeranno i restanti coupon del 20% di sconto domenica, lunedì e martedì, ha affermato la società. La società smetterà di accettarli mercoledì. Invece, Bed Bath & Beyond prevede di offrire “forti sconti” sui suoi prodotti come parte delle sue vendite in uscita.

READ  Fox News si accorda con Dominion per $ 787 milioni, evita il processo per diffamazione per le sue bugie elettorali del 2020

Il rivenditore ha attirato una vasta gamma di clienti vendendo marchi famosi a prezzi scontati. I marchi volevano un posto sugli scaffali di Bed Bath & Beyond, sapendo che avrebbe portato a grandi vendite. Inoltre, il layout del negozio aperto incoraggiava gli acquisti d’impulso: gli acquirenti entravano per acquistare cibi freschi e se ne andavano con cuscini, asciugamani e altri oggetti.

I negozi erano un punto fermo per gli acquirenti durante le vacanze invernali e le stagioni scolastiche e universitarie, e Bed Bath & Beyond aveva anche una forte attività di registro dei bambini e delle nozze.

Ma la società con sede nel New Jersey è stata lenta nel rispondere ai cambiamenti degli acquisti e ha faticato a corteggiare i clienti che sono passati ad Amazon, Target e altre catene.

Nella sua dichiarazione di fallimento, Bed Bath & Beyond ha affermato di avere un debito di 5,2 miliardi di dollari e un patrimonio di soli 4,4 miliardi di dollari. Domenica si è assicurata un finanziamento di 240 milioni di dollari e non ci è voluto molto per chiudere i suoi negozi e cessare le operazioni.

L’azienda ha incoraggiato gli acquirenti a cercare i suoi articoli scontati entro questa settimana. Gli articoli acquistati prima di mercoledì possono essere restituiti fino al 24 maggio, ma tutte le vendite effettuate dopo mercoledì sono definitive. Il negozio smetterà di accettare buoni regalo a partire dall’8 maggio.

Periodo superstore

Fondata nel 1971 da Warren Eisenberg e Leonard Feinstein, due veterani del settore della vendita al dettaglio a prezzi scontati a Springfield, nel New Jersey, la catena di piccoli negozi di biancheria e bagno – allora chiamata Bed N Bath – vendeva originariamente biancheria da letto di design nel nord-est e in California. , una nuova tendenza all’epoca. A differenza dei grandi magazzini, non si basa su eventi di vendita per attirare i clienti.

L’azienda ha cambiato il suo nome in Bed Bath & Beyond nel 1987, riflettendo i suoi prodotti ampliati e i “superstore” più grandi. La società è diventata pubblica nel 1992 con 38 negozi e un fatturato di circa $ 200 milioni.

“Abbiamo assistito alla scossa dei grandi magazzini e sapevamo che i negozi specializzati sarebbero stati la prossima ondata di vendita al dettaglio”, ha affermato Feinstein. disse Nel 1993. “È stato l’inizio di un approccio di design alla biancheria e agli articoli per la casa e abbiamo visto una vera opportunità”.

I clienti controllano gli articoli nei carrelli della spesa in un negozio Bed, Bath & Beyond a New York City il 18 gennaio 1994.

Nel 2000, quelle cifre erano cresciute fino a 241 negozi e 1,1 miliardi di dollari di vendite annuali. Il millesimo negozio Bed Bath & Beyond è stato aperto nel 2009, quando la catena ha raggiunto 7,8 miliardi di dollari di vendite annuali.

READ  Vincitori dei James Beard Awards 2023: elenco completo

L’azienda è una specie di iconoclasta. Si basava su coupon stampati distribuiti sui giornali settimanali per attirare i clienti.

“Perché dovremmo offrire a un cliente uno sconto su qualcosa che desideri, non qualcosa che vogliamo vendere? Invieremo un coupon e sarà più economico”, ha detto Eisenberg in un’intervista del 2020 al New York Times.

La catena era nota per consentire ai gestori dei negozi di decidere quali prodotti immagazzinare, personalizzare i loro singoli negozi e spedire i prodotti direttamente ai negozi anziché a un magazzino centrale.

L’ascesa degli acquisti online

Ma quando il mattone e la malta hanno iniziato a lasciare il posto all’e-commerce, Bed Bath & Beyond ha rallentato la transizione: un passo falso dato che l’arredamento per la casa è una delle categorie più comunemente acquistate online.

“Abbiamo perso la barca su Internet”, Eisenberg disse In una recente intervista al Wall Street Journal. (I co-fondatori non sono più associati alla società.)

Lo shopping online ha indebolito l’attrattiva dei coupon preferiti dai fan di Bed Bath & Beyond, poiché i clienti possono trovare molte alternative più economiche su Amazon o sfogliare una selezione più ampia su siti come viandante (W).

Tuttavia, Amazon e lo shopping online non sono gli unici di cui Bed Bath & Beyond è inondato.

Walmart (WMT), bersaglio (DGT) E Costco (costo) sono cresciuti negli ultimi dieci anni e sono stati in grado di attrarre clienti a Bed Bath & Beyond con i loro prezzi bassi e l’ampia gamma di prodotti. Anche le catene di sconti come HomeGoods e TJ Maxx hanno ridotto i prezzi su Bed Bath & Beyond.

Senza la distinzione di prezzi più bassi o una selezione più ampia, le vendite di Bed Bath & Beyond sono rimaste stagnanti dal 2012 al 2019.

Gli acquirenti controllano i prodotti per la pulizia mentre fanno acquisti all’interno di un negozio Bed Bath & Beyond a New York il 13 aprile 2011.

Poi la pandemia ha colpito nel 2020. La società ha temporaneamente chiuso tutti i suoi negozi mentre competeva con quelli che considera “rivenditori essenziali”, come Walmart. Le vendite sono diminuite del 17% nel 2020 e del 15% nel 2021.

READ  Carlos Algarz vs. Novak Djokovic nella finale maschile

Inoltre, negli ultimi anni Bed Bath & Beyond è passato attraverso vari dirigenti e strategie di turnaround.

L’ex dirigente di Target Mark Tritton ha preso il timone nel 2019 con il supporto degli investitori e una nuova audace strategia. Ha ritirato coupon e merce da marchi nazionali a favore dei marchi a marchio privato di Bed Bath & Beyond.

Ma il cambiamento ha alienato i clienti che erano stati fedeli ai grandi marchi. L’azienda è rimasta indietro nel pagamento dei venditori e i negozi non avevano abbastanza prodotti per rifornire gli scaffali. Tritton si dimetterà da CEO nel 2022.

Lotta per evitare il fallimento

Letto Bagno e oltre (PPPY)Da mesi vacilla sull’orlo della bancarotta.

A febbraio, è riuscita a evitare il fallimento completando una complessa offerta di azioni che ha fornito sia liquidità immediata sia una promessa di ulteriori finanziamenti per saldare il debito in futuro. L’offerta è sostenuta dal gruppo di private equity Hudson’s Bay Capital.

Ma Bed Bath & Beyond ha detto il mese scorso risolto il contratto Si è rivolto al mercato pubblico in uno sforzo di raccolta fondi con Hudson’s Bay Capital per finanziamenti futuri.

L’azienda si sta anche restringendo per risparmiare denaro. All’inizio di quest’anno ha detto che l’avrebbe fatto più vicino Circa 400 sedi, ma manterrà aperti negozi redditizi nei mercati chiave.

E l’azienda ha cercato di risparmiare denaro TFR non corrisposto Per alcuni dei lavoratori licenziati in procinto di chiudere i negozi.

Bed Bath & Beyond ha licenziato 1.295 lavoratori nel New Jersey questo mese, pochi giorni prima dell’entrata in vigore di una nuova legge statale che darà ai lavoratori che perdono il lavoro un’indennità di licenziamento, l’equivalente di una settimana di paga all’anno.

Tuttavia, tutte queste mosse non sono state sufficienti per evitare il fallimento della catena un tempo dominante.

E Bed Bath & Beyond è l’ultima catena di vendita al dettaglio a presentare istanza di fallimento quest’anno. I fallimenti si stanno accumulando nel settore della vendita al dettaglio mentre i tassi di interesse aumentano e la spesa discrezionale diminuisce.

David Bridal, Party City, martedì mattina, il produttore di materassi Serta Simmons e il rivenditore di negozi di animali Independent Pet Partners hanno tutti presentato istanza di fallimento nelle ultime settimane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *